12 settembre 2009: per non soffocare nella plastica

L’uso ed abuso di buste di plastica comporta danni gravissimi all’ambiente ed alla nostra stessa salute. Il 12 settembre, per iniziativa della MCS (Marine Conservation Society), si celebrerà la prima giornata internazionale senza sacchetto di plastica.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio

buste di plastica
Il 12 settembre si celebrerà la prima giornata internazionale senza sacchetto di plastica
Vengono usate in media 12 minuti ma rimangono sulla Terra per 200 anni.

Sono dappertutto: nelle case, per le strade, sulle spiagge, nei nostri mari. Le utilizziamo distrattamente, senza alcuna moderazione, eppure i danni che causano all’ambiente sono gravissimi. Stiamo parlando delle buste di plastica e del loro uso ed abuso.

Proprio per tentare di sradicare questa abitudine, il prossimo 12 settembre 2009 per iniziativa di MCS (The Marine Conservation Society), società inglese non profit dedicata alla conservazione dell'ecosistema marino, si celebrerà la prima giornata internazionale senza sacchetto in plastica: una giornata in cui tutti noi saremo invitati a non accettare o usare sacchetti in plastica e a servirci, per trasportare i nostri acquisti, di borse riutilizzabili.

Sue Kinsey, Capo progetto del programma inquinamento di MCS ha dichiarato: “Speriamo che questa fantastica iniziativa funga da stimolo per coloro che ancora non riescono a fare a meno dei sacchetti. Abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti perché la giornata si trasformi in un successo. Dobbiamo poter dimostrare che è possibile con la prevenzione eliminare facilmente una fonte di inquinamento da plastica che è la piaga di tutti i paesaggi e una reale minaccia per la fauna marina. Anche in Canada e alle Hawaii alcuni gruppi e associazioni prenderanno parte all'evento per farne una vera giornata internazionale!”

buste in spiaggia
il 19 e il 20 settembre, è in programma l'annuale weekend di pulizia costiera organizzato da MCS : The Beachwatch Big Weekend
Le iniziative della MCS non si limitano però al 12 settembre. Per il fine settimana successivo alla giornata, infatti, è in programma l'annuale weekend di pulizia costiera organizzato da MCS: The Beachwatch Big Weekend, in concomitanza con le operazioni di pulizia in corso a livello internazionale.

Anche in Italia si cerca di sensibilizzare i cittadini attraverso la campagna Porta la Sporta promossa dall’Associazione dei comuni virtuosi.

Qualche mese fa, per saperne di più, abbiamo intervistato Silvia Ricci, referente della campagna e membro dell’Associazione dei Comuni Virtuosi.

“Il primo obiettivo della campagna è quello di concorrere nel frenare l'immissione di plastica nell'ambiente partendo dall'oggetto in plastica più invasivo al mondo, il sacchetto”, ha dichiarato Silvia Ricci, “la plastica si sta accumulando nell'ambiente e nei mari arrivando ad inquinare anche minuscole isole disabitate dell'Oceano Pacifico. Per non parlare, poi, dei danni causati dai contaminanti chimici contenuti nella plastica che sono entrati, risalendo la catena alimentare, nel nostro DNA, con gravi ripercussioni sulla nostra salute, quali l'insorgenza di tumori, danni a fegato e reni, disfunzioni del sistema riproduttivo e alterazioni del sistema immunitario e ormonale.”

danni buste
La plastica si sta accumulando nell'ambiente e nei mari
Secondo un recente studio giapponese, condotto alla Nihon University a Chiba, le centinaia di milioni di tonnellate di rifiuti in plastica finiti a galleggiare o in fondo agli oceani di tutto il mondo rilasciano sostanze tossiche in grado di compromettere la vita in fondo al mare.

Eppure frenare l’immissione di plastica nell’ambiente e limitare le disastrose conseguenze che questa determina non è impossibile: basta prendere coscienza dell’entità del problema, liberarci dai nostri automatismi e ricorrere alle borse riutilizzabili.

Perché non provarci? Qualcuno, del resto, ha già deciso di farlo. È il caso, ad esempio, della città di Torino, all’interno della quale, dal 2010 saranno bandite le buste inquinanti. Negozi e supermercati saranno obbligati ad usare sacchetti bio mentre le famiglie riceveranno in omaggio una borsa in cotone.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Rifiuto Riduco e Riciclo per Vivere Meglio

dall'emergenza rifiuti in campania alla verità sugli impianti di incenerimento. dalla raccolta...
Continua...
Smaltire e Riciclare i Rifiuti

Ti sei mai chiesto che cosa succede a quello che buttiamo nella spazzatura e nei cassonetti della raccolta...
Continua...
3 Settembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
L'Insostenibile Leggerezza dell'Avere

In un passato anche recente molti preannunciarono che il sistema economico e il modello di sviluppo del mondo...
Continua...
Bebè a Costo Zero

Questa guida al consumo critico si addentra nell'affollato mondo dei prodotti per l'infanzia, per scoprire...
Continua...
Il consumo critico

La strategia vincente per una spesa "giusta" e lo stile di vita del consumatore consapevole, selettivo,...
Continua...
Il Voto nel Portafoglio

C'è un voto che si esercita collettivamente, e fa vivere la democrazia. C'è un voto, però, che può...
Continua...
Manuale di Autoproduzione delle Sementi

Il manuale è il risultato di un lavoro di 15 anni finalizzato alla ricerca e al recupero di vecchie varietà...
Continua...
La Fatica e l'Ingegno

Le tecniche per la costruzione di buone ruote per i carri si tramandavano di padre in figlio ed erano...
Continua...
Ecologia al gabinetto

Dopo il fallimento dei depuratori per riconsiderare radicalmente il nostro atteggiamento verso lo smaltimento...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
The story of Stuff - La storia delle cose
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità