WWF

WWF: Basta con i bocconi avvelenati

L'iniziativa voluta dal Ministero della Salute è un grande segno di civiltà. I bocconi avvelenati, vere e proprie esche per tutte le specie animali, non si possono più utilizzare. Speriamo che questo sia solo il primo passo verso una mentalità che tuteli la biodiversità che contraddistingue il nostro pianeta.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


Orso bruno marsicano
Il WWF plaude e ringrazia dell’iniziativa il sottosegretario al Ministero della Salute Francesca Martini: è entrato in vigore grazie alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale lo stop deciso dal sottosegretario all'uso e detenzione di bocconi avvelenati. Intervenire e porre un freno all’uso sconsiderato ed incivile di veleni di qualsiasi tipo volutamente utilizzati per uccidere cani, gatti e la fauna selvatica in generale è una priorità da affrontare a livello nazionale. I bocconi avvelenati sono, infatti, una vera e propria piaga del nostro paese: si tratta di e a seguire quelle che se ne possono cibare; proprio per la loro estrema pericolosità e presenza ingannevole sul territorio i bocconi avvelenati costituiscono anche un serio pericolo per la salute pubblica. Auspichiamo che l’ordinanza consenta finalmente di intervenire rapidamente anche per la tutela della nostra fauna selvatica visto che la principale minaccia e la prima causa di morte per gli ultimi esemplari di Orso bruno marsicano e di Lupo sull’Appennino sono proprio i veleni, ma anche avvoltoi, come grifoni e gipeti, quasi scomparsi dalla nostra penisola e reintrodotti con progetti difficili e costosi che rischiano di essere vanificati di colpo dal gesto criminale di qualche sconsiderato.

Intervenire prontamente come proposto dal sottosegretario e arrivare a normare l’uso e la commercializzazione dei veleni è un segno di grande civiltà e forse ci consentirà di salvare dall’imminente estinzione l’ultima popolazione di orso bruno dell’Appennino centrale, che solo negli ultimi 14 mesi ha dovuto registrare la perdita di 8 esemplari, quasi tutti vittima dei più svariati veleni.

Il WWF si augura che questa nuovo strumento legislativo sia solo il primo passo di un lavoro puntuale che il Governo è chiamato a svolgere per tutelare in maniera incisiva la nostra biodiversità .

21 Gennaio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
14/5/09 13:10, MAIA ha scritto:
NON AVVELENIAMO GLI ORSI;
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
La 62ma edizione della Commissione baleniera internazionale (IWC) si è conclusa, lo scorso 25 giugno, senza un accordo concreto tra i Governi sulla caccia alle balene. Questa tendenza alla mancata tutela del nostro ambiente marino deve essere invertita, o tutti, non solo i paesi che vivono di pesca e caccia alle balene, saranno in difficoltà come gli oceani che si svuotano.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità