Sognando la California

Uno studio dell’Università di Berkeley ha portato alla luce dati sorprendenti: la lotta agli sprechi d’energia, portata avanti dalla California, ha avuto come conseguenza la creazione di un milione e mezzo di posti di lavoro. Grazie agli altissimi standard di efficienza energetica adottati, l’economia californiana è oggi forte dinanzi alla profonda crisi che il mondo sta attraversando. Lo stesso, purtroppo, non può dirsi dell’Italia…

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio


“Cosa ritiene più urgente tra la questione ambientale e quella della mancanza di posti di lavoro?”. Se ponessi questa domanda ad un campione di 100 persone sono certa che almeno 60 di loro risponderebbero con fermezza che il primo problema da risolvere è quello dell’occupazione: ciò che tormenta tantissimi cittadini, e soprattutto la quasi totalità dei giovani, è infatti la paura di non trovare un impiego.

E se vi dicessi che ecologia e lavoro non sono mondi separati e che proprio affrontando la questione ambientale si favorisce il benessere economico di ogni cittadino e dell’intero paese? In effetti è proprio così e ad affermarlo non sono di certo io, che mi limito a riportarlo, ma una voce ben più autorevole. Una voce che giunge da oltreoceano, più precisamente da Berkeley, cittadina californiana poco distante da San Francisco.

30 anni di politiche contro gli sprechi energetici hanno generato nello stato americano circa un milione e mezzo di posti di lavoro: questo lo straordinario esito dello studio realizzato dall’università di Berkeley, uno degli atenei più prestigiosi della California.


Università di Berkeley, California

A guidare la ricerca è stato Roland-Holst, economista del Center for Energy, Resources and Economic Sustainability dell’università, che ha pubblicato "Energy Efficiency, Innovation, and Job Creation in California", resoconto dello studio.

Dal 1977, anno dello shock petrolifero, la California ha introdotto altissimi standard di efficienza energetica nell’ambito degli edifici e degli elettrodomestici.

L’introduzione di tali misure ha avuto come conseguenza la creazione di un milione e mezzo di nuovi posti di lavoro a fronte dei 25.000 persi, la produzione di oltre 45 miliardi di dollari ed un risparmio di 56 miliardi sulle bollette.

Ma come si è riusciti ad ottenere tali risultati?

Il notevole risparmio sulle bollette ha permesso ai cittadini di destinare il denaro alla domanda di beni diversi dall’energia, quali i generi alimentari, le manifatture ed i servizi: settori che prevedono un elevato numero di lavoratori.

Prendiamo ad esempio il settore alimentare: se la gente chiede più minestre, occorre il lavoro di più coltivatori di verdure, di più impiegati nell’industria della trasformazione, di più grossisti e di più rivenditori di minestre.

Lo stesso iter ha riguardato l’ambito delle manifatture e dei servizi ed è così che nell’ultimo trentennio l’economia californiana ha visto crescere il volume d’affari complessivo di 44,6 miliardi di dollari: cifra che permette ora alla California di essere meno vulnerabile dinanzi alla crisi economica che si è abbattuta su tanti altri paesi del mondo, tra cui, purtroppo, anche il nostro.


Il risultato dello studio dell’università di Berkeley è un’ulteriore conferma del fatto che eco-sostenibilità non è la parola d’ordine di un movimento a sé stante di stravaganti individui che decidono di rinnegare il progresso e condurre uno stile di vita ascetico. Al contrario, eco-sostenibilità è progresso.

A confermarlo, oltre alla estremamente significativa realtà californiana, è uno studio dell’UNEP (Programma Onu per l’ambiente) che ha avviato, insieme ad economisti di fama mondiale, la Green economy Initiative. Secondo lo studio i settori che con grandi probabilità produrranno la più grande transizione in termini di ritorno economico, di sostenibilità ambientale e di creazione di posti di lavoro sono quelli legati alle energie e tecnologie “pulite”, all’agricoltura sostenibile ed alle eco-città (pianificazione, trasporti e costruzioni ecologiche). Dal caso della California si desume che queste previsioni sono assolutamente fondate.


Università di Berkeley, California

L’economia californiana grazie alla sua politica basata sull’ efficienza energetica sta affrontando a testa alta la crisi economica che si è abbattuta su tanti paesi. L’Italia, al contrario, nella crisi ci sguazza tristemente. Ciò che però è ancora più triste è che il nostro paese sembra volersi dirigere molto lontano dal modello californiano: ultima testimonianza di ciò è la contestazione presentata dal capo del governo agli obiettivi del pacchetto 20-20-20.

Per sapere cosa succederà in tal senso bisognerà attendere l’esito del «tavolo tecnico» che prenderà il via la prossima settimana. Nel frattempo possiamo aspettare “sognando la California”, come titola un film, e sperare che il sogno diventi realtà…

23 Ottobre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Uso Razionale dell'Energia nella Casa

L'energia in casa serve a diversi usi essenziali: riscaldamento, illuminazione, uso degli elettrodomestici,...
Continua...
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
Un Futuro Senza Luce?

Il nostro sistema energetico spreca e disperde nell'atmosfera più energia di quanta ne utilizzi....
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità