WWF

UE rafforza il pacchetto sulle foreste

La necessità di una legislazione che affronti il problema del commercio di prodotti derivati da legno di origine illegale è stata finalmente riconosciuta.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


L’Unione Europea ha finalmente riconosciuto la necessità di una legislazione per affrontare il problema del commercio di prodotti derivati da legno di origine illegale. Tuttavia, la bozza di proposta presentata oggi non ha i requisiti necessari per dare un serio giro di vite a questo tipo di commercio. È questo il commento del WWF a seguito della comunicazione presentata oggi dalla Commissione Europea sulla riduzione delle emissioni gassose da deforestazione e sulla proposta legislativa che mira a contrastare il problema del taglio e commercio illegale del legname. Una misura legislativa che, così come concepita, è improbabile che possa soddisfare quegli obiettivi da loro prefissati di fermare la deforestazione ed eliminare il commercio di legname illegale.

La deforestazione e la degradazione continua delle ultime foreste del nostro, un tempo, verde pianeta sono responsabili del 20% dell’emissione globale dei gas responsabili dell’effetto serra, e il taglio illegale ed il successivo commercio di legname sono tra le maggiori cause di questo scempio continuo che sta mettendo a serio rischio la stabilità climatica e la funzionalità di questi ecosistemi, compromettendo così servizi essenziali per la vita di noi tutti. Ogni anno circa 27 milioni di m3 di legname illegale oltrepassano i confini europei, entrano sui nostri mercati, rendendoci così partecipi e complici della distruzione di ambienti unici come le foreste tropicali del bacino del Congo in Africa, dell’Amazzonia o delle ultime foreste del Borneo e di Sumatra. La proposta di oggi, pure se rappresenta un passo avanti verso il controllo di tutto questo, non promuove però quelle procedure che possano vincolare le compagnie a fornire valide garanzie sulla provenienza legale del legname, sull’intera catena di custodia. Non è chiaramente specificato se le leggi vigenti nei paesi di origine, come quelle sui diritti di proprietà terriera delle popolazioni locali, devono rientrare in queste garanzie.

Il WWF sollecita il Parlamento Europeo e il Consiglio dei Ministri a rinforzare rapidamente la proposta, per avere quanto prima possibile un decreto efficace nel bloccare il commercio illegale di prodotti derivati da legno e carta. “E’ un documento di lavoro utile ma senza alcun dubbio da migliorare - dichiara Massimiliano Rocco, Responsabile del Programma TRAFFIC e Timber Trade del WWF Italia - e per questo chiediamo ai nostri Parlamentari Europei di adoperarsi per fare si che questa proposta possa essere integrata con quelle modifiche necessarie a farne un documento che soddisfi le esigenze più che mai necessarie per fermare la deforestazione e la distruzione della nostra biodiversità, un patrimonio unico e sempre più a rischio come è recentemente apparso più che evidente anche da quanto presentato al simposio IUCN di Barcellona. Molte specie animali sono sull’orlo dell’estinzione e con loro interi ecosistemi sono più che prossimi al collasso, le foreste tropicali sono una priorità e si deve fare di tutto per preservare questi ambienti unici e irriproducibili, ora”.

Inoltre, sulla proposta fatta per ridurre le emissioni da deforestazione, il WWF denuncia una mancanza d’ambizione poiché il documento si prefigge come obiettivo solo il dimezzamento piuttosto che il totale arresto dei processi di deforestazione delle foreste tropicali entro il 2020, in controtendenza rispetto a quanto solo pochi mesi fa, durante l’incontro dei membri della Convenzione sulla Diversità Biologica tenutasi lo scorso maggio a Bonn, i rappresentanti di più di 60 paesi hanno sottoscritto un accordo proposto dal WWF, per fermare la deforestazione entro il 2020 (livello zero per la deforestazione). Il WWF pertanto esorta la Commissione Europea a mantenere quest’obiettivo.

16 Ottobre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
La 62ma edizione della Commissione baleniera internazionale (IWC) si è conclusa, lo scorso 25 giugno, senza un accordo concreto tra i Governi sulla caccia alle balene. Questa tendenza alla mancata tutela del nostro ambiente marino deve essere invertita, o tutti, non solo i paesi che vivono di pesca e caccia alle balene, saranno in difficoltà come gli oceani che si svuotano.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità