Firenze: acqua naturizzata al posto delle bottiglie

Firenze, acqua “naturizzata” contro bottiglie di plastica. Una vittoria a metà dell’Arci che è valsa all’associazione culturale, più precisamente al Comitato territoriale Arci di Firenze, il premio le “azioni di riduzione dei rifiuti 2008”.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Giancarlo Simone Destrero


Piccoli passi lenti verso quell’obiettivo che, invece, sarebbe necessario raggiungere urgentemente con un lungo salto: l’eliminazione delle bottigliette di plastica, almeno per quello che riguarda l’acqua naturale. Qualcosa si sta muovendo tuttavia, ed è sempre meglio di niente.

A Firenze, i locali gestiti dall’Arci dovrebbero produrre circa un milione di bottigliette di plastica in meno, su territorio provinciale, entro la fine del 2008. Tutto ciò secondo un elaborato conteggio, che tiene in considerazione il numero dei soci Arci sul territorio fiorentino ed il consumo medio procapite all’interno dei locali gestiti dall’associazione di promozione sociale.

L’obiettivo è il frutto della collaborazione avviata tra S.i.d.e.a. Italia ed Arci, ed il numero viene fuori dal calcolo fatto da “Assonaturizzatori”. Il progetto prevede l’introduzione progressiva di acqua “naturizzata” prodotta da S.i.d.e.a. Italia, all’interno dei locali Arci.

L’acqua “naturizzata” è prodotta a partire dall’acqua potabile di rubinetto e dovrebbe avere caratteristiche organolettiche migliori rispetto a quest’ultima, almeno secondo quanto evidenziato dall’azienda produttrice. La “naturizzata” viene trattata, infatti, con naturizzatori aventi speciali filtri in grado di eliminare gli eventuali cattivi sapori e cattivi odori dell’acqua potabile, soprattutto per quanto riguarda il cloro.

Quest’acqua, quindi, dovrebbe essere l’alternativa in grado di far diminuire considerevolmente il consumo di acqua minerale in bottigliette di plastica. Il fine è, dunque, nobile, l’intento meritorio e l’iniziativa lodevole, anche se non si capisce perché non venga utilizzata l’acqua del rubinetto così come viene fuori; infatti, a Firenze, l’acqua del sindaco non solo è potabile, come ovvio per legge, ma ha anche una buona qualità organolettica, grazie ai filtri a carbonio attivo installati ormai da qualche anno nell’impianto di potabilizzazione dell’Anconella.

Molti locali pubblici hanno aderito alla campagna di Publiacqua per fornire, su richiesta dei clienti, acqua in brocca del rubinetto e l’iniziativa, da quanto è dato sapere, è appoggiata anche dagli stessi circoli Arci. Tralaltro, sono in aumento anche i cittadini che consumano l’acqua corrente quotidianamente durante i pasti e che hanno dimostrato di aver superato i pregiudizi spesso ingiustificati verso le acque potabili.

Quindi sembrerebbe non esserci assolutamente la necessità di filtrare l’acqua nella provincia di Firenze, potendo tranquillamente rilanciare e riaffermare la migliore delle acque in circolazione; quella naturale. Rimanendo quindi soddisfatti a metà per questa iniziativa, soffermiamoci sui lati positivi della campagna “Pensioniamo le bottigliette di plastica nei circoli Arci", espressi da Giacomino Tavanti, presidente di ‘Assonaturizzatori’, e Francesca Chiavacci, presidente Arci: ”Tra case del popolo, associazioni culturali e circoli, un milione di bottiglie in meno significa, in numeri concreti e veri, 100.000 euro di costi di smaltimento risparmiati, oltre a 162 milioni di combustibile fossile in meno da bruciare, 100 milioni di gas serra in meno da respirare e 7 milioni di litri di acqua non sprecata”.

23 Luglio 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
L'Insostenibile Leggerezza dell'Avere

In un passato anche recente molti preannunciarono che il sistema economico e il modello di sviluppo del mondo...
Continua...
Bebè a Costo Zero

Questa guida al consumo critico si addentra nell'affollato mondo dei prodotti per l'infanzia, per scoprire...
Continua...
Il consumo critico

La strategia vincente per una spesa "giusta" e lo stile di vita del consumatore consapevole, selettivo,...
Continua...
Il Voto nel Portafoglio

C'è un voto che si esercita collettivamente, e fa vivere la democrazia. C'è un voto, però, che può...
Continua...
Manuale di Autoproduzione delle Sementi

Il manuale è il risultato di un lavoro di 15 anni finalizzato alla ricerca e al recupero di vecchie varietà...
Continua...
La Fatica e l'Ingegno

Le tecniche per la costruzione di buone ruote per i carri si tramandavano di padre in figlio ed erano...
Continua...
Ecologia al gabinetto

Dopo il fallimento dei depuratori per riconsiderare radicalmente il nostro atteggiamento verso lo smaltimento...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
The story of Stuff - La storia delle cose
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità