WWF

WWF: Il parlamento europeo approva un accordo sul clima inquinato

Oggi il Parlamento europeo ha accettato l’accordo-compromesso sul cambiamento climatico annunciato la settimana scorsa che comporterà un taglio delle emissioni di gas serra del 20% entro il 2020. Secondo il WWF il pacchetto è ‘inquinato’ dalla grande quantità di crediti di carbonio concessi dai Paesi extraeuropei.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


“Non è certo la nuova rivoluzione industriale sbandierata quando furono presentate le proposte all’inizio dell’anno" - afferma Mariagrazia Midulla, responsabile Clima del WWF Italia - "l’obiettivo del 20% suona bene a parole, ma è vuoto nei fatti, perché ai Paesi europei è consentito compiere circa tre quarti dei propri sforzi fuori dai confini dell’Unione Europea, il che significa che le emissioni europee saranno ridotte del solo 4-5% tra oggi e il 2020. Eppure, persino il Governo Americano, nell’esaminare il primo periodo Emission Trading Europeo, aveva consigliato al Congresso di limitare l’uso dei crediti derivanti dai progetti all’estero perché maggiori sono le riduzioni domestiche, maggiori sono gli incentivi per la ricerca tecnologica e per la promozione dei cambiamenti fondamentali per le industrie coinvolte nel commercio delle emissioni".

Il WWF dimostra il proprio disappunto per la decisione dell’ultima ora dei Capi di Stato europei che hanno imposto un accordo del genere “prendere o lasciare”, riducendo significativamente le possibilità del Parlamento Europeo di migliorare le decisioni prese.

Questo accordo chiaramente non è sufficiente ad affrontare la sfida dei cambiamenti climatici, né a rispettare l’obiettivo dell’Europa di mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2° C rispetto ai livelli pre-industriali. Al contrario, se il mondo intero si comportasse come l’Europa, il Pianeta sarebbe definitivamente avviato a perdere i ghiacci che coprono la Groenlandia e molte città sarebbero minacciate dall’innalzamento del livello del mare.

La settimana scorsa, al summit delle Nazioni Unite a Poznan, l’Europa ha esortato tutte le nazioni industrializzate a tagliare le emissioni del 30% entro il 2020 rispetto ai livelli del 1990. “La decisione odierna dell’Europa è ampiamente al di sotto di quell’ambizione e sta ingannando sia la questione climatica che i cittadini” continua la Midulla.

Il WWF chiede ai Paesi europei di attuare il massimo delle riduzioni di emissioni all’interno del proprio territorio e di non utilizzare crediti esterni. Con una ferrea normativa sull’efficienza energetica e le energie rinnovabili, l’obiettivo del 20% si può facilmente raggiungere anche all’interno dei confini europei.

16 Dicembre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
La 62ma edizione della Commissione baleniera internazionale (IWC) si è conclusa, lo scorso 25 giugno, senza un accordo concreto tra i Governi sulla caccia alle balene. Questa tendenza alla mancata tutela del nostro ambiente marino deve essere invertita, o tutti, non solo i paesi che vivono di pesca e caccia alle balene, saranno in difficoltà come gli oceani che si svuotano.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità