Vivere Ecologico

Last minute market: ultima occasione per evitare gli sprechi

“Non bisogna sprecare nemmeno un minuto e neanche un prodotto”: questo il presupposto da cui ha preso vita Last Minute Market, un progetto che permette il recupero delle merci invendute, ma ancora idonee ad essere utilizzate, per metterle a disposizione delle persone disagiate. Cibo, libri e farmaci, salvati dalla spazzatura, acquistano così nuovi valori e dignitose destinazioni…

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio


Il motto di Last minute market è "non sprecare nemmeno un minuto e neanche un prodotto"
Qualche mese fa abbiamo affrontato il problema dello spreco di prodotti alimentari, evidenziando il paradosso costituito dal fatto che, proprio in un momento di difficoltà economica come quello che il mondo sta attraversando, gli italiani gettano nell’immondizia 560 euro l’anno, ovvero il 10% della spesa.

A finire nei cassonetti, poi, non sono soltanto gli avanzi delle nostre tavole o i prodotti andati a male nel frigorifero: lo spreco inizia dai supermercati che, quotidianamente, si disfano della merce prossima alla scadenza e quindi rimasta invenduta sugli scaffali. Eppure, quegli alimenti potrebbero trovare una destinazione ben più dignitosa della spazzatura, se solo si approfittasse dell’ “ultimo minuto” di vita del prodotto.

Proprio questa è la filosofia che anima il Last minute market (Lmm), un servizio che comporta notevoli vantaggi a livello sociale, ambientale, economico e nutrizionale.

Prendendo vita dal presupposto che “non bisogna sprecare nemmeno un minuto e neanche un prodotto”, Last minute market, progetto di sviluppo locale sostenibile e di responsabilità sociale d’impresa, offre servizi che permettono il recupero delle merci invendute, senza valore commerciale ma ancora idonee per essere utilizzate, che (raccolte mediante il meccanismo del dono) vengono quindi messe a disposizione di enti e associazioni che aiutano persone in condizioni di disagio sociale.

carrello
Quanti prodotti in scadenza possono essere recuperati e donati grazie a Last minute market?
Il servizio è rivolto alle piccole e grandi imprese agroalimentari (dalla produzione alla ristorazione), ovvero a chi queste eccedenze, inevitabilmente, le produce; agli enti caritativi di assistenza, ovvero a chi potrebbe utilizzare queste eccedenze; alle istituzioni pubbliche (comuni, province, regioni, asl), che ne conseguono benefici indiretti di tipo sociale ed ambientale, vedendo diminuire la spesa pubblica per l’assistenza e l’ammontare dei rifiuti in discarica.

Last minute market – progetto interdisciplinare coordinato del Prof. Andrea Segrè, attuale Preside della Facoltà di Agraria di Bologna – nato nel 1998 come attività di ricerca del Dipartimento di Economia e Ingegneria dell’Alma Mater Studiorum dell’Università di Bologna, dal 2003 rappresenta una realtà imprenditoriale con iniziative attive sia in Italia che all’estero.

Le regioni italiane coinvolte sono la Sicilia, la Sardegna, l’Abruzzo, la Toscana, l’Emilia Romagna, il Veneto, la Lombardia, la Liguria ed il Piemonte.

Per fare un esempio degli effetti positivi indotti da Lmm si pensi che in Sardegna, nel periodo compreso tra marzo e dicembre del 2006, attraverso il ritiro di merci in scadenza da due punti vendita (Conad e Carrefour), sono stati recuperati 31.056 chilogrammi di prodotti (726 kg di bevande, 13700 kg di frutta e verdura, 4000 kg di latticini e insaccati, 2130 kg fra carne e uova, 3500 kg di scatolame e 7000 kg di pane). Beneficiari sono stati la Mensa della Caritas e la Mensa delle suore del Buon Pastore, entrambe nel territorio cagliaritano.

progetti lmm
Tutti i progetti di recupero beni di Last minute market
Del resto Last Minute Food, basato sul recupero di prodotti alimentari, è solo il capostipite di una serie di interessanti progetti: Lmm BOOK, volto a ridare vita a libri depositati nei magazzini delle case editrici e destinati al macero (i volumi sono recuperati per la creazione di biblioteche presso strutture pubbliche e private quali scuole, carceri, comunità di italiani all’estero, etc…); Lmm PHARMACY, che riguarda il recupero di prodotti farmaceutici non commercializzati a favore di enti assistenziali con personale medico qualificato; Lmm HARVEST, che offre la possibilità di raccogliere prodotti ortofrutticoli rimasti in campo che altrimenti non avrebbero sbocchi commerciali; Lmm SEED, rivolto al recupero di prodotti delle industrie sementiere (Lmm li trasforma, seguendo un percorso di cooperazione internazionale, in risorsa preziosa per i paesi in via di sviluppo); Lmm CATERING, per il recupero di pasti pronti; Lmm NO-FOOD, che permette il riutilizzo di beni non alimentari.

Proposte diverse, quindi, ma animate dalla volontà di trasformare lo spreco in risorsa a disposizione di chi ne ha bisogno e dall’intenzione di salvaguardare l’ambiente liberandolo da tonnellate di rifiuti.

Peraltro, come ha rilevato anche Maurizio Pallante in una sua recente intervista, l’aspetto della compatibilità ambientale, intrinseco a Last minute market, si fonde, in tali progetti, con la promozione di rapporti umani che non siano basati soltanto sulla mercificazione ma che abbiano al centro la capacità di creare relazioni positive e costruttive tra le persone.

18 Marzo 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
4 lettori hanno commentato questo articolo:
30/7/09 18:32, ska 77 ha scritto:
solo un commento: semplicemente geniale! chissà perchè il lazio non è compreso nelle regioni del progetto. lavoro in una casa famiglia e credo che potrebbe rientrare tra i beneficiari di tale progetto. sarebbe interessante saperne di più. grazie....ska.
22/7/09 08:18, op593@libero.it ha scritto:
sono una ragazza che vorrebbe estendere questo progetto nella mia regione la Calabria vorre per quaesto motivo avere maggiore informazione tramite la mia e-mail.
grazie per la collaborazione.
1/4/09 14:04, Redazione ha scritto:
Sul sito di Last Minute Market puoi trovare ulteriori informazioni ed i contatti di cui hai bisogno.

http://www.lastminutemarket.org/
1/4/09 07:32, ernesto ha scritto:
sono un ragazzo . sono venuto a conoscenza della possibilita del reciclaggio dei beni in via di scadenza, e essendomi reso conto dell'immensita della natura degli sprechi di cui samo circondati, mi piacerebbeavvicinarmi a questo mondo. ma come? in che modo muovermi per avere notizie e autorizzazioni, bisogna essere una coperativa o che? chi gia in Sardegna si occupa di riciclaggio alimentare?
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Come farà il cittadino medio, stressato e oberato dagli impegni quotidiani, ad assumersi anche la responsabilità di salvare il pianeta dal riscaldamento globale? La rubrica “Vivere ecologico” ve lo dirà!
RUBRICA A CURA DI...

Alessandra Profilio

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Bebè a Costo Zero

Questa guida al consumo critico si addentra nell'affollato mondo dei prodotti per l'infanzia, per scoprire...
Continua...
Il consumo critico

La strategia vincente per una spesa "giusta" e lo stile di vita del consumatore consapevole, selettivo,...
Continua...
Manuale di Autoproduzione delle Sementi

Il manuale è il risultato di un lavoro di 15 anni finalizzato alla ricerca e al recupero di vecchie varietà...
Continua...
La Fatica e l'Ingegno

Le tecniche per la costruzione di buone ruote per i carri si tramandavano di padre in figlio ed erano...
Continua...
Ecologia al gabinetto

Dopo il fallimento dei depuratori per riconsiderare radicalmente il nostro atteggiamento verso lo smaltimento...
Continua...
VIDEO COLLEGATI
Arrivano i locali della decrescita
Maretto (Asti) e' il primo locale della decrescita. Un locale che ha deciso di abbattere inutili sprechi e di impegnarsi non...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità