Caccia: infrazione alla legge europea approvata in Senato

Il Senato ha approvato un testo di legge che non risponde all'Europa e manomette la stessa legge 157. Nelle regioni sarà caos giuridico. Il Governo e la Camera sono chiamati a correggere subito e fermare ogni deriva venatoria che va a discapito dell'intera collettività. Intanto saltano le pre-aperture e varie specie di uccelli non saranno più cacciabili.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

caccia
Il Senato ha approvato una legge che non risponde all'Europa e manomette la stessa legge 157
"Un blitz che ha il sapore di una vera e propria truffa all'Unione europea e al 90% degli italiani, che è contro ogni ipotesi di allungamento della stagione venatoria". E' il commento di 11 associazioni ambientaliste e animaliste sull'approvazione in Senato di una norma filocaccia nel disegno di Legge relativo agli obblighi comunitari del nostro Paese, ora all'esame della Camera.

L'Italia è sotto procedura di infrazione per non aver recepito alcuni passaggi fondamentali della direttiva Uccelli, tra i quali l'esplicito divieto di caccia durante i periodi di riproduzione e migrazione. Solo in questo senso il Senato sarebbe dovuto intervenire per adeguare la normativa. Invece Palazzo Madama ha approvato un testo mal formulato e insufficiente ad evitare all'Italia l'imminente condanna europea.

Inoltre, fatto gravissimo e non certo casuale, con un emendamento "avvelenato", del tutto estraneo alla procedura d'infrazione (a firma dei senatori Carrara e Vetrella del PDL), è stato cancellato dalla legge 157/92 l'arco temporale massimo tra il primo settembre e il 31 gennaio entro cui possono essere autorizzate le deroghe regionali alla stagione venatoria.

Si tratta, con tutta evidenza, di un attacco al cuore stesso della legge 157/92, con il chiaro intento di allungare i tempi di caccia. Un blitz messo in atto in sordina mentre la Commissione ambiente del Senato discute di riforma della legge sulla caccia, in netto contrasto con la sensibilità degli italiani, di destra e di sinistra, che al 90% si oppongono drasticamente ad ogni ulteriore allungamento della stagione venatoria.

Oltre alla gravità della forzatura culturale e politica dell'atto, che manomette l'unica legge italiana di tutela della fauna selvatica, va evidenziato che la situazione che verrebbe a determinarsi, qualora alla Camera il testo non fosse corretto, sarebbe quella di un vero e proprio caos in tutte le regioni, con ricorsi, pressioni e contenziosi senza fine.

Ma c'è anche un aspetto che, visto l'intento filo venatorio dell'accaduto, è senz'altro paradossale: cancellato dalla legge 157/92 il riferimento al primo settembre come termine massimo per anticipare la caccia, salta di conseguenza la base normativa per le pre-aperture della stagione venatoria. I termini per la stagione di caccia restano così quelli espressamente previsti dal comma 1 dell'articolo 18, e cioè la terza domenica di settembre e il 31 gennaio. La caccia in pre-apertura diventerebbe dunque .

Considerando infine gli altri emendamenti contestualmente approvati in Senato, in recepimento direttiva comunitaria a partire dall'obbligo di garantire soddisfacente conservazione agli uccelli selvatici, sarà necessario e urgente operare una verifica sullo stato di molte specie di uccelli e procedere alla loro esclusione dalle liste delle specie cacciabili.

Resta tuttavia l'estrema gravità della manomissione della legge, testimonianza di una deriva estremista che, a fronte delle grandi ed inevitabili difficoltà incontrate dal disegno di legge Orsi e dagli altri ddl di liberalizzazione della caccia, ha spinto i sostenitori di "caccia selvaggia" a tentare scorciatoie e altri espedienti.

Ora intervenga con urgenza il Governo e sostenga le opportune correzioni al testo alla Camera, al fine di dare le giuste risposte all'Europa e ripristinare il patto firmato con la legge 157. Ma al Governo, a questo punto, chiediamo di assumere una posizione netta contro la gravissima deriva di estremismo venatorio che in parlamento in modo irresponsabile si sta assecondando, contro il volere della grande, grandissima maggioranza degli italiani.

26 Marzo 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
27 lettori hanno commentato questo articolo:
29/4/10 06:07, Emanuele ha scritto:
Caro Fabio, la tua mancanza di logica mi lascia di stucco io ho semplicemente detto che i tuoi esempi non calzavano per niente sul ragionamento che ho fatto io ma a quanto pare ognuno tira l'acqua al suo mulino e vabbè!!!Quello che ho cercato di far capire a coloro che leggono il forum è che la caccia non viene vista per quello che è, cioè, il semplice prelievo,cattura(chiamalo come vuoi) di animali che godono di ottima salute dal punto di vista ecologico e che per questo possono essere catturati senza far del "danno" a nessuno!!!Il fatto che ci sia una ricchissima biodiversità all'interno delle aziende faunistico venatorie in cui la caccia è consentita quasi tutto l'anno la dice lunga su quanto sia "distruttiva" e "dannosa" questa pratica infatti al pari di molti parchi e riserve la fauna e la flora godono di ottima salute se non migliore!!!Questo è il motivo per cui io mi batto non è per la voglia di uccidere poveri animaletti indifesi ma è come ti ho già spiegato il fatto di provare quella sensazione appagante che ti dà anche la sola raccolta di un frutto di una pianta selvatica!!!Se poi si vuol essere così ciechi da non vederlo fate pure, ma io, resterò sempre di quest'opinione!!!!
Concludo dicendo che la vita di un uomo non può essere minimamente paragonata a quella di un animale cosa che lasci intendere quando fai l'esempio di cacciare delle persone(i cacciatori o la mia famiglia)!!!Quindi cerca di pesare bene le parole prima di scrivere cose illogiche perchè il discorso che ho fatto io è chiaro anche ad un bambino!!!
Ricambio i saluti!!!!
Emanuele.
22/4/10 08:09, Fabio FLX ha scritto:
Caro Emanuele, mi fa piacere che noti l'illogicità del tuo ragionamento da cui ho tratto quegli esempi che, ovviamente, non hai potuto far altro che deridere; costringerti ad ammettere la mancanza di senso delle tue esternazioni era proprio il fine del mio intervento.
Per il resto, l'ingresso in un fondo privato è una materia che cozza con il diritto all'uso esclusivo di ciò che si possiede. Usando la stessa ironica "dimostrazione per assurdo" che ho usato nel mio intervento precedente, ti ricordo che (in un Paese normale) il fatto che un aereo possa volare sul tuo palazzo non fa di esso un aeroporto così come una lepre che corre nel mio prato non dovrebbe fare del mio giardino un terreno per la caccia alla lepre.
Infine, il confronto col macellaio è privo di qualsiasi fondamento: mentre la tua pratica provoca tantissimo dolore, l'animale che arriva al macellaio viene ucciso in precedenza attraverso un insieme di tecniche finalizzate a procurargli il minor dolore possibile.
Cordiali saluti anche a te,
Fabio
22/4/10 05:15, Emanuele ha scritto:
Infatti lo dici tu stesso che gli esempi che fai sono illogici quindi ti sei risposto da solo!!!
La mia non vuol essere una provocazione e non giustifica il fatto che la maggioranza abbia votato a favore dell'approvazione del testo di legge ma è chiaro che con i limiti che ci sono non è possibile rapportarsi alle esigenze della fauna del nostro paese!!!Grazie a questa legge i limiti saranno più severi, altro che liberalizzazione e caccia tutto l'anno, perchè saranno supportati da dati scientifici!!!
Infatti se non c'è l'approvazione dell'ispra non si fa niente, anzi, con questa legge secondo il mio parere ci siamo dati la zappa sui nostri stessi piedi!!!
La caccia in deroga è pura fantasia e la legge è stata fatta in modo tale da uniformarci al livello europeo così da evitare le sanzioni comunitarie!!!
In Italia poi abbiamo una cosa che non esiste in nessun paese dell'UE è cioè il fatto che la fauna è patrimonio indisponibile dello stato e da questo punto di vista siamo molto più avanzati di tutti gli altri stati!!!
Volvevo aggiungere che è proprio questo fatto che ci dà il diritto di poter entratre in un fondo privato(senza colture in atto)perchè se io avesi la proprietà della selvaggina che si trova sul mio terreno avrei anche il diritto di chiuderlo ma siccome la selvaggina è di tutti io da cacciatore posso usufruirne come meglio credo (perchè pago salatamente le tasse per la licenza di caccia)anche in fondo privato!!!
Se poi la mettiamo sulla questione morale è inutile discuterne!
Perchè io al pari di un macellaio uccido la mia preda è ne faccio quello che voglio perchè la legge me lo consente!!!
Cordiali saluti!!!
Emanuele.
21/4/10 04:36, Fabio FLX ha scritto:
Ciao Emanuele,
purtroppo le motivazioni che dai sono motivazioni che non giustificano la pratica della caccia; infatti delineano semplicemente i tratti che la rendono piacevole a te e niente più.
Questo, per fortuna, non è abbastanza per giustificare una concessione speciale soprattutto su un tema così controverso.
Inoltre, se mi permetti un uso provocatorio della tua idea, mi stai dando il consenso a cacciare la tua famiglia in quanto frutto della natura. E se vivere nel pieno del suo significato vuol dire tornare ad essere animali privi di logica sociale allora non dovresti nemmeno poterti arrabbiare se, con la legge del più forte, scegliessi di far fuori tutti i cacciatori che scruto nei campi.
So bene che questi esempi ti sembreranno illogici, perché di fatto non puoi abbandonare quella sorta di "imprinting" naturale che ti obbliga a proteggere la tua specie e in particolar modo la tua famiglia, perciò come vedi sei nel pieno di un paradosso che, appena proverai a ricalcare la tua idea, ti coprirà del solito velo d'ipocrisia tanto caro già a molti altri cacciatori.
20/4/10 06:37, Emanuele ha scritto:
La caccia è qualcosa che non si può spiegare se non la si vive!!!Ma tenterò la stesso di spiegarla con una riflessione personale a chi non la concepisce e non la condivide!!!
Per me andare a caccia non differisce in alcun modo dall'andare a pesca ad asparagi a cicorie o a qualsiasi frutto che madre natura ci offre!!!Andare a caccia significa vivere la natura nel pieno del suo significato non limitandosi ad osservare e basta!!!Penso sia molto più gratificante raccogliere delle cicorie selvatiche o degli asparagi piuttosto che andarli a comprare al supermercato come penso sia molto più gratificante catturare una lepre o un fagiano piuttisto che comprare un coniglio od un pollo allevato io non mi diverto a sparare alle sagome per i semplice fatto che non serve a niente tu caro fabio flx ti divertiresti a raccogliere dei funghi o degli asparagi finti?!!!E' questo lo spirito del cacciatore!!!
Cordiali saluti a tutti!!!
Emanuele.
25/2/10 02:10, giovanni ciccarese ha scritto:
Bravo, Fabio FLX stai facendo progressi, una volta invitatoti a ragionare e non ad aggredire vi hai aderito con semplicità. E' quello che ti auguro sempre in tutte le cose anche quando parli di caccia. Quanto al resto resterai deluso, in quanto troverai nei cacciatori sempre persone disposte a parlare delle cose vere, non delle chiacchere e dei fumetti sulla caccia. Ciao. Giiovanni Ciccarese
22/2/10 11:57, Fabio FLX ha scritto:
Caro Giovanni Ciccarese, posso notare come il cacciatore che è in te sia uscito fuori dimostrandosi così come l'ho descritto nel mio precedente commento.
Sebbene io abbia auspicato allo smaltimento dell'attività venatoria e non dei cacciatori in quanto persone, il tuo intervento è stato diretto contro la persona e non mostra uno stralcio di ragionamento o tentativo di relazione.
E' proprio perché molti cacciatori sono come te che in quell'intervento mi sono permesso di notare come sia normale che molte persone vi contrastino senza più nemmeno cercare di farvi capire il perché.
22/2/10 08:47, hispank ha scritto:
Come potete vedere dall'ultimo commento, sto studiando più che posso!!!!!
22/2/10 08:43, hispank ha scritto:
ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA
www.vittimedellacaccia.org
SCHEMA RIASSUNTIVO VITTIME PER ARMI DA CACCIA
Dal 2 settembre 2009 al 31 gennaio 2010
estratti da 88 articoli stampa

IN AMBITO VENATORIO

CACCIATORI :

§ Settembre: 5 feriti - 3 morti
§ Ottobre: 17 feriti - 6 morti
§ Novembre: 12 feriti - 4 morti
§ Dicembre: 9 feriti - 5 morti
§ Gennaio: 11 feriti - 4 morti

#GENTE COMUNE :

§ Settembre: 4 feriti
§ Ottobre: 8 feriti
§ Novembre: 5 feriti
§ Dicembre: 1 ferito - 1 morto
§ Gennaio: -

54 feriti e 22 morti tra i cacciatori - 18 feriti e 1 morto tra la gente comune
Totale 72 feriti e 23 morti in ambito venatorio

#GENTE COMUNE VITTIME e CONTESTI: 5 donne ferite tra cui alcune col volto devastato, 2 guardie
venatorie, 2 fungaioli, 2 operai, 1 giardiniere, 1 ciclista, 1 passeggiatore.
Di questi, 7 colpiti nelle immediate pertinenze di casa, 1 sul balcone, 2 su strada, 1 in azienda
agricola(serre).

MUNIZIONI (laddove si evince): spezzata 37 – unica 33
---o--O--o---
VITTIME per ARMI DA CACCIA in AMBITO EXTRA-VENATORIO

CACCIATORI

3 FERITI e 1 MORTO per imperizia nel maneggiare le
armi in ambito domestico.

#GENTE COMUNE

12 FERITI e 6 MORTI – di cui 4 feriti e 1 morto per
mano volontaria di cacciatori (citati nell’articolo) e
quindi detentori di regolare porto d’armi; 1 minore
morto (16enne) per imperizia nel maneggiare l’arma
incustodita dal padre cacciatore. Dal totale si possono
estrarre i seguenti contesti: in ambito criminale 10 feriti
e 2 morti; in dinamiche familiari/violenza-domestica 4
feriti e 3 morti; per disturbi psichici 1 ferito e 2 morti. 4
i morti per omessa custodia delle armi.

-o-O-o-

Totali 15 feriti e 7 morti in ambito
extra-venatorio

TOTALI GENERALI:
87 FERITI E 30 MORTI PER ARMI DA
CACCIA IN 5 MESI

Il presente documento o parte di esso è liberamente utilizzabile citandone la fonte:
ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA
Web: www.vittimedellacaccia.org - E-mail: Info@vittimedellacaccia.org
12/2/10 03:45, lucarodriguez ha scritto:
Ce ne fossero di persone come Fabio flx, dovresti invece prenderlo come esempi anche tu ed iniziare a capire che siamo nel 2010 ed è l'ora di finirla con questa roba da barbari!
11/2/10 14:00, giovanni ciccarese ha scritto:
Ci auguriamo di vero cuore che spariscano invece persone come Fabio flx, che dimostra una chiusura totale alle altrui istanze e si sente depositario di una scienza innata in materia di ambiente. Se ragionassimo tutti come lui saremmo alla guerra civile ogni giorno. Calmati e studia di più l'ambiente perchè anche una tutela totale come vorresti tu sarebbe deleteria.Saluti.
8/2/10 03:50, Fabio FLX ha scritto:
Ho indagato un po' facendo domande a un cacciatore che reputo piuttosto responsabile (sebbene essere appassionati della caccia mi sia completamente incomprensibile) e quello che ho scoperto è quello che mi aspettavo.
Alla mia proposta di sostituire gli animali veri con copie identiche ma inanimate, mi ha subito detto che non sarebbe stato interessante e non l'avrebbe fatto. Dunque, ha ammesso che il bello sta proprio nell'uccidere e non nel cacciare, visto che la caccia in senso stretto non richiede assolutamente che la preda sia vera o comunque viva.
La seconda questione è il tipo di preda. Ha ammesso che la maggior parte dei cacciatori spara a qualsiasi volatile, passeri compresi, usandoli praticamente come piattelli visto che poi questi animali vengono lasciati in terra e non sono utilizzati come cibo.
Se questo è quello che è uscito fuori da un cacciatore corretto, che pulisce il bosco anche dalle cartucce altrui e si indigna quando sparano a volatili che non saranno mangiati, non oso pensare cosa possa venir fuori dalla mente, a mio avviso completamente corrotta e anacronistica, di chi è cacciatore meno attento di lui.
La caccia è un'attività che deve sparire, e i cacciatori andrebbero tutti indistintamente processati per maltrattamento ad animali. Se poi cercate la salvezza in qualche ipocrita gioco di parole, allora non offendetevi né meravigliatevi se per molte persone non siete nemmeno degni di una risposta civile.
8/2/10 02:57, hispank ha scritto:
Sarà un caso isolato.... Studierò un po' di più come suggerito!!!!!
(ANSA) - LIVORNO, 7 FEB - Un uomo e' morto in un incidente di caccia avvenuto all'interno di una riserva privata nella zona di Castagneto Carducci (Livorno). La vittima e' Giuseppe Orlando, 42 anni, nipote del conte Gaddo Della Gherardesca e figlio della contessa Sibilla. L'incidente sarebbe avvenuto nel corso di una battuta di caccia al cinghiale. Secondo una prima ricostruzione, dopo il ferimento di un animale, Orlando si sarebbe avvicinato al cinghiale e sarebbe stato colpito per sbaglio.

PER SBAGLIO???????? Era evidentemente cosi importante uccidere l'animale da trascurare qualsiasi minima norma di sicurezza???? Bah, sono proprio ignorante in materia!:-((((
7/2/10 09:40, hispank ha scritto:
Beh caro Ciccarese, vieni a passeggiare dalle mie parti e poi vedrai di quanta camomilla avrai bisogno quando i pallini ti fischieranno intorno. Secondome il tuo è il tipico commento da sindacalista che difende il settore senza se e senza ma, a priori, senza il coraggio di ammettere gli errori e le esagerazioni che ci sono. Le cose che ho scritto non sono miei pensieri, sono fatti accaduti a me direttamente. Libero di crederlo o no. Con questo non faccio di tutta l'erba un fascio e mi sembra di aver specificato di non essere contrario in toto alla caccia. Cmq non so quali esami superino, poco importa. Quelli che ho visto o conosco io, non superano certo quello di educazione civica o ambientale. Sicuramente a pieni voti quello di arroganza, verso gli animali e verso gli altri frequentatori del bosco o della natura in generale. Probabilmente dove abito e/o frequento soo tutti cosi. Sarà sfortuna!:-(
5/2/10 15:19, lucarodriguez ha scritto:
Inoltre giovanni ciccarese l'ambiente LO CONOSCO SICURAMENTE MEGLIO DI TE ed io, a differenza di te lo RISPETTO!!! Ma sai una storia tu cosa vuol dire la parola RISPETTO... Ma che parlo a fare...
5/2/10 15:15, lucarodriguez ha scritto:
Caro (si fa per dire) giocanni ciccarese, non meriti risposta... credimi, sono molto più informato di te sulla caccia e so quello che dico, non perderò più neppure un secondo a provare a dialogare con chi non non vuol capire!!! L'unica cosa che mi rende felice è che i cacciatori siano in via di estinsione
5/2/10 10:27, giovanni ciccarese ha scritto:
Anche hispank ha bisogno di una buona dose di camomilla e meno partigianeria. La caccia è una cosa seria altro che i cacciatori non sanno a cosa sparano. I cacciatori sostengono un esame difficilissimo. Prova hispank a studiare un poco di più ed a dire meno fesserie sui cacciatori che sono grandi ambientalisti. Con le dovute eccezioni...Ti saluto con un in bocca al lupo.
4/2/10 12:18, hispank ha scritto:
Non sono ancora riuscito a trovare un cacciatore che abbia l'educazione di chiedere permesso quando accede in un terreno altrui, nonostante vi sia il cartello di proprietà privata. Non ho ancora trovato un cacciatore che, sportivamente, carica il suo fucile con un sol colpo e si accontenta di 1 o 2 catture per giornata. La media di solito è 20 colpi sparati, 5 fagiani uccisi. Ottima sportività! Forse con un cannone si alzerebbe la media. Non ho ancora visto cacciatori che sanno a ciò che sparano, impallinando qualsiasi cosa voli o si muova, me compreso (sfiorato per fortuna). Ho visto invece cacciatori che piazzano trappole e bocconi avvelenati per sterminare le volpi e le poiane o uccelli predatori perchè considerati infestanti e pericolosi concorrenti per riempire il carniere. E' già successo che conoscenti cacciatori abbiano ceduto selvaggina cacciata perchè "ne avevano talmente tanta che non sapevano dove metterla"! Il paradosso! Mi piacemangiare la lepre? Ne caccio 1 o 2 per mio consumo personale. Invece davanti a casa mia i leprotti nati questa primavera sono spariti tutti! Per non parlare di quando sparano vicino alle abitazioni (casa mia)! Non mi fido ad andare nel bosco a passeggiare perchè non mi fido di questa gente. A margine del discorso, ho trovato i bracconieri dentro al Parco naturale, avvisato la Forestale. Nessuno mi ha contattato ma come per magia i soggetti non sono più venuti. Io non li ho avvisati e mi passavano davanti a casa giorno e notte ammettendo spudoratamente i fatti. Giudicate voi! Cosi non è sport, cosi è un delirio di onnipotenza solo perchè si ha un'arma in mano, che a occhio, vista la media di centri, non si sa usare un granchè. Non sono fatti inventati, sono successi veramente. Non è necessario allargare le maglie della Legge, basterebbe essere VERI sportivi con un minimo di etica e accontentarsi. Ed essere VERI e sportivi cacciatori non bracconieri legalizzati dal denaro. Ma forse è uno sport Ricco e gli interessi sono molti molti.
3/2/10 02:34, giovanni ciccarese ha scritto:
I commenti di lucarodriguez confermano la mia idea che vi sono molti pseudoambientalisti pasddaram che non conoscono l'ambiente, gli animali, la natura e quindi la caccia, che più che uno sport è un'arte antica quanto il mondo. Lucarodriguez sarà abituato a mangiare vitello, macinato e fatto a polpette per lui ma gli assicuro che una buona lepre in salmi o con le pappardelle è la fine del mondo, si mangia con gli amici ed è più buona del timido coniglio. Lucar...non è vero che gli Italiani sono cono contro la caccia, in Italia vi sono un milione di cacciatori ed un altro milione di ex cacc. ormai anziani o che non si possono permettere il lusso di andare a caccia visto che costa tanto e sono tutti soldi che vanno a tutela dell'ambiente. Informati e dialoga invece di inveire ed arrabbiarti sempre, può darsi che una buona giornata di caccia con gli amici ti faccia bene. Saluti.
2/2/10 04:17, Fabio FLX ha scritto:
Cavolo, avrei voluto rispondere ma certi commenti lasciano davvero senza parole.
Il medioevo non è ancora finito, uccidere per il gusto di farlo è la cosa più oscena che abbia mai sentito dire.
Non cercate giustificazioni, siete assassini e se non vi regge di tenere testa a questa parola allora siete pure ipocriti e meschini.
E non si cerchino giustificazioni nel fatto che dopo essere passati togliete le cartucce e ripulite il bosco, perché non c'è affatto da vantarsi se fate il minimo che ci si possa aspettare da persone che si vantano di essere "gente civile" e che forse cercano solo una scusa per calmare un latente senso di colpa.
Non ho pietà, mi spiace, uccidere una bestia attraverso una metodologia finalizzata al gusto di farlo è e resta vile ed esecrabile.
1/2/10 17:38, lucarodriguez ha scritto:
Il problema, grosso, è che i cacciatori non si rendono conto di ciò che fanno... Inoltre la caccia NON è uno sport... Mi rattrista veramente molto sentire certe affermazioni nel 2010, conosco molti cacciatori che col tempo hanno cambiato idea ed adesso sono nettamente contro la caccia, spero che capiti anche a te, scopriresti come è più bello vivere la natura senza uccidere e distruggere, NON SI PUO' UCCIDERE DEGLI ESSERI VIVENTI PER DIVERTIMENTO!!!
Se proprio vi paice sparare andate al poligono...
Ma come fate a non capirlo? Putroppo vedo che non ci può essere dialogo... Io lotterò sempre per far finire questa barbaria degna del più nero medioevo e, PER FORTUNA, la stragrande maggioranza degli italiani la pensa come me
1/2/10 12:47, micaely ha scritto:
Mi dispiace sig.Lucarodriguez la sua è una opinione nettamente personale-perchè la gente ci è vicina e ci ha sostenuto e ci sostiene in tante manifestazione come:caccia in festa,i raduno di Tarquinia e Bracciano ove si paga per entrare e non sono tutti cacciatori,essi sono consapevoli che il cacciatore è unma persona che pratica lo sport della caccia come tanti altri sport.Il suo è un problema di convivenza con altri sport che in una società civile bisogna avere rispetto degli altri e convivere pacificamente ,senza degrinare e criminalizzare e generalizzare, usando termini non appropriati come fa lei.Anchio potrei usare termini ancora più pesanti,ma sono una persona civile e mi limito a dirle che lei ragiona in modo egoisticamente personale.Es.lei trova un carta di caramella per terra,tutti i cittadini sono dei sporcaccioni?la saluto
1/2/10 07:19, lucarodriguez ha scritto:
Ma per favore MICAELY... IO mi prodigo a pulire i sentieri delle mie zone e senza nessuna retribuzione, i cacciatori si limitano a pulire il loro persorso per arrivare al capanno e basta... Inoltre lasciano qualsiasi sporcizia in terra, per non parlare delle cartucce... Siamo seri, i cacciatori sono tutto tranne amanti dell'ambiente, io frequento i boschi frequentati dai cacciatori e vedo in prima persona come si comportano! E poi uccidere animali per il solo gusto del divertimento è assolutamente da ASSASSINI, del resto la civiltà di un popolo si vede da come tratta la natura e gli animali...
1/2/10 07:08, MICAELY ha scritto:
Lucarodriguez lei non può definire i cacciatori assassini;oltre a non averne facoltà,non sai neanche cosa significa la parola assassino(vedi vocabolario in merito).I cacciatori sono persone civilissimi e rispettosissimi per l'ambiente e la fauna più di tanti finti ampientalista,animalisti e protezionisti.Le giornate ecologiche non sono certo organizzate da ambientalisti,i quali parlono solo e non offrono il loro sudore per pulire l'ambiente come fanno i cacciatori in massa.Saluti
30/1/10 15:17, lucarodriguez ha scritto:
ziomic tu non sei la maggior parte degli italiani, gli italiani NON VOGLIONO LA CACCIA, e facciamo la finità di dire che i cacciatori mantengono l'ambiente, io giro spesso nei boschi ed i cacciatori sono, oltre che degli assassini, dei grandi incivili!
28/1/10 15:25, giovanni ciccarese ha scritto:
forse è giunto il momento di avere una visione più conciliante con i cacciatori che sono gli unici finanziatori dell'ambiente. Sembrate ancora dei passdaram dell'ambiente ma così facendo state perdendo credibilità.La caccia in deroga interessa un numero limitatissimo di specie cacciabili a fronte di un capitale di centinaia di milioni di selvatici che attraversano ogni anno l'Italia. Basta con questa ipocrisia contro la caccia in un paese di divoratori di carne di tutti i tipi. saluti.
27/1/10 16:32, zio mic ha scritto:
non sono d"accordo la maggiranza degli italiani vuole allungare i tempi della caccia.
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità