Greenpeace

L'Italia nell'elenco Usa dei pescatori pirati

Il NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) ha identificato l'Italia tra le nazioni i cui pescherecci sono impegnati in attività di pesca illegale. Questa comunicazione non sorprende Greenpeace, Legambiente, Marevivo e WWF.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


In una comunicazione inviata al Congresso, il NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), autorevole agenzia federale americana ha identificato Francia, Italia, Libia, Tunisia, Panama e Cina come “nazioni i cui pescherecci erano impegnati in attività di pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata”.

L’agenzia americana, che si occupa, tra l’altro, di problemi legati alla gestione degli stock ittici e che dipende dal Segretariato per il Commercio, ha stimato in 9 miliardi di dollari all’anno la perdita economica dovuta all’attività di pesca illegale.

L’Italia è da tempo sul banco degli imputati per l’uso di reti pelagiche derivanti d’altura, più note come “spadare”: sono l’unico sistema di pesca vietato dall’ONU e vietato completamente in Italia e nell’Ue dalla fine del 2001. Questa pesca illegale continua nonostante i milioni di euro spesi per “indennizzare” i pescatori: più di una volta gli stessi che hanno preso i finanziamenti per la restituzione delle reti spadare sono stati scoperti mentre usavano gli attrezzi illegali.

Anche se la NOAA non ha specificato i crimini che vengono addebitati all’Italia, il riferimento alle spadare è reso ancor più verosimile dalla menzione del High Seas Driftnet Fisheries Enforcement Act, la norma che sancisce l’embargo commerciale contro quei Paesi che continuano a usare reti derivanti d’altura. Già nel 1997 l’Italia arrivò a un passo dal far scattare sanzioni commerciali allora stimate in 5.000 miliardi di lire l’anno.

E’ verosimile, inoltre, che Italia e Francia siano nel mirino delle autorità Usa a causa della pesca illegale al tonno rosso. Il tonno rosso è gestito dall’Iccat(International Commission for the Conservation of the Atlantic Tunas) il cui comitato scientifico ha stimato che le catture di questo animale siano il doppio della quota prevista e addirittura quattro volte la quota di “sicurezza” stimata dalla ricerca.

Solo la settimana scorsa, a Chioggia, è stato scoperto un carico di 5 tonnellate di tonno rosso pescato illegalmente proveniente dalla Sicilia, con esemplari sotto la taglia minima (30 kg) e spacciati per “tonno pinna gialla”.

Greenpeace, Legambiente, Marevivo, PEW Environmental Group e WWF hanno inoltrato a questo proposito una nota lo scorso 17 novembre al Ministro delle Politiche Agricole, On. Luca Zaia, chiedendo la riattivazione del “Tavolo per la legalità nella Pesca”, un Forum a cui partecipavano tutte le parti sociali, pescatori e ambientalisti insieme per affrontare la piaga dell’illegalità in mare. La richiesta delle associazioni ambientaliste finora è rimasta senza risposta. Ora il Ministro dovrà rendere conto del discredito che piomba sulla pesca italiana, peraltro già nel mirino della Corte di Giustizia di Bruxelles per l’elevato numero di violazioni riscontrate.

14 Gennaio 2009 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
Lo scorso 24 maggio è partita la nuova spedizione di Greenpeace verso l'Arcipelago delle Svalbard, nel mar Glaciale Artico, in collaborazione con una troupe di scienziati dell'istituto di ricerca tedesco IFM-GEOMAR, che studierà i problemi legati all'acidificazione dei mari, ai cambiamenti climatici e all'intensificazione della pesca industrializzata.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità