Legambiente

Piano casa: dopo l’annuncio è partita la cementificazione

“E’ bastato l’annuncio per attivare nuove cementificazioni. Il Piano non esiste ancora ma i furbetti già cavalcano il business del Mattone a scapito dei cittadini onesti e dell’ambiente”. Questo il commento di Legambiente in seguito alle conseguenze provocate dall’annuncio del “Piano casa”.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

abusivismo edilizio
Il Piano casa, sebbene non sia stato ancora approvato, ha già invogliato molti alla cementificazione
“Sapevamo per esperienza vissuta che anche il solo annuncio di nuove sanatorie edilizie bastava a scatenare le frenesie di cementificatori e speculatori. Ora, non potendo riproporre il condono, Berlusconi lancia il Piano Casa - che in realtà sarà un Piano Ville, utile solo a chi una casa già ce l’ha e dà la stura ad una miriade di interventi illegali sul territorio italiano”.

Sarcastico e preoccupato Sebastiano Venneri, vicepresidente di Legambiente, sugli effetti mediatici del piano casa.

“Il provvedimento non è ancora stato approvato - continua Venneri - eppure gli ottimistici effetti dell’annuncio già si fanno sentire.

Addirittura su alcuni settimanali in edicola in questi giorni, fioccano i consigli degli esperti e le risposte alle richieste dei lettori interessati ad ampliare la propria casa per risolvere finalmente i problemi di spazio di nonni, figli e nipoti grazie agli aumenti di cubature che sarà possibile realizzare”.

Proprio come i condoni dei precedenti governi Berlusconi scatenarono un vero e proprio boom di abusi edilizi ancora prima di essere varati, così il piano casa si profila come la panacea per uscire dalla crisi e risolvere, con un pò di cemento e uno sconto fiscale, la questione abitativa in Italia.

“E’ una vergognache mentre ancora le Regioni non hanno trovato un accordo sul Piano proposto, sia già iniziata la corsa all’allargamento del capannone e del villino, passando per la sopraelevazione e la chiusura del terrazzo, grazie a certi media che, in spregio non solo dell’ambiente e del futuro del nostro territorio, ma anche delle regole della legalità, spiegano percentuali, illustrano numeri, conti e opportunità per i cittadini, tracciando un quadro tutto positivo di una normativa ancora aleatoria. Nessuna allusione, invece, alle probabili conseguenze di una deregulation edilizia in un Paese come il nostro, dove la maggior risorsa economica è senz’altro la particolarità del territorio con le sue città d’arte e i paesaggi unici”.

26 Marzo 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
A partire da quest'estate, molte località italiane diventano balneabili "per decreto". In altre parole interi tratti di costa vengono dichiarati balneabili, non perché meno inquinati, ma solo perché è cambiata la legge. Legambiente denuncia la questione come un passo indietro in tema di depurazione, che lascia un deficit imbarazzante ad uno dei Paesi più industrializzati al mondo.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità