Legambiente

Pesticidi killer delle api e dell’ambiente

Legambiente e U.N.A.API: “urgente una decisione del governo per mettere al bando queste sostanze. Non c’è davvero più tempo da perdere”.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


“La moria delle api di può fermare solo bloccando l’uso dei neonicotinoidi, i nuovi pesticidi sparsi nell’ambiente a larghe mani. Valutiamo positivamente l’intenzione del governo di avvalersi di una procedura precauzionale in merito all’uso di queste molecole e ci auguriamo che questa volontà non venga smentita dai fatti”.

Così Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente, e Francesco Panella, presidente di U.N.A.API, dopo l’incontro con le associazioni svoltosi al ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

In seguito alle crescenti denunce da parte degli apicoltori e di Legambiente di immense morie di api a causa di nuovi e micidiali insetticidi, il Mipaaf aveva, infatti, assunto l’impegno di monitorare il fenomeno e di assumere orientamenti conseguenti.

I nomi di queste sostanze sono ben noti: si tratta dei neonicotinoidi di nuova generazione della Bayer e della Syngenta, micidiali in particolare se utilizzati per conciare (impolverare) i semi del mais.

“I fenomeni verificatisi in campo in modo crescente e sempre più grave evidenziano l’inadeguatezza e l’inaffidabilità delle procedure di valutazione ambientale per l’uso di molecole chimiche immesse nell’ambiente a larghe mani - proseguono Cogliati Dezza e Panella -. Alcune Regioni hanno già chiesto la sospensione delle molecole incriminate ma non è stato redatto ancora alcun report d’insieme di tutte le informazioni pervenutegli dalle varie amministrazioni, né si è voluto prendere atto dell’evidenza scientifica che emerge dall’insieme delle rilevazioni di campo e dalle analisi di laboratorio effettuate. Confidiamo ora in un decisivo passo avanti”.

Grazie all’attività in campo degli apicoltori e dei servizi veterinari e agricoli delle regioni si sono raccolti elementi scientifici che inequivocabilmente indicano l’identikit con nome e cognome dei killer delle api e dell’ambiente.

Si è appurato che, oltre agli effetti insetticidi che perdurano nella linfa per tutta la vita della piante, con certezza in fase di semina tali molecole formano nubi tossiche di particelle sottili che provocano la morte di tutte le api che volano nei campi. Tali insetticidi sono stati sospesi in Francia a partire dal 1999 e in Germania e Slovenia nel 2008 nei 15 giorni successivi alla prima moria d’api verificatasi in campo.

“Chiediamo ai ministeri della salute e dell’agricoltura – concludono Cogliati Dezza e Panella – di tutelare l’interesse pubblico e di dimostrare autonomia rispetto agli interessi privati delle holdings della chimica”.

30 Luglio 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
A partire da quest'estate, molte località italiane diventano balneabili "per decreto". In altre parole interi tratti di costa vengono dichiarati balneabili, non perché meno inquinati, ma solo perché è cambiata la legge. Legambiente denuncia la questione come un passo indietro in tema di depurazione, che lascia un deficit imbarazzante ad uno dei Paesi più industrializzati al mondo.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità