15 giugno 2009: Global Wind Day

Si è festeggiata ieri in 29 Paesi la Giornata Mondiale del Vento. Scopo dell’iniziativa è stato quello di promuovere la diffusione dell’energia eolica. Moltissimi gli incontri e le manifestazioni in programma.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio

global wind day
Si festeggia oggi in 29 Paesi la Giornata Mondiale del Vento
29 Paesi, tra cui l’Italia, hanno festeggiato ieri il Global Wind Day.

La Giornata Mondiale del vento costituisce un’occasione per sensibilizzare i cittadini sulla questione ambientale, sulla necessità di porre un freno ai cambiamenti climatici e sull’importanza della scelta dell’energia pulita.

Per promuovere l’eolico sono stati organizzati moltissimi eventi in Italia e nel mondo.

Ad esempio, al fine di far conoscere direttamente alle persone il processo di generazione di energia dal vento a Villa Borghese, a Roma, è stato allestito un aerogeneratore eolico. Da nord a sud, poi, si sono susseguite mostre fotografiche, esposizioni, voli in mongolfiera e raduni nazionali di aquiloni. Incontri e manifestazioni a tema si prolungheranno in Italia sino al 28 giugno.

Nel 2008 – secondo i dati, forniti dall’Associazione energia del vento (Anev) e da uno studio della Bocconi per il Gestore dei servizi elettrici (Gse) – con 3.750 MW di potenza eolica, l’Italia ha raggiunto la sesta posizione nella classifica mondiale per energia prodotta dal vento. Le prime tre regioni per produzione di energia eolica sono la Puglia (con 946 MW), la Sicilia (con 791 MW) e la Campania (con 688 MW) seguite da Sardegna (467 Mw), Basilicata (209 MW), Calabria (192 Mw) e Molise (188 Mw). Liguria, Lazio, Emilia-Romagna e Umbria occupano invece gli ultimi posti della graduatoria. Molte di queste regioni, comunque, possono raggiungere cifre più alte sia in termini di energia prodotta sia di posti di lavoro: in Puglia, ad esempio, la potenzialità al 2020 può raggiungere i 2.070 Mw con oltre 11.000 occupati.

A livello mondiale, il fatturato annuo del settore si aggirerebbe intorno ai 18 miliardi di euro nel 2007. Con una crescita del 30% l’eolico ha fatto registrare negli ultimi 10 anni un vero e proprio boom, specie in Europa che, con il 65% della capacità installata e la presenza dei principali produttori di turbine, è l’area più impegnata nella produzione di energia dal vento.

Nell’ambito delle iniziative della Giornata Mondiale del Vento 2009, ANEV, Greenpeace e Legambiente, pochi giorni fa, hanno firmato un protocollo per la diffusione dell’eolico in Italia e per la sua corretta integrazione nel paesaggio.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Eolico: Paesaggio e Ambiente

l'energia eolica rappresenta il comparto energetico caratterizzato dal più rapido tasso di crescita assieme...
Continua...
Energia Eolica

le fattorie del vento, o wind farm, sono oggetto di dispute legate ai possibili vantaggi e svantaggi del modo...
Continua...
15 Giugno 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Un Futuro Senza Luce?

Il nostro sistema energetico spreca e disperde nell'atmosfera più energia di quanta ne utilizzi....
Continua...
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
EBooks - Come Evitare la Trappola Nucleare

Anteprima ebook 1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Peak Oil - How Will You Ride the Slide
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità