Nucleare: la minaccia di Mister Burns

La seguente intervista è tratta dalla rivista Consapevole 15 aprile/giugno 2008. Nonostante sia stata realizzata ormai un anno or sono, l'attualità del tema e la pregnanza delle argomentazioni la rendono tuttora assolutamente valida quale testo di confronto e approfondimento.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di La Redazione di Arianna Editrice


In questi mesi di campagna elettorale il tema energetico è rimbalzato più volte tra le pareti degli studi televisivi. Tante volte, troppo volte, abbiamo sentito parlare del nucleare come di una panacea per tutti i mali: la soluzione ideale per liberarci da una situazione di atavica e tutta italiana “schiavitù energetica”. Ma il potere taumaturgico del nucleare che tanto piace alla politica è reale? Potrebbe davvero essere la scelta giusta?

Se anche il premio Nobel Carlo Rubbia ci mette in guardia sul nucleare (si veda la puntata di Annozero del 14 febbraio 2008) – 10 anni per costruire altre centrali, investimento economico ripagato su lunghissimo tempo, problema delle scorie, scarsità dell’uranio e aumento dei costi – la mosca al naso ci deve venire.

Alberto Zoratti – autore, con Roberto Bosio, di Fermiamo Mister Burns (Arianna Editrice, 2008) – ci aiuta a capire le ragioni del ritorno del grido “al nucleare, al nucleare”, prospettando nel contempo nuove strade energetiche.

Alla luce dei problemi energetici e della patologica incapacità della classe dirigente italiana ad affrontarli, ritorna ad avere credibilità la "tentazione" nucleare. Quali sono i motivi scontati, e quelli meno scontati, per ribadire il rifiuto di questa fonte energetica?

“I motivi sono molti e circostanziati. C’è un problema di ordine economico, intanto. Ci sono studi, come quello dell’Università di Greenwich (The Economics of Nuclear Power: analysis of recent studies, Università di Greenwich, Luglio 2005) o dell’Università di Chicago (The economic future of nuclear power, University of Chicago, Agosto 2004) che parlano chiaramente di non convenienza economica. Si parla di necessità imposta da un clima che cambia, da una situazione di riscaldamento globale che chiede risposte veloci. Ma trovare la soluzione nel nucleare significa sbagliare strategia, intanto perché non è vero che il nucleare è a emissione zero. Lo è la produzione tout-court da fissione, ma non lo è certamente la costruzione (dispendiosa e lunga) degli impianti, né il processamento. Poi ci sono i tempi di costruzione, dell’ordine di sei anni in media (ma che per l’Italia salirebbero per l’attesa necessaria ad ottenere le varie autorizzazioni), che non permettono risposte adeguate in termini di velocità ad un clima che sta cambiando velocemente. Ma una risposta ci viene data addirittura dal rapporto del 2006 del World Energy Outlook, secondo il quale per i prossimi venti anni il contributo ad una diminuzione delle emissioni di gas serra dato dal nucleare sarebbe minimo e non andrebbe oltre il 10%. Al contrario un miglioramento netto nell’efficienza nei consumi e nella produzione energetica contribuirebbero rispettivamente per un 65% e per un 13%. Ma allora, di quale nuova strategia energetica stiamo parlando?”

Il rifiuto del nucleare può essere disgiunto, all'oggi, da una critica complessiva al modello di sviluppo industriale e al richiamo ad una riduzione di scala e alla "decrescita"?

“Il nucleare viene proposto come risposta alla fame di energia, esattamente come gli Ogm vengono offerti per combattere la fame nel mondo. Ad un modello di sviluppo estremamente dispendioso in energia e risorse, la risposta non è riformarlo, ma aggiungere problemi a problemi. Prima ancora di una riflessione sulla decrescita – un concetto che andrebbe certamente articolato meglio per non cadere nella demagogia – oggi bisognerebbe parlare di aumento dell’efficienza energetica, di risparmio, di energie alternative. Secondo un incontro organizzato alla Camera di Commercio di Milano da Ises Italia (la sezione italiana dell’International Solar Energy Society, ndr) nel dicembre 2006 dal titolo “2006: Anno dell'efficienza energetica negli edifici”, è emerso che attraverso interventi mirati, il consumo energetico degli edifici e le rispettive emissioni di gas climalteranti potrebbero essere ridotti almeno del 25%: non male, se consideriamo che l’intero comparto ha consumi annuali di circa 70 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio. L’Enea, in uno studio pubblicato nel 2003, dimostra come una famiglia media italiana potrebbe risparmiare fino al 10% delle spese legate all’uso degli elettrodomestici e fino al 40% delle spese per il riscaldamento. E tutto senza far nulla, semplicemente modificando i propri comportamenti quotidiani”.

L'analisi internazionale quali risposte dà in merito alle scelte energetiche? I nuclearisti danno per scontato che i Paesi avanzati adoperino massivamente questa fonte, ma è proprio vero?

“In realtà l’energia da fonti energetiche negli ultimi anni ha subito un forte stop proprio nei paesi avanzati, perché poco conveniente. Pensiamo agli Stati Uniti o alla Gran Bretagna, dove British Energy – il colosso energetico britannico che gestisce gli impianti – fu salvato nel 2002 da un’iniezione di denaro pubblico. Oggi gli accordi si fanno nei paesi emergenti come la Russia, l’India, la Cina. Guarda caso potenze nucleari anche sul piano militare. E questo perché il ciclo del nucleare si chiude in maniera economicamente conveniente se in fondo alla catena di produzione ci sta l’industria militare, che riesce a riciclare più efficacemente quei prodotti secondari che altrimenti sarebbero un costo”.

Quale modello energetico senza nucleare, a livello internazionale, risulta credibile per efficacia ed efficienza e quindi esemplare per il caso italiano?

“La risposta non può essere univoca, ma più complessa di quanto si pensi. È necessario un mix di fonti energetiche come l’idroelettrico (soprattutto di piccole e medie dimensioni), il solare, il vento, il gas naturale, sommato, però, a tutte le esistenti strategie di risparmio energetico. Che dire delle case-clima, già diffuse nel nord Europa ed in parte in provincia di Trento e di Bolzano dove il consumo totale si attesta sui 7 KWh/m² all’anno? Stiamo parlando di meno di un litro di olio combustibile per metro quadrato annuo (o meno di un metro cubo di gas), contro i 300 KWh/m² all’anno che si possono trovare come punta massima nei nostri edifici, con una media che – nel 90% dei casi – tocca i 200 KWh/m² all’anno (attorno ai 20 litri di olio combustibile per metro quadrato annuo). E questo è soltanto un esempio”.

Quali sono le reali alternative energetiche a cui far riferimento in Italia? Responsabilità e consapevolezza non richiederebbero innanzitutto produrre vicino ai luoghi di consumo, risparmiare e innovare con tecnologie appropriate?

“Responsabilità e consapevolezza dovrebbero innanzitutto richiamare il cittadino alle sue responsabilità personali, al proprio stile di vita, che dovrebbe essere all’insegna dell’attenzione ai propri consumi. Il risparmio energetico è sicuramente il primo passo. Ma a questo vanno affiancate politiche pubbliche che parlino di agevolazioni sull’edilizia, a cominciare dalle coibentazioni (meglio se in materiali naturali) per arrivare ai consumi. E poi, certamente, le fonti di approvvigionamento, che dovrebbero contemplare produzioni con microimpianti. Insomma, passare da una gestione centralizzata della produzione ad una gestione reticolare, dove ognuno non sia solo utente ed utilizzatore, ma anche produttore e distributore. Una rivoluzione, ovviamente. Ma visto il cambiamento in atto, forse ne vale la pena”.

Articolo a cura di Eduardo Zarelli tratto da Il Consapevole

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono no al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
EBooks - Come Evitare la Trappola Nucleare

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono no al nucleare. 2007: nonostante la decisione del...
Continua...
28 Dicembre 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
30/3/09 08:30, giacomo ha scritto:
è possibile trovare in RETE uno studio comparato , in tabella, fra :- Costi, vantaggi e svantaggi di ENERGIA ELETTRICA prodotta da una Centrale Nucleare di Potenza "X" e altro ( altri) sistemi a parità di potenza prodotta?
Ovviamente anche i rischi hanno un costo.

Grato
giacomo salco
5/3/09 18:56, maurizio ha scritto:
Non è molto tempo che si è tornato a parlare del nucleare e già sono molto stanco e sopratutto molto deluso degli italiani. Io questa volta mi vado a sdraiare davanti ai buldozer se mai qualcuno inizierà a lavorare per la costruzione di centrali. Ma quanto dura la nostra pazienza o maglio la nostra indifferenza? Quante balle possiamo ancora sopportare prima che ci decidiamo a svegliarci da un sonno profondamente pericoloso?
Bisogna parlare molto meno di calcio o di qualsiasi altro tema che la falsa informazione ci propina ogni giorno e discutere questo argomento nel modo corretto e dare cifre e notizie veritiere, perchè molte persone si sono già fatte convincere che un ritorno al nucleare sia necessario.
Se poi entri un pò più nel merito delle motivazioni per cui hanno queste convinzioni mi rendo conto che non sanno nemmeno di cosa parlano, ripetono cose infondate con una disinformazione e ignoranza disarmanti.
Io sono una persona normale, semplice, però mi piace informarmi specie se riguarda il futuro dei miei figli e di tutti i bambini del mondo.
NO AL NUCLEARE, NO AL NUCLEARE! e lo griderò sdraiato davanti ai buldozer se sarà necessario, NO AL NUCLEARE!
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Le Energie del Futuro

Oggi il 62% della produzione di energia mondiale proviene dal petrolio e dal gas naturale. Alla fine di...
Continua...
Energia Nucleare

Scritto per informare il grande pubblico, almeno nelle linee generali, riguardo un tema che ha forte...
Continua...
La Struttura Nascosta del Mondo

L'approccio scientifico e tecnologico adottato in Occidente negli ultimi secoli e poi diffuso in tutto il...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Greenpeace lancia una raccolta firme contro il nucleare
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità