Portogruaro, un esempio concreto di eco-sostenibilità

La cittadina di Portogruaro, nota per aver adottato da cinque anni a questa parte una politica di sostenibilità energetica e sviluppo delle fonti rinnovabili, integra il proprio progetto con un nuovo Piano Casa con misure ancor più restrittive.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Andrea Degl'Innocenti

portogruaro sostenilità risparmio energetico
Portogruaro compie un ulteriore passo verso la sostenibilità energetica
Portogruaro compie un ulteriore passo verso la sostenibilità energetica. La cittadina in provincia di Venezia in cui si vive “bene e in pace”, quella che già da cinque anni combatte con successo gli sprechi energetici e le emissioni nocive, presenta adesso un nuovo Piano Casa, con regole ancor più restrittive e limitazioni alla costruzione mirate a ridurre l'impatto ambientale delle abitazioni.

“Vivere bene e in pace” è il motto del comune di Portogruaro fin dal 2004 anno in cui, in reazione al progetto di costruzione di una centrale turbo gas, si formò un gruppo politico rosso-verde che prese il nome di “Città Futura”. Tale gruppo si candidò alle successive elezioni comunali con un programma basato sul “no” alla centrale e sulle energie pulite ed ottenne l'elezione di due consiglieri comunali (su dodici) ed un assessore.

Da allora è partito il progetto “Portogruaro città solare”. Abbandonata definitivamente l'idea della centrale turbo gas, il comune si è concentrato sulla riqualificazione energetica dei suoi edifici, sullo sviluppo delle fonti rinnovabili, sulla riduzione del consumo del territorio.

Vivere – dunque abitare, lavorare, spostarsi, divertirsi – bene e in pace è anche l'obiettivo di questa ultima riforma, che vuole garantire a tutti il diritto alla casa senza necessariamente costruire ancora, e riducendo al minimo l'impatto ambientale delle abitazioni. Come? Ristrutturando, offrendo incentivi alle strutture più sostenibili, premiando gli edifici con migliore ottimizzazione energetica.

Analizziamo i punti del piano. Ogni cittadino, persino il più povero, avrà diritto ad una abitazione dignitosa. Tale diritto, sarà messo in atto senza ulteriore consumo di suolo: pochissime nuove abitazioni dunque, privilegiando il recupero degli stabili preesistenti. Le abitazioni dovranno rispettare canoni di qualità e sostenibilità, presentare costi ridotti – requisito necessario per garantire una casa a tutti – ed essere costruite nel rispetto della legge. Niente abusi né evasioni fiscali, ma l'obbligo di autorizzazioni amministrative e relativi certificati.

Per raggiungere questi obiettivi il comune prevede di applicare alcuni provvedimenti fra cui l'autorizzazione a demolire e ricostruire solo per edifici fatiscenti, non più compatibili con le zone del piano regolatore o all'interno di aree di degrado, la richiesta obbligatoria dei certificati di agibilità e messa in sicurezza sismica di ogni edificio, l'esclusione di ogni premio di costruzione ad eccezione degli edifici ad alto indice di sostenibilità ed ottimizzazione energetica.

Un piano semplice ed efficace che si inserisce in un contesto cittadino già ampiamente sensibilizzato ai temi del risparmio energetico, dell'eco-sostenibilità, della decrescita. Una filosofia che punta a cambiare partendo dal basso, dalla mentalità del cittadino, dalla piccola opera di recupero, dall'intervento casa dopo casa. Senza grandi stravolgimenti, né onerosi interventi: non una rivoluzione, ma un percorso lento, graduale. E il miglioramento della qualità della vita, evidente a tutti i cittadini, rende più facile rispettare le leggi, accettare di ridurre gli sprechi, risparmiare energia. Imparare una volta per tutte che si può vivere meglio consumando di meno.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Comuni Virtuosi

Decine di amministrazioni comunali sparse in tutta italia sono impegnate a dare vita a un coordinamento...
Continua...
La Felicità Sostenibile

Ii modello economico, sociale e politico dominante sta crollando sotto i colpi della crisi finanziaria...
Continua...
L'anticasta + DVD

La denuncia coraggiosa della casta, che inizialmente aveva suscitato in molte persone grandi speranze di...
Continua...
 
28 Ottobre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
5/11/09 10:29, ADRIANO ha scritto:
Questo articolo porta la data del 29 ottobre ed il piano casa è stato approvato il 30 ottobre dal Commissario Straordinario, come si legge dal sito, visto che il Comune di Portogruaro è commissariato.
Il testo del piano casa approvato dal Commissario segue le indicazioni presenti in questo post?
E' importante rispondere per non diffondere altrimenti notizie non vere.
31/10/09 08:34, portogruarese ha scritto:
mi sembra strano....
abito a portogruaro e nessuno ne sapeve nulla.....
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Manuale Pratico della Transizione

Una guida pratica per ogni comunità che desidera avviarsi verso la transizione. le transition towns sono...
Continua...
L'anticasta + DVD

La denuncia coraggiosa della casta, che inizialmente aveva suscitato in molte persone grandi speranze di...
Continua...
Caro sindaco new global

Caro sindaco new global ha lo scopo di diffondere su tutto il territorio nazionale pratiche amministrative...
Continua...
Le Città Contro l'Effetto Serra

L'entrata in vigore del protocollo di kyoto costringe finalmente i governi nazionali a uscire dall'inerzia...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. ma siamo sicuri? è proprio...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Viaggio nell'Italia dei comuni a 5 stelle, di Marco Boschini e Michele Dotti
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità