Come combattere la fame? Una risposta per venti chicchi

E’ apparso nell’ottobre del 2007, si chiama FreeRice ed è un gioco, un sito internet e, soprattutto, una campagna con risultati concreti per combattere la fame nel sud del mondo.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Virginia Greco


Circa 25.000 persone muoiono ogni giorno per fame o per cause ad essa connesse; di queste, un bambino ogni 5 secondi; malnutrizione, mancanza di vitamina A e zinco provocano danni permanenti a centinaia di migliaia di bambini nei paesi in via di sviluppo. Questi solo alcuni dei numerosissimi dati forniti da WFP, the World Food Programme (Programma Mondiale per il Cibo), agenzia delle Nazioni Unite nata nel 1963 con la prospettiva di restare in vita solo tre anni, esistente invece ancora oggi e attiva più che mai.

L’idea è molto semplice: ci si connette al sito www.freerice.it, si gioca rispondendo a quiz a risposta multipla su varie materie (lingue, geografia, matematica, ecc.) e, ogni volta che si indovina una risposta, venti chicchi di riso vengono messi da parte per il piano di sostegno alimentare. Venti chicchi sono nulla? Beh, si può giocare ad libitum e gli argomenti sono vari; inoltre (soprattutto), se come noi in questo momento migliaia di persone giocassero, si farebbe presto ad accumulare dosi significative del perlaceo cereale.

Chi paga il riso “vinto” e “donato”? Gli sponsors il cui nome appare in basso nella finestra di gioco.

Il WFP fornisce mediamente 400g di riso al giorno (per due pasti) a persona (nei paesi in cui il riso è l’alimento base), vale a dire 19.200 chicchi. Solo nell’ottobre 2008 sono stati donati tramite FreeRice quasi 50 miliardi di chicchi, cioè il cibo sufficiente per sfamare (nell’arco del mese) circa 90000 persone.

Come opera WFP?

Quando viene individuata un’area del mondo in cui si rende particolarmente necessario un sostegno tramite sussidi alimentari (zona di crisi), WFP attua un programma d’intervento seguendo un preciso protocollo. Si determina l’entità dell’emergenza e, quindi, la quantità di cibo che è necessario inviare, nonché il tipo di mezzi di trasporto da utilizzare e i canali umanitari ai quali appoggiarsi per portare a termine la distribuzione.

Formulato il piano d’azione e stilato un preventivo delle spese, viene lanciata la campagna di raccolta fondi. WFP si basa solo ed unicamente su contributi volontari, in denaro, cibo e servizi, provenienti da privati o istituzioni. Naturalmente i contribuenti singoli che forniscono cifre (o quantità di risorse) maggiori sono i Governi.

Via via che il denaro viene raccolto, l’intervento nella zona di crisi ha inizio. WFP controlla attentamente che il cibo fornito raggiunga effettivamente gli affamati cui è destinato.

Altrettanto importante è che i poveri che ricevono i sussidi alimentari si liberino dell’ansia di procurarsi il cibo giorno per giorno e possano così impegnarsi in attività produttive che li rendano, in tempi ragionevoli, autonomi, cioè in grado di sostenersi e di sfamarsi. Pertanto WFP non chiude mai un’azione se non è certa che la gente che ha soccorso sia in grado di procedere da sé senza ricadere nella spirale della povertà.

Riconoscendo il valore fondamentale che ha per l’evoluzione di una società la formazione scolastica, e che i bambini affamati non sono in grado di studiare e vengono al contrario spesso mandati a lavorare, WFP fornisce pranzi gratuiti nelle scuole per incentivare le famiglie povere a mandarvi i propri figli, inoltre fa opera diretta di convincimento presso i genitori. In molti paesi del Sud del mondo vige una discriminazione nei confronti delle donne: particolare attenzione è prestata da WFP affinché le bimbe partecipino al processo d’istruzione.

Ciò anche in considerazione del fatto che sono spesso le donne ad occuparsi della produzione del cibo (sono di frequente loro le responsabili delle fattorie) e della nutrizione dei piccoli: studi hanno dimostrato che le mamme istruite crescono con maggior probabilità figli sani.

Particolari misure sono adottate anche per venire incontro alle popolazioni in cui l’insorgenza di AIDS è elevata: la denutrizione accelera il processo di deterioramento del fisico dei malati e li rende particolarmente esposti alla tubercolosi, che risulta essere una malattia diffusissima tra le popolazioni povere vittime del virus dell’HIV.

Per ulteriori informazioni riguardanti i paesi in cui opera e i metodi che applica WFD, consultare il sito web: www.wfp.org.

27 Ottobre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
La Malattia non Esiste - Una sfida quantistica per la guarigione

Dopo anni di ricerche e pratica clinica l'autrice ha elaborato un metodo terapeutico che integra l'approccio...
Continua...
L'Influenza Suina A/h1n1 e i Pericoli della Vaccinazione Antinfluenzale

Tutto quello che devi sapere per tutelare davvero la tua salute e quella dei tuoi cari: ? l'influenza a/h1n1...
Continua...
Il Mondo Secondo Monsanto

Monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm) ed è una delle...
Continua...
Alimentazione Vegetariana - Teoria e Pratica

Tutto sulla teoria e sulla praticadell'alimentazione vegetariana racchiusoin un volume tra i più aggiornatie...
Continua...
Farmacrazia

"nell'arco di qualche secolo, le società occidentali si sono trasformate da teocrazie in democrazie e da...
Continua...
Cancro: puoi guarire

Esistono davvero tanti malati di cancro guariti con medicine alternative. decine e decine di testimonianze...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Influenza suina: si chiude la nostra campagna
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità