WWF

WWF: Il pacchetto clima in Italia, ecco i numeri!

All’apertura del Consiglio Europeo Ambiente, il nuovo rapporto Ecofys per il WWF: fotografia delle emissioni in Italia e tutte le opportunità di sviluppo offerte dalla lotta al cambiamento climatico.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


Il Pacchetto Clima-Energia elaborato dalla Commissione Europea offre all’Italia opportunità di sviluppo, risparmio economico e l’occasione per migliorare settori che ci vedono ancora indietro rispetto al resto d’Europa. E’ quanto emerge dal nuovo studio “L’Italia e il Pacchetto clima: costi, benefici, opportunità” realizzato dall’istituto di ricerca internazionale Ecofys per conto del WWF Italia e presentato alla vigilia dell'apertura del Consiglio Europeo Ambiente.

A fronte di un costo relativamente limitato, pari a circa lo 0,1% del PIL al 2020, l’adeguamento dell’Italia alle proposte europee avrebbe infatti una nutrita serie di benefici diretti e indiretti, anche rispetto agli altri Paesi europei, come la riduzione dell’import di combustibili fossili, con un risparmio di € 12,3 miliardi nel 2020, i minori costi di controllo delle emissioni, con un risparmio di € 1-1,9 miliardi, la crescita fino allo 0,5% nei consumi privati e fino allo 0,3% dei posti di lavoro, oltre a una riduzione del tasso di mortalità e malattia, e alla mitigazione dei problemi ambientali collegati.

Grandi potenzialità arrivano proprio dai settori più critici. Il nostro patrimonio edilizio, per esempio, è il più energivoro d’Europa e negli edifici residenziali utilizza il doppio dell’energia usata nei migliori paesi europei (150 kJ/m2 contro 65-75 kJ/m2). Abbiamo il numero di automobili per abitante più alto d’Europa (dopo il Lichtenstein, Lussemburgo e Islanda) e il trasporto su gomma copre una quota alta del trasporto di persone e merci. Siamo uno dei Paesi maggiormente dipendenti da combustibili fossili d’importazione e tra quelli che producono la maggior quantità di carbonio per unità di energia prodotta. Nel settore industriale, la quota di energie rinnovabili è bassa così come l’uso di calore e materiali di scarto.

Tra l’altro l’Italia è uno dei Paesi che ha recepito il minor numero di Direttive Europee in materia di Energia e Trasporti, ha un sistema fiscale che tassa di più il lavoro che l’inquinamento (una situazione che disincentiva la creazione di nuovi posti di lavoro, mentre non riduce l’inquinamento e i relativi costi sociali) e sul fronte della Ricerca dedica appena lo 0,2% del PIL al settore energetico, di cui il 65% è comunque destinato a energie fossili o nucleari.

“L’Italia deve rivedere il proprio atteggiamento nei confronti del pacchetto europeo: anche il confronto con gli altri Paesi ci dice che le politiche del clima ci porteranno molti vantaggi e ci aiuteranno a risolvere alcuni problemi strutturali dal punto di vista economico e della sicurezza” - ha detto Mariagrazia Midulla, Responsabile Programma Clima WWF Italia, che sta seguendo il Summit sul Clima in corso a Poznan - “chiediamo che si prenda atto delle potenzialità positive e si metta fine all’ostruzionismo. Abbiamo tutto da perdere da un ritardo e da una modifica del pacchetto UE. Dallo studio vengono anche molte indicazioni per il futuro: non spendiamo soldi in ricerca e innovazioni sui settori più promettenti, sui quali paesi come gli USA si apprestano a impegnare enormi investimenti. Occorre cambiare strada, e in fretta. Infine lo studio dimostra che le misure per l’efficienza delle abitazioni, oggetto di revisione da parte del Governo in questi giorni, non solo vanno confermate, ma potenziate e migliorate, rese ancora più efficaci, l’energia nel settore edilizio è uno dei tanti talloni d’Achille del nostro paese”.

3 Dicembre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
La 62ma edizione della Commissione baleniera internazionale (IWC) si è conclusa, lo scorso 25 giugno, senza un accordo concreto tra i Governi sulla caccia alle balene. Questa tendenza alla mancata tutela del nostro ambiente marino deve essere invertita, o tutti, non solo i paesi che vivono di pesca e caccia alle balene, saranno in difficoltà come gli oceani che si svuotano.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità