Greenpeace

L’Austria Blocca il Mais OGM MON 863

Greenpeace plaude al bando imposto dagli austriaci al mai OGM. “Un esempio da seguire in Italia e in Europa".

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


“Analisi di laboratorio mostrano chiaramente che il mais MON863 produce segni di tossicità per gli animali, ciò nonostante la Commissione europea continua a permettere l’ingresso di questo Ogm nella filiera alimentare.” denuncia Federica Ferrario, responsabile campagna OGM di Greenpeace “È decisamente preoccupante che il sistema autorizzativo europeo per gli Ogm non riesca a identificare questi pericoli, un chiaro segnale che una riforma radicale è quanto mai necessaria.”

Il MON863 é nell’occhio del ciclone dal maggio del 2004, quando il quotidiano francese “Le Monde” informava che i topi nutriti con questo mais transgenico mostravano cambiamenti nella composizione del sangue e possibili danni agli organi interni. Nonostante le controversie di

natura scientifica, la Commissione europea nel gennaio 2006 ha permesso l’importazione di questo Ogm nel mercato europeo per uso alimentare e mangimistico. L’ok è arrivato contro il parere della maggioranza degli stati dell’Ue: a settembre del 2004, 14 Stati membri avevano votato contro l’autorizzazione del mais Monsanto, mentre solo 5 paesi avevano dato parere favorevole.

Investigazioni di Greenpeace e ulteriori studi indipendenti, pubblicati nel marzo del 2007, hanno confermato che fegato e reni dei topi alimentati con mais MON863 venivano danneggiati.

“E’ semplicemente inaccettabile che l’Unione europea anteponga gli interessi commerciali di aziende come la Monsanto alla sicurezza dei cittadini europei. Il bando austriaco e’ un esempio da seguire in Italia e in tutti gli stati europei” conclude Ferrario.

24 Luglio 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
Lo scorso 24 maggio è partita la nuova spedizione di Greenpeace verso l'Arcipelago delle Svalbard, nel mar Glaciale Artico, in collaborazione con una troupe di scienziati dell'istituto di ricerca tedesco IFM-GEOMAR, che studierà i problemi legati all'acidificazione dei mari, ai cambiamenti climatici e all'intensificazione della pesca industrializzata.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità