Emergenza in Sicilia: palme secolari minacciate da un coleottero

La vita delle splendide palme, esotico tratto distintivo della Sicilia, da tre anni è minacciata da un piccolo coleottero che sembra non demordere. La situazione è così grave che la Regione ha appena chiesto lo stato di calamità.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Claudia Pecoraro

Punteruolo rosso, un coleottero
Ecco il temibile coleottero che minaccia le palme secolari: il punteruolo rosso
Tra le più antiche forme viventi, le palme giunsero in Sicilia con la dominazione Araba insieme ai limoni, agli aranci e ai gelsomini profumati. Con i loro fusti snelli e alti, come eleganti colonne, vanto dei giardini e delle piazze storiche delle città, instancabili segna tempo, hanno osservato dall’alto secoli di storia. Molto più che piante ornamentali, hanno tenuto compagnia silenziosa a tutti gli abitanti dell’Isola.

Albero di luce, la palma è anche l’albero della vita e, come tale, legata sempre al mito dell’immortalità, dalle simbologie pagane fino a quelle cristiane.

Ebbene, in soli tre anni, ben 30.000 di queste palme, nelle zone di Palermo, Trapani e Catania sono state colpite da quello che ormai è noto come “killer delle palme”: il punteruolo rosso.

Fino a poco tempo fa il censimento delle piante danneggiate ne contava solo 12.000, in quanto non era stato considerato che per ogni palma che manifesta i sintomi della presenza del coleottero, ce ne sono altre due già malate ma ancora asintomatiche.

La notizia aggrava una situazione già drammatica per la quale la Regione Sicilia ha appena chiesto lo stato di calamità. Se questa venisse accordata, il passo successivo sarebbe quello di chiedere al Governo centrale la dichiarazione dello stato di emergenza, per poter fronteggiare la situazione con mezzi e risorse adeguate.

Il punteruolo rosso è un coleottero che attacca alcuni tipi di piante in silenzio, in quanto scava gallerie all’interno, con una spiccata preferenza per le palme di sesso maschile: ai primi sintomi evidenti (perdita dell’apice vegetativo e portamento a ombrello delle foglie), l’infestazione è già in stato avanzato e non si può più fare niente.

Cattedrale di Palermo
La torre della Cattedrale di Palermo circondata da rigogliose palme
In 20-30 giorni, con un attacco massiccio, può uccidere una palma di notevoli dimensioni, ma può anche impiegare 4-8 mesi.

Quando è intaccato un solo esemplare di un filare, e non si interviene in tempi rapidissimi, è facile immaginare la velocità del contagio. Molti privati si rifiutano tra l’altro di rimuovere le proprie palme malate, anche se il decreto ministeriale li obbligherebbe a farlo. A loro discolpa va tuttavia ricordato che un intervento del genere costa 4-500 euro.

Al momento, mentre le squadre regionali e comunali proseguono nell’abbattimento delle piante malate, molti interventi di salvataggio non sono andati a buon fine. La dendrochirurgia, ad esempio, pur avendo salvato parecchie decine di palme, ha mostrato i suoi limiti: questa tecnica, importata dalla Spagna, prevede l’asportazione delle foglie malate, la pulitura integrale dell’apice e l’eventuale rimozione delle larve superficiali, ma per molte palme trattate in questo modo non c’è stato nulla da fare.

Sono stati provati anche altri metodi, come l’endoterapia, che consiste in iniezioni di abamectina, un composto diluito, ottenuto da un batterio presente nel terreno, che agisce sul sistema nervoso di molti insetti. Ma anche in questo caso il successo è garantito solo per piccoli insetti.

C’è anche chi sta cercando di contrastare il punteruolo attraverso degli insetti antagonisti, mentre l’ultimo tentativo è studiare la mappa genetica per leggere il Dna del coleottero e ricostruirne la provenienza o la variazione tra individui che attaccano la stessa palma.

Naturalmente non si possono cospargere le piante e le città di prodotti chimici altamente inquinanti e nocivi alla salute per debellare gli attacchi del punteruolo rosso, quindi la tendenza è quella di utilizzare metodi biologici ed avere la collaborazione dei privati.

Per questi motivi si è deciso di puntare prima di tutto su un obiettivo perseguibile, e cioè quello di ridurre la popolazione degli insetti e di rallentare il più possibile il loro propagarsi nelle aree ancora indenni del territorio regionale.

Nelle zone fortemente infestate, come l’area metropolitana di Palermo, si è deciso invece di procedere con l’utilizzo di apposite trappole. Saranno 500 al momento e saranno collocate nei pressi di viali e giardini a rischio, ma anche nelle scuole, con l’obiettivo di catturare il maggior numero di coleotteri.

Una palma malata
Ecco il triste aspetto delle palme attaccate dal punteruolo
Insomma, la caccia all’antidoto sembra destinata a continuare. Le attività di ricerca delle Università siciliane stanno quindi proseguendo, anzi si intensificano con il coinvolgimento di altre equipe internazionali come quelle di Israele ed Egitto.

Il risvolto di quello che è stato definito un vero e proprio disastro ambientale e paesaggistico naturalmente è costituito dagli ingenti danni economici: circa 20.000 euro per la perdita di una palma di 20 metri, circa 1.000 euro il costo medio per l’abbattimento (poi termodistruzione o biotriturazione).

Oltre a ciò, fino a cinque anni fa la Phoenix canariensis era la palma più venduta in Sicilia, mentre adesso le regione, leader nella produzione, sta accusando il colpo. La vendita delle canariensi era la più in voga perché queste crescono in modo facile e rapido, ma purtroppo sono anche quelle preferite dal punteruolo per le fibre e i tessuti più dolci di altre palme.

11 Marzo 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
10/12/09 00:39, marcello ha scritto:
Ad un flagello conosciuto se ne aggiunge un altro poco noto ma che potrebbe produrre danni ancor più gravi....
Una farfalla proveniente dall'Argentina dal nome complicato come quello del punteruolo (Rynchoforus ferrugineus), attacca le Washingtonie e le Chamaerops.
Si chiama Paysandisia archon....ma non se ne parla abbastanza........
Immaginate la riserva dell zingaro senza i suoi scopazzi....
8/12/09 09:30, antonio butera ha scritto:
Ma che dire credo che il punteruolo rosso dopo una riunione a livello mondiale ha deciso di venire in Sicilia perchè ha capito che qui avrebbe trovato il suo paradiso! Ormai è andata,la situazione è fuori controllo.Alcuni privati addirittura sono felici della morte delle loro palme" non dobbiamo più provvedere ogni anno a quella scocciatura di potatura"!!!! Per quanto riguarda il pubblico non vedo dei grandi movimenti.Grazie a Dio le palme da dattero ,le Washingtonia,le Sabal,le Cocos,e tutte le altre non sono colpite.In un paese normale del primo mondo(California-Florida-Francia etc)non sarebbe certo andata così. Direi che al Foro Italico si potrebbe già procedere con il piantumare le Palme da dattero al posto di quelle morte e che a Mondello si urgentemente procedere al taglio delle Canariensis morte o moribonde e piantare le Dactylifera o la Washingtonia. Cordiali saluti Antonio Butera
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità