Legambiente

Tutela dell’ambiente e diritti dei lavoratori finalmente di pari passo!

Legambiente, FIOM e CGIL insieme a Taranto per un’Ilva più moderna e pulita.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


“Tutela dell’ambiente e diritti dei lavoratori finalmente vanno di pari passo”. E’ questo il commento di Stefano Ciafani, responsabile scientifico Legambiente al convegno organizzato da Fiom e CGIL “Lavoro, ambiente e sicurezza: Taranto e l’Ilva” che si è tenuto questa mattina a Taranto con la partecipazione di Legambiente, per analizzare la situazione dell’Ilva di Taranto dal punto di vista industriale con le possibili ricadute su sicurezza, salute, ambiente e territorio.

“La presenza di Legambiente oggi al fianco di FIOM e CGIL è un segnale importante che mette la parola fine alla tesi del passato secondo la quale, sull’industria, bisognava obbligatoriamente scegliere tra diritto al lavoro e rispetto dell’ambiente – ha aggiunto Ciafani - sindacati e ambientalisti oggi, invece, hanno trovato un unico fronte comune che punta all’innovazione tecnologica, in una sorta di green new deal che potrebbe costituire la vera risposta alla crisi mondiale, in grado di affrontare nello stesso tempo i problemi dell’occupazione, la competitività del mercato e il rispetto del territorio. Un criterio valido anche per la siderurgia italiana e per lo stabilimento Ilva di Taranto, su cui si è basato anche il ddl sulla diossina proposto dal governatore Vendola. Per questo Legambiente chiede a tutti gli schieramenti politici e alle altre sigle sindacali di appoggiarlo, perchè la vicenda “diossina” e la vertenza Ilva non devono essere considerate una battaglia di schieramento, quanto invece una opportunità per coniugare il trinomio “ambiente-lavoro-progresso”. Solo con la messa in campo di un effettivo e significativo abbattimento delle emissioni di diossina in tempi brevi - ha concluso Ciafani – con un'autorizzazione integrata ambientale seria e rigorosa, negli impegni e nei tempi, e un cronoprogramma preciso sulle bonifiche dei siti inquinati si potrà dire, infatti, che a Taranto c’è stata veramente quella svolta necessaria e non più rinviabile”.

23 Novembre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
A partire da quest'estate, molte località italiane diventano balneabili "per decreto". In altre parole interi tratti di costa vengono dichiarati balneabili, non perché meno inquinati, ma solo perché è cambiata la legge. Legambiente denuncia la questione come un passo indietro in tema di depurazione, che lascia un deficit imbarazzante ad uno dei Paesi più industrializzati al mondo.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità