Guarigione come Crescita

Incontro con uno sciamano

Questa settimana vi condurremo nell’isola di Pemba, dove antichi poteri e arcani equilibri tra scienza e mistero, tra uomo e natura, sembrano ancora esprimersi in modo puro e primordiale. È qui che abbiamo incontrato Salim Bum, un uomo affetto dalla lebbra. Un malato? No, un guaritore.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Giancarlo Tarozzi


L'isola di Zanzibar si trova ad una cinquantina di chilometri dalle coste della Tanzania.

Una volta alla settimana, da Stone Town - capitale dell'isola - parte un cargo che, dopo una traversata che dura tutta una notte, giunge all'isola di Pemba.

Viaggiare sulla Spice Islander (questo il nome del cargo) è di per sé un'esperienza “unica”: è necessario arrivare almeno 2 ore prima (ma 3 ore è ancora meglio) e farsi strada in una calca indescrivibile per riuscire a salire sulla nave e trovare una sistemazione di "prima classe" per la notte: quella che viene definita prima classe è lo stanzone centrale della nave, le cui porte vengono chiuse durante la notte e nel quale ci si può sistemare sdraiandosi per terra o, se si è fortunati, distendendosi o sedendosi su divanetti.

All'esterno di questa stanza, si svolge una scena che merita veramente di essere descritta: le persone si accalcano da ogni parte, sdraiate o sedute sulla merce (dopotutto, si tratta pur sempre di una nave da trasporto). Non resta libero nemmeno lo spazio per camminare.

Comunque, in un modo o nell’altro, più o meno intorno all'ora stabilita, la nave parte per il suo percorso notturno.

Il mattino seguente, in un orario variabile in base alle condizioni del mare, si giunge a Wete, città posta nella parte settentrionale dell'isola di Pemba.

Essendoci in quel momento bassa marea, lo spettacolo che accoglie chi arriva può sembrare a prima vista surreale: decine di barche sono adagiate sul fondo corallino del mare che si è completamente ritirato assumendo una postura che le rende simili a relitti. Qualche ora dopo, quando la marea risalirà, le barche riprenderanno a poggiare sull'acqua.

Per andare a trovare “Salim Bum” (o “Salum Bum” come lo chiamano alcuni) è necessario poi prendere una strada lunga circa 5 km che si può percorrere a piedi oppure per mezzo di pulmini adibiti al trasporto di dodici persone, ma in cui i passeggeri non scendono mai sotto la trentina: arrampicati sul tetto, aggrappati al predellino posteriore e così via...

Noi abbiamo scelto per la prima esperienza il percorso a piedi, decisamente affascinante considerando che la strada si snoda in mezzo alla giungla. Al termine della camminata, giungiamo finalmente al villaggio in cui vive Salim Bum, uno degli ultimi guaritori tradizionali rimasti a Pemba, che porta avanti metodi di guarigione che si tramandano da tempi immemorabili e che agiscono attraverso il ricorso ad erbe e al contatto con gli spiriti.


Colpito fin dall'infanzia da una forma grave di lebbra, Salim Bum è quasi del tutto privo delle dita delle mani e di gran parte dei piedi, ma questo non gli impedisce di dedicare la sua vita al servizio di chi soffre dispensando ai bisognosi, senza mai stancarsi o negarsi, i suoi metodi tradizionali di guarigione.

Eddie, la guida che ci accompagna, ci racconta come da bambino avesse contratto la malaria e di come con l'aiuto di Salim Bum, fosse guarito. Ma non è l’unico! In molti altri sembrano voler fare a gara nel raccontarci episodi di guarigione che hanno vissuto direttamente o che hanno riguardato persone a loro care. Insomma, sembra che abbiamo incontrato un vero “medicine man” (uomo-medicina).

Salim Bum ci accoglie nella sua capanna; oltre a noi sono presenti alcune donne estremamente simpatiche, probabilmente sue parenti e collaboratrici, che accompagnano la conversazione con frequenti risate o battute.

Il contenuto specifico della conversazione che abbiamo avuto rientra in una sfera estremamente personale; posso solo dire che mi sono ritrovato estremamente soddisfatto delle risposte, delle indicazioni, dei suggerimenti e degli strumenti che ho ricevuto. Ma in fondo il contenuto orale del nostro incontro non è nemmeno così importante. Più che le parole (che per di più si perdevano di intensità nel passaggio dallo Swaihili, all’inglese e quindi all’italiano), infatti, ciò che è rimasto profondamente impresso in me è il ricordo dei suoi occhi penetranti che non mi hanno mai abbandonato dal momento in cui sono entrato nella sua capanna; è attraverso quegli occhi che è stato detto e comunicato molto più di quello che le parole potevano fare. È attraverso quegli occhi che ho vissuto appieno un incontro con uno sciamano.

26 Novembre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
In questa rubrica troverete esperienze di crescita, riflessioni scaturite dal contatto con Luoghi di Potere e personaggi che propongono e trasmettono tecniche antichissime, ma la bussola che ci guiderà sarà sempre il recupero dell'equilibrio interiore e dell'armonia con l'ambiente di cui facciamo parte.
RUBRICA A CURA DI...
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Reiki - Dal primo al terzo Millennio + CD

Dopo circa quindici anni di pratica ed insegnamento di reiki, l'autore fa il punto della situazione su questa...
Continua...
Caccia all'Anima

Una tecnica diffusa nelle tradizioni più antiche che aiuta il ricercatore a riportare a galla frammenti di...
Continua...
La Malattia non Esiste - Una sfida quantistica per la guarigione

Dopo anni di ricerche e pratica clinica l'autrice ha elaborato un metodo terapeutico che integra l'approccio...
Continua...
Il Calice e la Spada

«è realisticamente possibile il passaggio da un sistema di guerre incessanti, di ingiustizia sociale e di...
Continua...
Il libro nero del cristianesimo

Papa woytila ha compiuto un gesto storico: chiedere perdono per i crimini compiuti dalla chiesa cattolica...
Continua...
Ma che... Bip... Sappiamo Veramente? What the Bleep do We Know?

Centinaia di anni fa, la scienza e la religione si sono separate, diventando antagoniste nel grande gioco...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità