Guarigione come Crescita

Torre di Babele e villaggio globale

Lo sviluppo di lingue e dialetti nei secoli ha frammentalo sempre più la comunicazione rendendola impossibile tra individui provenienti da terre diverse. La globalizzazione, quindi, potrebbe nascondere un risvolto positivo nello sviluppo di una coscienza collettiva e di una visione olistica del mondo.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Giancarlo Tarozzi

Torre di Babele
Dopo aver cercato di raggiungere Dio costruendo una torre gli esseri umani furono dispersi e la loro unità disciolta
Nella Bibbia, testo comune a tutte le grandi religioni patriarcali e monoteiste, si racconta che un tempo gli esseri umani unirono i loro sforzi nel tentativo di costruire una torre a Babele, per raggiungere il cielo e Dio, per impedirglielo, confuse le loro menti e da quel momento iniziarono a parlare lingue e idiomi diversi, senza più riuscire a comprendersi. Abbandonarono quindi, da quel momento, ogni sogno di lanciarsi verso l'alto come una sola razza, quella umana...Nacquero razze, popoli guerre, razzismi... Uno dei grandi doni del Dio patriarcale...

A Pemba, dopo la discussione relativa al saccheggio delle conchiglie sull'isola di Misali citate in un articolo precedente , abbiamo cercato di spiegare ad una persona del posto che cosa volesse dire il rischio di estinzione provocato dall'uomo.

Abbiamo fatto l'esempio classico, quello delle balene, solo che... Eddie, il nostro interlocutore, non conosceva assolutamente il significato della parola inglese "whale", balena.

E qui la comunicazione ha trovato un intoppo: ci siamo reciprocamente resi conto di come fosse impossibile esprimere e descrivere un animale in mancanza di un termine comune che lo designasse.

Questo è uno degli effetti della diffusione sul nostro pianeta di migliaia di lingue diverse.

Del resto, nel brano biblico citato in apertura, si afferma che il dio delle religioni patriarcali ha creato una dispersione di lingue proprio per impedire agli esseri umani di comunicare tra di loro e, unendo i loro sforzi, arrivare al cielo.

Gli effetti di questa incomunicabilità sono molto più estesi di quanto generalmente si pensi.

In Tanzania, per esempio, viene utilizzata la lingua swahili, una lingua di per sé molto musicale. Ma... l'utilizzo di questa lingua è strettamente codificato. Quando si incontra qualcuno, inizia un vero e proprio balletto di frasi ognuna delle quali prevede una risposta ben precisa. Quando ci si sente dire "mambo"che significa "come va?" non si può fare altro che rispondere "poa" che significa "bene".

Nessuna altra risposta è prevista. Potrei fare molti esempi, ma il concetto è chiaro: la comunicazione viene sostituita da un rituale elaborato che permette a ognuno di rimanersene tranquillamente nascosto in se stesso.

L'esempio più macroscopico di questa modalità e quella dei giapponesi, che hanno ritualizzato e codificato con la massima precisione ogni fase delle relazioni umane, così da poter rimanere completamente mascherati in sé stessi, limitandosi a utilizzare parole e gesti precisi, sempre uguali ed immutabili.

lingue straniere
Nel mondo si parlano migliaia di lingue diverse
La frammentazione nella comunicazione è quindi diventata uno dei più grossi ostacoli alla consapevolezza, da parte degli esseri umani, di essere tutti parte di un'unica onda vitale.

Se la cosa può apparire evidente per quanto riguarda le lingue, non lo è spesso altrettanto per quanto riguarda i dialetti locali.

In realtà, però, un veneto, un siciliano, un romano, un napoletano quando utilizzano il proprio idioma locale fanno ricorso a inflessioni vocali, a gestualità e altre forme di comunicazione non verbale che sono parte della regione di appartenenza, e che hanno qualcosa di ben precise in comune tra loro.

Nel sentire parlare una coppia friulana, ad esempio, mi sono reso conto che hanno le stesse inflessioni e lo stesso tono di voce caratteristico di una mia amica che abita in quella zona, e che invece consideravo come tratti caratteristici della sua personalità.

Questo costituisce indubbiamente un enorme ostacolo alla possibilità reale di comunicare qualcosa che vada al di là delle parole stesse.

Ma allora... mi viene da chiedermi se abbia poi realmente senso questa contemporanea ricerca della difesa degli idiomi locali, degli usi e costumi provinciali, comunali, addirittura di quartiere.. Non si tratta in ultima analisi di un modo per erigere steccati, barriere comunicative verso chi é "diverso"?.

È una di quelle cose che solitamente viene accettata acriticamente come espressione di un rispetto della diversità.

Ma... e se le cose non stessero così?

Tutti questi particolarismi, questi localismi, che anche a livello internazionale stanno portando alla nascita di stati e staterelli sempre più piccoli, non sono forse uno dei più grandi ostacoli alla consapevolezza di essere tutti parte della una sola razza, quella umana, a sua volta parte di una rete vitale molto più vasta e complessa, quella che costituisce il pianeta che abitiamo? Questa Torre di Babele fa sì che sia realmente difficile raggiungere qualcun altro con la propria comunicazione.

Torre di Babele 2
Riscoprire un linguaggio comune potrebbe far tornare le persone a concepire l'altro, lo straniero, come una parte del tutto
Per fare un altro esempio, in un cartone animato estremamente popolare, i Simpson, i doppiatori italiani hanno sapientemente inserito cadenze dialettali ai personaggi.

Abbiamo uh commissario che parla napoletano, un giardiniere che parla sardo, un autista di pulmino dalla cadenza lombarda... e la mente tende naturalmente ad attribuire a questi personaggi caratteristiche legate anche all'inflessione dialettale che parlano.

Solo che, ovviamente, nella versione originale del cartone, i personaggi utilizzano inflessioni dialettali legate ad una cultura diversa, quella statunitense.

Ed allora, lo stesso commissario di polizia, si ritrova agli occhi degli spettatori ad avere caratteristiche diverse, legate anche in questo caso all'inflessione dialettale che utilizza per parlare.

E quante volte questo accade nella vita di tutti i giorni, nell'attribuire più o meno inconsciamente modelli in base alle lingue e sotto lingue parlate dagli esseri umani?

Se io mi trasferisco in Australia e porto con me il gatto che vive nella mia casa, questo gatto non avrà nessuna difficoltà ad interagire con i gatti australiani. Difficilmente la stessa cosa varrà per me, che per quanto possa conoscere l'inglese non sono compenetrato con le modalità espressive australiane.

Quando tanti anni fa mi sono trasferito da Torino a Roma, ho vissuto la stessa esperienza: una modalità culturale ed espressiva completamente diversa ha richiesto un certo periodo per poter veramente interagire non solo in superficie con i romani rispetto ai torinesi.

E allora, forse, la globalizzazione non è poi soltanto quel mostro costituito dallo sfruttamento da parte delle multinazionali. Tra quattro, cinquecento anni, auspicabilmente, nessuno si ricorderà più cos'è la Coca Cola o la Microsoft, ma magari la nascita di un linguaggio e di un patrimonio di conoscenze comuni tra gli abitanti del pianeta permetterà un'interazione molto più profonda, come del resto già oggi avviene almeno in parte grazie ad Internet.

30 Gennaio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
13/11/09 09:01, Esperantisto. ha scritto:
una lingua che unisce tutte le persone c'è, e si chiama esperanto. peccato però che pochi la conoscono.
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
In questa rubrica troverete esperienze di crescita, riflessioni scaturite dal contatto con Luoghi di Potere e personaggi che propongono e trasmettono tecniche antichissime, ma la bussola che ci guiderà sarà sempre il recupero dell'equilibrio interiore e dell'armonia con l'ambiente di cui facciamo parte.
RUBRICA A CURA DI...
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Reiki - Dal primo al terzo Millennio + CD

Dopo circa quindici anni di pratica ed insegnamento di reiki, l'autore fa il punto della situazione su questa...
Continua...
Caccia all'Anima

Una tecnica diffusa nelle tradizioni più antiche che aiuta il ricercatore a riportare a galla frammenti di...
Continua...
La Malattia non Esiste - Una sfida quantistica per la guarigione

Dopo anni di ricerche e pratica clinica l'autrice ha elaborato un metodo terapeutico che integra l'approccio...
Continua...
Il Calice e la Spada

«è realisticamente possibile il passaggio da un sistema di guerre incessanti, di ingiustizia sociale e di...
Continua...
Il libro nero del cristianesimo

Papa woytila ha compiuto un gesto storico: chiedere perdono per i crimini compiuti dalla chiesa cattolica...
Continua...
Ma che... Bip... Sappiamo Veramente? What the Bleep do We Know?

Centinaia di anni fa, la scienza e la religione si sono separate, diventando antagoniste nel grande gioco...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità