WWF

Svolta storica di Obama: sul clima si cambia

"Un segnale per l'Italia: la perdita di tempo non è più un'opzione. La vera occasione per uscire dalla crisi economica è una politica incentrata sui cambiamenti climatici."

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


Clamorosa svolta storica degli Stati Uniti sulla politica sui cambiamenti climatici annunciata dal presidente eletto Obama con un messaggio videoregistrato al “Governors’ Global Climate Summit” convocato dal Governatore Repubblicano Arnold Schwarzenegger in corso (ieri e oggi) a Beverly Hills, California. Nel suo primo intervento focalizzato su una specifica politica, Obama ha annunciato che gli USA vogliono assumere un ruolo di leadership interna e internazionale sul problema “che, insieme alla dipendenza dal petrolio estero, indebolisce l’economia e mette a rischio la sicurezza”. Si comincerà con l’istituzione di un sistema di tetto e commercio delle emissioni di gas serra (il sistema del Protocollo di Kyoto) e obiettivi annuali di riduzione che porteranno gli USA agli stessi livelli del 1990 entro il 2020 e a un’ulteriore riduzione dell’80% entro il 2050. Verranno investiti 15 miliardi di dollari ogni anno a favore delle energie rinnovabili, con la creazione di 5 milioni di nuovi posti di lavoro. E’ chiaro che per Obama la politica sui cambiamenti climatici rappresenta la vera occasione per uscire dalla crisi economica.

Il discorso di Obama costituisce per il WWF una completa inversione di rotta rispetto alla politica negazionista e ostruzionistica dell’amministrazione Bush della quale sarebbe veramente molto importante effettuare un’analisi accurata del tremendo “costo dell’inaizone” sulle questioni climatiche che ha prodotto dal punto di vista ambientale, sciale ed economico e sanitario non solo per gli Stati Uniti ma per il mondo intero. La leadership americana, accanto a quella europea e ai molti segnali che vengono dalle economie in via rapido sviluppo (molti rappresentanti di questi paesi sono presenti al Summit di Schwarzenegger) potrà permettere al mondo di affrontare davvero la più grave minaccia che incombe sul Pianeta e sulla vita di centinaia di milioni di persone. Il Presidente eletto, peraltro, aveva già sottolineato che subordinerà gli aiuti statali al settore dell’auto a precisi criteri (“gli aiuti devono servire ad andare da qualche parte, non per andare da nessuna parte”) e l’alleanza con il governatore Schwarzenegger potrebbe preludere a un ok per la regolamentazione delle emissioni di CO2 delle auto della California, finora bloccata dal veto di Bush: questo rappresenterebbe una svolta per il mercato mondiale, di cui anche i leader europei non potranno non tener conto.

Il WWF si augura anche in Italia vi siano politici che emulino la capacità bipartisan di assumere una leadership visionaria sui cambiamenti climatici e di porre fine al colpevole immobilismo dell’amministrazione Bush. In primis dando impulso all’approvazione di un Pacchetto Europeo sul clima davvero capace di affrontare la grande sfida che abbiamo di fronte: indebolire oggi la leadership europea, di fronte alla svolta USA, sarebbe un atto autolesionista e stupido. Oggi bisogna dar valore alla capacità di futuro che la UE può esprimere e, nel caso del nostro paese, iniziare a muoversi e in fretta: ormai è chiaro che la politica della lamentela e dell’attesa degli eventi premia le posizioni economiche di privilegio e parassitismo e sabota il futuro del Paese. Altro passo fondamentale e improcrastinabile è una strategia italiana per far fronte ai cambiamenti climatici che segni un percorso obbligato di riduzione delle emissioni di CO2, con un impulso straordinario alle fonti energetiche rinnovabili e alle tecnologie a emissione zero. Non creando pezzi di carta inapplicati, come le delibere CIPE in materia, e senza perdere tempo con le false soluzioni, come il nucleare, non sicure, economicamente svantaggiose e per la cui realizzazione ci vuole troppo tempo. La perdita di tempo non è più un’opzione.

Per perseguire questi risultati il WWF proseguirà nelle prossime settimane il ‘pressing’ sulle istituzioni nazionali e locali con la consegna dello speciale Calendario ANNO DEL CLIMA, dopo quella avvenuta presso Montecitorio al Presidente della Camera, on. Gianfranco Fini, che raccoglie gli impegni più importanti dei prossimi mesi che culmineranno nella Conferenza delle Parti del dicembre 2009 (Copenaghen) che dovrebbe concludere il negoziato approvando un accordo finale sul clima.

19 Novembre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
5/10/09 11:54, carolina ha scritto:
bè...davvero interessante!!!!!
10/3/09 19:53, Giustizia Climatica ha scritto:
È bene anche fare un'analisi critica del piano clima ed energia di Obama. Può a questo proposito essere interessante il seguente articolo: http://www.giustiziaclimatica.org/2009/02/25/verso-copenhagen-unanalisi-critica-della-politica-climatica-di-barak-obama/
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
La 62ma edizione della Commissione baleniera internazionale (IWC) si è conclusa, lo scorso 25 giugno, senza un accordo concreto tra i Governi sulla caccia alle balene. Questa tendenza alla mancata tutela del nostro ambiente marino deve essere invertita, o tutti, non solo i paesi che vivono di pesca e caccia alle balene, saranno in difficoltà come gli oceani che si svuotano.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità