La Sicilia e il suo Club dei Comuni Virtuosi: il caso di Giarre

Su iniziativa della Comieco, Consorzio Nazionale per il Recupero e Riciclo di carta e cartone, è nato qualche giorno fa il Club dei Comuni Virtuosi della Sicilia. Ne fanno parte 34 Comuni e fra questi quello di Giarre. Abbiamo intervistato Piero Mangano, assessore comunale all’Ecologia, che ci ha aiutato a comprendere la realtà di questa cittadina.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio


Un'immagine di Giarre, Comune in provincia di Catania
Trentamila abitanti circa, situato tra Catania e Taormina, Giarre è stato da pochi giorni premiato per il suo virtuosismo.

Il Comune, situato sulla costa orientale della Sicilia, è entrato a far parte del neonato Club dei Comuni Virtuosi della Sicilia, istituito, su iniziativa del Comieco, per riunire le realtà che in ambito regionale si sono distinte per i risultati ottenuti nella raccolta differenziata di carta e cartone.

La finalità del Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) è il raggiungimento degli obiettivi di recupero e di riciclo previsti dalla normativa europea – che per la carta ed il cartone impone il raggiungimento del 60% minimo di riciclo entro il 2008 – attraverso un’incisiva politica di prevenzione e di sviluppo della raccolta differenziata degli imballaggi cellulosici immessi al consumo. Comieco, in collaborazione con Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi), ne gestisce infatti il sistema di ritiro, riciclo e recupero.

Il Club siciliano non è l’unico in Italia ma, anzi, ha alle spalle il successo riscontrato dal Club dei Comuni Virtuosi della Campania, istituito dal Comieco per dimostrare che in Campania si possono ottenere buoni risultati con la raccolta differenziata e contribuire a risolvere l’emergenza rifiuti.

La nascita del Club siciliano ha costituito il tema centrale del convegno “Club Comuni Virtuosi della Sicilia: la raccolta differenziata di Carta e Cartone, esperienze e risultati”, tenutosi il 9 febbraio presso la Sala delle Cerimonie del Palazzo d’Alì, nel Comune di Trapani. Al termine del convegno si è svolta la premiazione dei 34 Comuni Virtuosi della Sicilia: 18 in provincia di Catania, 5 in provincia di Palermo e 7 in provincia di Trapani.

“Il nostro scopo è quello di raddoppiare la raccolta procapite di carta e cartone proveniente dalle famiglie e le performance dei 34 Comuni Virtuosi fanno sperare in una reale possibilità di successo”, ha commentato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco.


Un momento del convegno “Club Comuni Virtuosi della Sicilia: la raccolta differenziata di Carta e Cartone, esperienze e risultati”
In rappresentanza del Comune di Giarre (Provincia di Trapani) erano presenti a Trapani il sindaco Teresa Sodano e l’assessore all’Ecologia Piero Mangano.

Comieco, per l’avvio del Club, ha previsto, attraverso un regolamento di adesione, alcuni precisi requisiti suscettibili di adeguamento nel tempo in base all’andamento della raccolta:

- raccolta differenziata procapite di carta e cartone 2008 5 kg/ab;

- raccolta differenziata procapite di carta e cartone 2008 procapite 2007;

- rispetto dei parametri qualità (nessun declassamento) negli anni 2007 e 2008;

- assenza di disservizi nella gestione del servizio di raccolta differenziata.

Avendo rispettato tali requisiti, il Comune di Giarre, è stato individuato tra i Comuni Virtuosi Fondatori del Club.

A distanza di una settimana circa dalla cerimonia di premiazione, abbiamo avuto l’occasione di intervistare l’assessore all’Ecologia Piero Mangano, il quale ci ha descritto una cittadina, quella di Giarre, divisa tra l’orgoglio dei risultati raggiunti e la preoccupazione per le problematiche che ancora la attanagliano.

“La premiazione è avvenuta, purtroppo, in coincidenza con l’aumento della Tarsu, dovuto sia al problema dell’evasione fiscale, sia alle spese per trasportare i rifiuti nelle discariche, considerato che nel Comune non ce ne sono”.

Un ulteriore problema evidenziato dall’assessore riguarda le “micro-discariche”, angoli di rifiuti che deturpano il volto del Comune, persino il suo centro storico, e la cui rimozione comporta una notevole spesa.


Sono 34 i Comuni siciliani che fanno parte del Club dei Comuni Virtuosi
D’altra parte, a fronte delle questioni irrisolte, è un dato di fatto che il Comune abbia ottenuto buoni risultati nella raccolta differenziata di carta e cartone, praticata sia tramite i cassonetti sia porta a porta. “Abbiamo cercato di muoverci, di fare passi avanti. O ci mettiamo al passo con i tempi o anche noi ci ritroveremo ad affrontare lo stesso stato d’emergenza in cui si è trovata la Campania”, ha aggiunto Piero Mangano, che ha attribuito i risultati raggiunti ai cittadini, alla nuova amministrazione (insediatasi nell’agosto scorso) e ad altri due soggetti coinvolti, ovvero Joniambiente e la ditta Aimeri. Joniambiente, società che si occupa della gestione dei rifiuti in 14 Comuni della Sicilia orientale, e la ditta Aimeri Ambiente, concessionaria del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, hanno mostrato – come sottolinea l’assessore Mangano – un grande impegno anche nel portare avanti un’efficace campagna di sensibilizzazione per aiutare la popolazione (a partire da bambini e ragazzi nelle scuole) a comprendere l’importanza di una corretta gestione dei rifiuti.

Negli ultimi mesi si è registrato quindi un incremento del 30-40% della raccolta differenziata: un trend positivo che, secondo l’assessore, potrebbe continuare. L’impegno dell’amministrazione comunale non è concentrato soltanto nella raccolta di carta e cartone ma anche dell’umido: “stiamo disponendo appositi contenitori nei mercati ortofrutticoli e nei ristoranti”, continua Mangano, il quale ci ha anche comunicato l’intento di realizzare un’isola ecologica, un’area attrezzata dotata di contenitori di diverse tipologie destinati alla raccolta differenziata di materiali ingombranti.

Qualcosa, insomma, è stato fatto. Molto altro è ancora da fare, a Giarre come nel resto della regione. Ciò che ci si auspica è che i 34 Comuni del Club dei virtuosi mostrino un’attenzione sempre maggiore nei confronti dell’ambiente e della sostenibilità e che, con il loro esempio, possano dar vita ad un vero e proprio circolo virtuoso che coinvolga tutte le città siciliane. E chissà che un giorno di questi la Sicilia non faccia parlare di sé come “isola ecologica”…

17 Febbraio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
3 lettori hanno commentato questo articolo:
23/3/09 13:31, Alessandra Profilio ha scritto:
Sì, il "Club dei Comuni Virtuosi" non ha nessun legame con l'Associazione Comuni Virtuosi. L'iniziativa del Club siciliano è partita da poco tempo e, sicuramente, come ci ha anche spiegato l'assessore che abbiamo intervistato, Giarre, sebbene rientri nel gruppo, è ancora ben lontana dall'essere un comune virtuoso a 360 gradi.
Speriamo che il premio rappresenti un incentivo ad un progressivo miglioramento sia per il Comune in questione sia per il resto della Sicilia!
22/3/09 19:24, Marco Boschini ha scritto:
Attenzione alla sigla "Club dei Comuni Virtuosi".

Non c'entrano nulla con l'Associazione nazionale Comuni Virtuosi ed anzi ravvisiamo non poche contraddizioni nel progetto qui presentato (visti i commenti che ci sono arrivati sul sito nei giorni scorsi da persone locali!).

Sembra proprio che qualcuno voglia appropriarsi del nome per farsi bello di fronte all'opinione pubblica...

Diffidate delle imitazioni!
Marco Boschini
Associazione Comuni Virtuosi
8/3/09 18:52, alfia vasta ha scritto:
mi viene da ridere, quello che vedo io e' campane per il vetro e la plastica sempre piene contornate da sacchetti pieni di spazzatura , questo per mesi,io che metto la carta fuori dalla porta e che poi la riporto a casa perche non e stata ritirata.speriamo meglio per il futuro.
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Manuale Pratico della Transizione

Una guida pratica per ogni comunità che desidera avviarsi verso la transizione. le transition towns sono...
Continua...
L'anticasta + DVD

La denuncia coraggiosa della casta, che inizialmente aveva suscitato in molte persone grandi speranze di...
Continua...
Caro sindaco new global

Caro sindaco new global ha lo scopo di diffondere su tutto il territorio nazionale pratiche amministrative...
Continua...
Le Città Contro l'Effetto Serra

L'entrata in vigore del protocollo di kyoto costringe finalmente i governi nazionali a uscire dall'inerzia...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. ma siamo sicuri? è proprio...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Viaggio nell'Italia dei comuni a 5 stelle, di Marco Boschini e Michele Dotti
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità