Greenpeace

Tonno e pescatori a rischio. Già bruciati 15 mila posti

Bisogna fermare la pesca al tonno rosso in attesa di misure efficaci per reprimere la pesca pirata.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


Lussemburgo, 27 ottobre 2008 – Greenpeace chiede ai Ministri europei riuniti oggi al Consiglio Pesca, di fermare la pesca al tonno rosso nel Mediterraneo fino a quando Italia, Spagna e Francia, e tutti gli altri Paesi coinvolti in questo saccheggio, non fermeranno la pesca illegale.

Durante questa riunione, i Ministri dovrebbero concordare la posizione europea sulla pesca al tonno rosso in vista della prossima riunione della Commissione internazionale per la Conservazione dei tonni in Atlantico (Iccat) che si terrà a in Marocco a Marrakesh dal 17 al 24 novembre.

L’attuale insensata gestione della pesca al tonno non porta da nessuna parte: la pesca italiana ha già perso oltre 15.000 posti di lavoro in sei anni e continua a bruciare ogni anno, insieme a tutta la pesca europea, decine di milioni di euro di aiuti pubblici. Se non fermiamo il saccheggio dello stock del tonno rosso in attesa di misure efficaci per reprimere la pesca pirata, presto perderemo anche questo importante comparto della pesca.

“I ministri di Italia, Francia e Spagna non sono stati capaci di fermare la pesca illegale al tonno rosso: bisogna fermarsi perché manca poco al disastro- avverte Alessandro Giannì, responsabile della Campagna Mare di Greenpeace - In Italia il tonno rosso viene pescato anche con le reti derivanti, i ‘muri della morte’ noti come spadare, che sono vietate dall’Iccat, dall’Onu e dall’Ue. Questi Ministri sono interessati solo a proteggere gli interessi dell’industria della Pesca: il Ministro Zaia si rifiuta di incontrare Greenpeace e non risponde nemmeno per lettera alle richieste di un cambiamento di rotta” aggiunge Giannì.

La situazione dello stock del tonno rosso è drammatica: il comitato scientifico dell’Iccat ha raccomandato di non pescarne più di 15.000 tonnellate l’anno, gli Stati membri dell’Iccat (su proposta dell’Ue)hanno adottato un piano che di fatto prevede di pescare 30.000 tonnellate l’anno, mentre secondo il comitato scientifico Iccat quest’anno in realtà sono state pescate oltre 60.000 tonnellate di tonno rosso.

Le richieste di Greenpeace sono state confermate da un rapporto di“autovalutazione” commissionato dall’Iccat a tre esperti indipendenti che hanno descritto la gestione Iccat del tonno rosso come “una disgrazia internazionale” e una “parodia di gestione della pesca”. Il rapporto sostiene quel che Greenpeace chiede da tempo: stop alla pesca fino a quando non ci saranno strumenti per lottare contro i pirati,riduzione dello sforzo di pesca e delle catture a livelli sostenibili e realizzazione di riserve marine, dove la pesca non sia concessa, nelle aree di riproduzione del tonno rosso.

Greenpeace ha presentato una proposta per una rete di trentadue riserve marine per difendere gli stock ittici e l’ecosistema del Mediterraneo.

Questa proposta comprende le maggiori aree di riproduzione del tonno rosso.

26 Ottobre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
Lo scorso 24 maggio è partita la nuova spedizione di Greenpeace verso l'Arcipelago delle Svalbard, nel mar Glaciale Artico, in collaborazione con una troupe di scienziati dell'istituto di ricerca tedesco IFM-GEOMAR, che studierà i problemi legati all'acidificazione dei mari, ai cambiamenti climatici e all'intensificazione della pesca industrializzata.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità