Imballaggi: gli italiani non rinunciano ai pacchi

Per la maggior parte degli italiani le confezioni dei prodotti sono indispensabili e soltanto una minoranza le considera causa di inquinamento. Questi i principali dati emersi dalla ricerca realizzata da Eurisko per Comieco e presentata in occasione della Ipack-Ima, la fiera del packaging svoltasi dal 24 al 28 marzo alla Fiera di Rho (Milano).

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio

imballaggi
gli italiani considerano gli imballaggi utili o, addirittura, indispensabili
Agli italiani piacciono i pacchi. I dati parlano chiaro: pur consapevoli che i prodotti alla spina costituiscono un’opportunità di scelta in più per i consumatori che intendono fare i propri acquisti direttamente dal produttore (prodotti sfusi sono disponibili, peraltro, anche in alcuni punti vendita), l’80% degli intervistati ritiene l’imballaggio utile per assicurare igiene e sicurezza. Inoltre, gli italiani apprezzano il package in quanto offre indicazioni indispensabili per un migliore utilizzo del contenuto e la descrizione degli ingredienti (fattori fondamentali rispettivamente per il 95% e 94% del campione); fornisce garanzia di qualità (68%) e facilità di trasporto (60%).

Questi i principali risultati emersi dalla ricerca realizzata da Eurisko per Comieco (Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi a base cellulosica) e presentata in occasione della Ipack-Ima, la fiera del packaging svoltasi dal 24 al 28 marzo alla Fiera di Rho (Milano). La manifestazione ha rappresentato un’occasione di incontro e confronto per i fornitori che hanno potuto scambiarsi opinioni e proposte sugli imballaggi che, a dispetto della superficialità del loro essere (contenitori), rivestono un ruolo tutt’altro che irrilevante.

Si stima¹ che circa la metà dei consumatori usi una lista della spesa quando si reca al supermercato e, mediamente, esca dal punto vendita con un numero di articoli quasi doppio rispetto a quelli che intendeva comprare: ciò significa che una parte consistente delle decisioni di acquisto avviene nel negozio ed è fortemente legata alla capacità di attrazione del package (oltre, ovviamente, alla visibilità dello stesso sullo scaffale). Il luogo comune secondo cui ciò che conta è la sostanza e non la forma è, insomma, assolutamente smentito dal comportamento di acquisto della maggioranza delle persone.

cartone
La preferenza degli italiani va agli imballaggi di cartone
Ovviamente, c’è pacco e pacco e, per gli italiani, uno non vale l’altro.

La preferenza va agli imballaggi di cartone, con cui vengono confezionati i beni di prima necessità come pasta e riso, apprezzati per la riciclabilità (61%), il rispetto per l’ambiente (47%) e il basso costo (55%). Il vetro piace per la sua capacità di conservazione del prodotto ma, come la plastica che è ritenuta funzionale ma poco ecologica, viene considerata difficile da smaltire. In realtà, però, dal sondaggio emerge anche che i cittadini non riconoscono negli imballaggi i veri nemici dell’ambiente.

Solo per il 16% degli intervistati, infatti, l’eccessivo uso delle confezioni viene percepito come causa di inquinamento. Alla domanda “quali sono secondo lei le tre maggiori fonti/cause di inquinamento tra quelle indicate?”, la maggioranza degli intervistati ha risposto (nell’ordine): il traffico automobilistico, le scorie e fumi dell’industria e i rifiuti solidi urbani.

Eppure quegli imballaggi che tanto ci attraggono nei supermercati divengono, dopo una brevissima permanenza in casa nostra, rifiuti da gestire e, peraltro, costituiscono una parte molto consistente della spazzatura da noi prodotta.

rifiuti
Gli imballaggi costituiscono una parte molto consistente della spazzatura da noi prodotta
È positivo il dato emerso dalla ricerca secondo cui gli italiani prediligono i recipienti meno nocivi per l’ambiente ma è assolutamente sbagliato il presupposto di questa affermazione: lo smaltimento di rifiuti esistenti.

Tutti noi dovremmo iniziare a preoccuparci, innanzitutto, della riduzione, a monte, della produzione di rifiuti.

Limitare i nostri scarti non è un’utopia e tutti noi dovremmo iniziare a farlo cominciando, ad esempio, scegliendo di acquistare prodotti sfusi. Latte, acqua e detersivi sono in vendita anche sfusi e ad un prezzo assolutamente vantaggioso.

La confezione sarà anche accattivante, ma l’idea di risparmiare soldi e rifiuti (senza rinunciare alla qualità) non attrae ancor di più?

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

Dall'emergenza rifiuti in Campania alla verità sugli impianti di incenerimento. Dalla raccolta...
Continua...
 
29 Marzo 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
30/3/09 12:39, val. ha scritto:
..ecco perche'abbiamo quello che abbiamo (inceneritori, tumori, berlusconi&soci,tonnellate di immondizia):
perche'a qunto pare la maggior parte degli italiani queste cose le vuole!!!
sono sempre piu'delusa dai miei connazionali e cito una frase letta da qualche parte di cui non ricordo l'autore ma il senso:
NON CAMBIA NIENTE SE A CAMBIARE NON E'LA GENTE.
Non possiamo aspettarci che l'industria e la politica cambino direzione se prima di tutto non lo facciamo noi.
io gli imballaggi li odio e faccio di tutto per comprare prodotti sfusi, ma non sempre e'facile.
comunque l'unica via e'continuare a informare informare informare....
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

Dall'emergenza rifiuti in Campania alla verità sugli impianti di incenerimento. Dalla raccolta...
Continua...
Il Girone delle Polveri Sottili

Frammenti di un filtro chirurgico comunemente installato nella vena cava dei malati di tromboembolia...
Continua...
Smaltire e Riciclare i Rifiuti

Ti sei mai chiesto che cosa succede a quello che buttiamo nella spazzatura e nei cassonetti della raccolta...
Continua...
Ecoballe

Napoli, quattordici anni di emergenza. Rifiuti a ogni angolo di strada. Politici nel mirino. Costi alle...
Continua...
Dove lo Butto?

Un libro divertente e ricco di illustrazioni che spiega ai più piccoli come contribuire al benessere...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Rifiuti: adesso sono risorse
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità