L'Urlo

La morte, la vita e una squillante risata

L’eterna lotta tra vita e morte può essere sconfitta e superata da una risata. Una squillante risata tra Oriente e Occidente.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Daniel Tarozzi


Tempio di Minakshi, XVII sec. d.C. Madurai, Tamil Nadu
Strano mestiere quello del giornalista. Viene richiesta l’obiettività, l’imparzialità. Un buon giornalista secondo molti dovrebbe sapersi spogliare totalmente della propria identità, lasciando emergere solo la notizia, limitandosi, poi, a commentarla in separata sede.

Personalmente non ho mai desiderato essere un buon giornalista obiettivo, di quelli che si limitano a riportare i fatti come se fosse la nota della spesa.

Quelle che seguono sono le riflessioni e la cronaca di esperienze che la vita mi ha portato ad affrontare, senza che ci fosse un mio intervento di selezione, scelta o anche di semplice indirizzo.

Sono riflessioni di chi, improvvisamente, si è trovato proiettato in India, a Bombay (Mumbai), tra le baraccopoli, gli slum, i sorrisi e la gioia dei bambini, le meravigliose vesti tradizionali indi, lo sviluppo economico impetuoso, la ricchezza prorompente e la povertà debordante e poi, altrettanto improvvisamente, si è ritrovato in patria, in un paesino della Ligura, di fronte alla inconcepibile morte di una persona amata, una persona “anziana”, un fondamento della propria esistenza.

E qui il dubbio di chi scrive: virare queste righe sull’amato scomparso, con una serie di riflessioni sul rapporto tra generazioni, sulla vita e sulla morte o puntare all’esperienza indiana, allo scontro fra tradizione e modernità, alla desolante bellezza della prima e alla traboccante decadenza della seconda?


In queste ore scosse dalle mie emozioni, mi rendo conto che sono sorprendenti le analogie tra queste due esperienze apparentemente così lontane.

Qui, in Italia, mio nonno, mio nonno Lucio, “è volato in cielo”. Morte e vita si sono quindi drammaticamente incontrate e tra esse occhieggia l’inguaribile allegria che ha sempre caratterizzato la vita di mio nonno, il suo amore – quasi un’ossessione – per la risata, per le barzellette, per i colori, il buon umore, il sorriso. Risuonano in me le sue grida di gioia, la sua energia, le sue risate, la sua esultanza di fronte a una buona notizia. E, allo stesso tempo, rimbomba in me l’assordante silenzio della sua scomparsa, il vuoto, immenso, infinito, incolmabile che si allarga dentro.

Là, in India, a Bombay, morte e vita si intrecciano costantemente, tanto da far sembrare più normale la prima e più incredibile la seconda. Lo spazio, laggiù, assume un’altra dimensione. Il concetto di privacy, in una città in cui anche le rotatorie sono abitate da decine di persone, è semplicemente ridicolo. Ovunque morte, malattia, fame. Ovunque nascita, bambini, risate. Ebbene sì, risate. Anche qui, in mezzo al fango, alle fogne a cielo aperto, ai ponti squallidi delle stazioni, riecheggiano le risate di bambini deliziati dalla minima sorpresa.

Arriviamo noi, con le telecamere; “pallidi” occidentali venuti a “documentare” queste realtà. Quanto è difficile non disprezzarsi, non scappare a gambe levate, mentre si cammina tra loro reggendo attrezzature che costano come la vita di decine di bimbi locali. Ma poi, giri il display, loro si vedono rispecchiati in esso, ti sorridono beati, cominciano a saltare di fronte all’obiettivo e senti la gioia, incredibile ma vero. Ti guardano, franchi, diretti. “Come ti chiami”? Ripetono il tuo nome storpiandolo. Lo trovano molto comico. Tu ridi con loro. Stai bene. Dimentichi morte, decadenza e squallore. Finché non alzi nuovamente lo sguardo.


Quella risata è la stessa risata di mio nonno. È una risata che si oppone allo squallore che la vita ci propone, una risata che squarcia il velo delle fogne a cielo aperto indiane o del cemento e del cinismo ed egoismo a cielo aperto occidentale. Una risata che ti riconcilia con la vita proprio laddove questa sembra arrendersi alla morte.

Mio nonno amava dissacrare. Eppure aveva un’eleganza e una classe di un tempo che oggi non esiste più. Impossibile descriverlo. Orribile ricondurlo al concetto precostituito di “nonno”. Molti di voi staranno pensando ai loro nonni. Ma non c’entra niente. Non esistono nonni, vecchi, giovani, anziani, adulti, bambini. Esistono solo esseri umani. Unici e irripetibili.

Il giorno in cui capiremo che vanno abbattute le ghettizzazioni in cui ci stiamo rinchiudendo, in cui elimineremo le caste occidentali, tutte incentrate sull’età e sul reddito, forse potremo sperare in una società che possa presentarsi come esempio nelle zone più “povere” del mondo.

Ma noi ci ostiniamo a far prosperare questa società decadente e oppressiva in cui viviamo, in cui l’età media dei protagonisti di un film o di uno spot è 30 anni e quella della popolazione 60, in cui l’anziano non esiste, se non in politica. In cui esiste un termine osceno come “vecchio” e uno altrettanto aberrante come “giovane”. In cui si vivono e si frequentano esclusivamente “coetanei”, impedendo così ai più giovani di imparare dai più anziani e ai più anziani di prendere nuova linfa dai più giovani.


Noi viviamo tra depressione, inquinamento, problemi di soprappeso, frustrazioni lavorative, precariato, Prodi e Berlusconi, reality show e pornografia, sesso represso e sesso esibito, animali in gabbia, cibo avariato, aviaria nel cibo. Com’è possibile? E perché se entro in una scuola italiana vedo facce svogliate, violenza, noia e se vado in una baraccopoli indiana vedo gioia, sorrisi, vita?

In una società che invecchia, i vecchi non sono gli ottantenni.

I vecchi siamo noi, più o meno nuove generazioni inerti che si limitano a prosperare economicamente ed a morire spiritualmente. Ma tanto per non sbagliare, riusciamo a importare tutto il nostro vuoto in ogni angolo del mondo.

Con mio nonno Lucio e con mia nonna, ho imparato cos’è l’amore. Ho imparato la meraviglia delle piccole cose.

Ho imparato cosa significa conquistarsi finalmente la patente a 45 anni, con i propri risparmi. Ho imparato la meraviglia di un tempo che fu, l’incredibile potenza della semplicità, la prorompente energia della generosità, della canzone, del ballo lento, armonioso, innamorato. Grazie, Lucio! Ciao, Lucio.

Articolo scritto nell'aprile 2006

2 Maggio 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
3 lettori hanno commentato questo articolo:
7/8/09 19:41, NICOLA ha scritto:
CIAO A TUTTI QUANDO ARRIVERA IL MIO TURNO
SARà LA PIU BELLA RISATA DELLA NIA VITA
NICOLA
23/3/09 07:27, Fabio ha scritto:
Lucio, nel quale riconosco parte di te ogni volta che ne parli, mi ha dato il coraggio di ritrovare un Amico.
Mi chiedo... esistono davvero gli sconosciuti al mondo?, persone la cui vita può scorrerci indifferente?
Morirò solo quando smetterò di voler imparare da questa Vita, quando smetterò di amarla.
20/3/09 04:18, Fabrizio,delfinetto ha scritto:
Salve!
Bellissimo articolo. A metà febbraio sono tornato da un viaggio in Perù, tra le tante cose mi hanno colpito i sorrisi, ma anche visi tristi. Una diversa concezione delle cose, e poi che fortuna per loro non sapere tante cose della "nostra" società occidentale...!?!!! Sorrisi a tutti, e positivi!!!
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Uno spazio conquistato a fatica. Uno spazio dove gridare sottovoce, ma senza paure, tutti i pensieri e le emozioni che la nostra quotidianità fatta di asfalto, rumore e cemento ci obbliga ad ingoiare silenziosamente.
RUBRICA A CURA DI...

Alessandro Rizzato

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. Ma siamo sicuri? È proprio...
Continua...
Grandi Opere

Le Grandi Opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità