Legambiente

Alta velocità e treni per i pendolari

Legambiente: "Le Regioni donano briciole nei fondi destinati alle ferrovie. Ma Governo e Trenitalia non sono esenti da responsabilità".

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


Nella classifica delle Regioni più generose nel destinare fondi alle ferrovie spicca la Toscana, che le ha comunque destinato meno dello 0,4% del suo bilancio. Una cifra evidentemente irrisoria ma comunque ben superiore a quanto stanziato da altre Regioni che viaggiano su percentuali intorno allo 0,0qualcosa o al nulla assoluto (Calabria, Molise e Sardegna) con le situazioni più gravi in Veneto, Piemonte e Lazio dove a fronte di una rilevante domanda pendolare vi sono investimenti pari allo 0,02 o 0,03 del bilancio.

Il trasporto ferroviario allo sbando è una realtà nota e se le responsabilità vanno adeguatamente suddivise tra Governo, Trenitalia e Regioni, quest'ultime sembrano vincere la palma dell'ottusità secondo quanto emerge dalla valutazione delle spese dedicate alle infrastrutture per i trasporti che continuano evidentemente a favorire le strade, la gomma e quindi i sistemi di trasporto più stressanti e inquinanti, a scapito di quei 2 milioni di pendolari che ogni giorno cercano di raggiungere luoghi di lavoro e studio con il treno locale e che quotidianamente debbono fare i conti con carrozze vecchie e sovraffollate, ritardi e disagi, corse e fermate soppresse a sorpresa.

"La Finanziaria in corso di approvazione" - ha dichiarato Edoardo Zanchini, responsabile Trasporti di Legambiente - "ha deciso finanziamenti utili solo ad assicurare gli scarsi e spesso scadenti servizi attualmente esistenti, ma nulla di più. Da molti anni non si fa nulla per migliorare concretamente la situazione del trasporto pendolare e bisogna riconoscere che il trasferimento dei poteri in materia alle Regioni sta fallendo per mancanza di attenzioni e risorse".

Stato e Regioni continuano a investire a vantaggio del trasporto su gomma: a differenza della spesa per il servizio ferroviario quella per le infrastrutture non è stata ferma in questi anni. Decine di miliardi di Euro sono stati stanziati per opere della Legge Obiettivo, e a leggere i dati di quanto e cosa è stato finanziato dal 2002 al 2008, sembra emergere una precisa strategia della mobilità: far crescere il traffico su gomma in Italia nei prossimi anni perché i finanziamenti da parte dei Governi che si sono succeduti in questi anni hanno premiato per oltre il 70% gli investimenti in strade e autostrade.

14 Dicembre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
A partire da quest'estate, molte località italiane diventano balneabili "per decreto". In altre parole interi tratti di costa vengono dichiarati balneabili, non perché meno inquinati, ma solo perché è cambiata la legge. Legambiente denuncia la questione come un passo indietro in tema di depurazione, che lascia un deficit imbarazzante ad uno dei Paesi più industrializzati al mondo.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità