Porta la Sporta: mai più sacchetti di plastica

Dall’Associazione dei Comuni Virtuosi parte la campagna “Porta la Sporta”. L’iniziativa si propone di frenare l’uso delle buste di plastica proponendo alternative pratiche ed ecocompatibili. Per saperne di più abbiamo intervistato Silvia Ricci, referente della campagna e membro dell’Associazione dei Comuni Virtuosi.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Salvina Elisa Cutuli

porta la sporta
La Campagna “Porta la Sporta” è un'iniziativa per frenare l'abuso di sacchetti di plastica e promuovere alternative virtuose.
Ciascuno di noi ne accumula in casa quantità sufficienti per almeno due vite. Stiamo parlando delle buste di plastica, il cui uso ed abuso provoca pesanti danni all’ambiente. La campagna Porta la sporta, promossa dall'Associazione dei Comuni Virtuosi, nasce dunque con l’obiettivo di frenare l’immissione di plastica nell’ambiente e allo stesso tempo promuovere alternative ecocompatibili e comportamenti virtuosi. Al fine di conoscere al meglio questa iniziativa abbiamo intervistato Silvia Ricci, Referente Campagna "Porta la Sporta" e membro dell'Associazione dei Comuni Virtuosi.

Silvia Ricci, come e perché nasce l’iniziativa Porta la sporta?

L'iniziativa nasce dal desiderio di voler incidere in una problematica di cui l'opinione pubblica è per lo più ignara e cioè il pesante impatto ambientale causato dalla plastica che si sta accumulando nell'ambiente e nei mari arrivando ad inquinare anche minuscole isole disabitate dell'Oceano Pacifico.

Per non parlare, poi, dei danni causati dai contaminanti chimici contenuti nella plastica che sono entrati, risalendo la catena alimentare, nel nostro DNA, con gravi ripercussioni sulla nostra salute, quali l'insorgenza di tumori, danni a fegato e reni, disfunzioni del sistema riproduttivo e alterazioni del sistema immunitario e ormonale.

Ho dato quindi forma a questa ormai “impellente” esigenza ideando questa campagna che si ispira a un'azione “partita dal basso” in Inghilterra. Il movimento “Plastic Bag Free Cities“, infatti, che conta ormai più di 120 cittadine ”libere” dai sacchetto di plastica, è stato avviato dall'azione di una semplice cittadina che ha voluto dimostrare come sia possibile contrastare con successo il dannoso utilizzo “usa e getta” della plastica. L'incontro con l'associazione dei Comuni virtuosi, che promuove la nascita di buone prassi di riduzione dell'impronta ecologica con il coinvolgimento dei cittadini, è stata l'occasione imperdibile per fare decollare il progetto.

porta la sporta
Il primo obiettivo della campagna è quello di frenare l'immissione, in continua ascesa di plastica nell'ambiente
Qual è l’obiettivo della campagna? Che cosa si vuole promuovere?

Il primo obiettivo della campagna è quello di concorrere nel frenare l'immissione di plastica nell'ambiente partendo dall'oggetto in plastica più invasivo al mondo, il sacchetto. Partendo da questo oggetto si punta a rendere consapevole il cittadino sulla relazione esistente tra un suo automatismo abitudinario e i danni ambientali conseguenti, per rendere quasi "inevitabile" l'acquisizione dell'abitudine corretta. Anche chi pensa di prendere i sacchetti per contenerci l'immondizia deve essere cosciente che ne sta raccogliendo una quantità sufficiente per almeno due vite.

A questo primo gesto si vogliono abbinare altre successive buone prassi individuali, comportamenti di acquisto sostenibili. Ad esempio l’acquisto i prodotti sfusi come detersivi, latte alla spina e altri prodotti, l’utilizzo di pannolini lavabili per il neonato, l’acquisto di frutta e verdura riposta direttamente in borsa, ecc.

Un interlocutore imprescindibile è la grande distribuzione organizzata, (GDO). Per poter indurre gli auspicati cambiamenti di abitudine bisogna rendere possibili e a portata di mano delle alternative chiare e semplici da seguire.

Quale alternativa proponete ai sacchetti di plastica?

Borse riutilizzabili di tutte le tipologie e materiali, per tutte gli usi e occasioni. Da tenere ovunque per non dimenticarle mai: in macchina, in borsetta, appese al pomello del portoncino di casa. Alcuni prodotti alimentari possono essere riposti, nel rispetto dell'igiene, in buste termiche poi inseribili in borse più capienti.

Gli shopper biodegradabili vanno usati solo in casi di effettiva necessità; un obiettivo della , infatti, è contrastare un passaggio a pari consumo quantitativo dai sacchetti in plastica a quelli in bioplastica, perchè questo significherebbe comunque altri terreni sottratti all'agricoltura alimentare, coltivazioni intensive, pesticidi, spreco di acqua e di energia per un oggetto in uso per pochi minuti.

La bioplastica è una risorsa preziosa che va impiegata dove non se ne può fare a meno e questo non è sicuramente il caso.

borse
Una valida alternativa ai sacchetti di plastica sono le borse riutilizzabili di tutte le tipologie e materiali, per tutte gli usi e occasioni
Come pensate di rendere consapevoli i cittadini della relazione esistente tra un tipico e apparentemente insignificante automatismo quotidiano e i danni ambientali conseguenti?

Attraverso il dialogo, il passaparola, tanta pazienza, contiamo in primo luogo sulle tante persone che si stanno appassionando alle tematiche ambientali e che già operano nel tempo libero all'interno di gruppi e movimenti che si occupano di salvaguardia ambientale. Stiamo interpellando direttamente alcuni di questi gruppi, altri ci contattano spontaneamente attraverso il nostro sito. A tutti chiediamo aiuto per diffondere il messaggio e fare nascere delle iniziative, anche piccole, sul loro territorio. A tutti offriamo una serie di suggerimenti pratici e materiali personalizzabili per entrare facilmente e subito in azione anche come singolo negozio, scuola, quartiere.

Se un comune, un’associazione o anche il singolo cittadino vogliono farsi promotori della campagna che cosa debbono fare?

Leggere attentamente i modelli di azione disponibili per iniziative articolate o semplificate, consultare i materiali di comunicazione che si stanno evolvendo di settimana in settimana e successivamente contattarci per un eventuale supporto o delucidazioni.

Anche per il singolo cittadino esiste un piccolo vademecum nella sezione Entra in Azione del nostro sito.

Essendo di importanza prioritaria coinvolgere i futuri cittadini è prevista un'interazione con le scuole. Alternativamente, può essere proprio la scuola che innesca l'azione nel territorio con la propria campagna. Nella sezione Scuole si possono trovare i materiali di comunicazione dedicati e altre idee e suggerimenti per l’impostazione di attività didattiche a tematica ambientale.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Lo Stivale di Barabba

ATTENZIONE! QUESTO TITOLO E' DISPONIBILE COME E-BOOK...
Continua...
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

Dall'emergenza rifiuti in Campania alla verità sugli impianti di incenerimento. Dalla raccolta...
Continua...
21 Aprile 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
4/7/09 05:36, simon ha scritto:
vorrei far promuovere l'iniziativa anche nel mio comune che posso fare???????
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Adesso Basta

Un lavoro, una carriera manageriale invidiabile già a soli 30 anni, una casa di lusso, la possibilità di...
Continua...
L'Insostenibile Leggerezza dell'Avere

In un passato anche recente molti preannunciarono che il sistema economico e il modello di sviluppo del mondo...
Continua...
La Scommessa della Decrescita

Il termine "decrescita" suona come una scommessa o una provocazione, nonostante la generale consapevolezza...
Continua...
La Felicità Sostenibile

Ii modello economico, sociale e politico dominante sta crollando sotto i colpi della crisi finanziaria...
Continua...
Ritorno al Passato

I giacimenti di petrolio si stanno rapidamente esaurendo. quali saranno le conseguenze di questo accadimento...
Continua...
Decrescita e Migrazioni

Un sistema economico fondato sulla crescita del prodotto interno lordo deve aumentare in continuazione il...
Continua...
Un Programma Politico per la Decrescita

Il movimento per la decrescita felice si propone di mettere in rete le esperienze di persone e gruppi che...
Continua...
VIDEO COLLEGATI
Marco Boschini e i Comuni Virtuosi
Vi riproponiamo l'intervista realizzata da Serena Dandini a Marco Boschini per Parla con Me. 10 minuti di buone notizie, spunti...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Cohousing a Castel Merlino
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità