WWF

Stop alla pesca illegale!

Il WWF ottiene la sospensione del Decreto sulle ferrettare e blocca ogni possibilità di uso illecito di spadare. Non si pescherà più, quindi, con reti derivanti a più di dieci miglia dalla costa.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


Buone notizie per i nostri mari. E’ stata respinta una nuova richiesta dei pescatori italiani di utilizzare in maniera diversa da quanto previsto dalla legge le “ferrettare”, reti derivanti - ovvero non ancorate al fondo marino - lunghe fino a 2,5 km che, seppure utilizzate per pescare sgombri, sarde e simili, se non rigidamente controllate possono diventare causa di cattura accidentale e morte per delfini, cetacei e tartarughe marine.

Questa volta erano stati i pescatori di Ponza ad avanzare la richiesta di utilizzare le ferrettare fino a 18 miglia di distanza dalla costa, contro le 10 miglia previste dalla legge proprio per tutelare le specie protette che vivono al largo. Ma a seguito del ricorso del WWF Italia, il decreto del Ministero delle Politiche Agricole che lo scorso 8 maggio aveva concesso l'autorizzazione, è stato respinto dal giudice amministrativo del Lazio, che ha così garantito il ripristino della legalità nei nostri mari e impedito una strage di specie protette che ogni anno muoiono a migliaia a causa delle reti derivanti.

“Non è la prima volta che si prova ad evadere i limiti previsti dalla legge – dichiara Marco Costantini, responsabile Mare del WWF ItaliaGià nel 2006 un ricorso del WWF aveva bloccato un tentativo simile. Questa decisione del Tar è dunque la prova definitiva che il Ministero delle Politiche Agricole e forestali non deve cedere a pressioni irrazionali da parte dei pescatori, perché insostenibili dal punto di vista ambientale e contrarie a tutte le norme nazionali ed internazionali. Il limite di 10 miglia è assolutamente vincolante e ogni tentativo di scavalcarlo è destinato ad essere uno sforzo inutile. Tra l’altro, utilizzare le ferrettare a 18 miglia dalla costa di Ponza, equivale a utilizzarle a circa 40 miglia dalla costa italiana e cioè entrare nel raggio di pesca di pesci spada e tonni, per i quali la pesca con le reti derivanti è invece assolutamente vietata.

Sono numerose le imbarcazioni italiane – in Liguria, nel Lazio, in Calabria, e in Sicilia - che utilizzano la ferrettara, una rete autorizzata dalla legge ma con alcuni vincoli importanti per una pesca sostenibile: non deve essere lunga più di 2,5 km, può essere calata non oltre le 10 miglia dalla costa e non deve essere utilizzata per pescare pesce spada e tonni. Infatti le reti derivanti, di cui le più note sono le spadare, sono purtroppo attrezzi da pesca selettivi per taglia ma poco selettivi per specie che, se usati in mare aperto, rischiano di catturare anche specie a rischio come cetacei e tartarughe marine, motivo per cui sono ormai bandite da tutto il Mar Mediterraneo sia da leggi nazionali, che comunitarie che perfino da Risoluzioni della Commissione generale per la pesca nel mediterraneo (CGPM).

Contro la pesca illegale il WWF Italia ha attivato una petizione online per chiedere al Ministero delle politiche agricole e forestali un Regolamento che garantisca che tutti i prodotti di pesca importati nell'UE, freschi, congelati o trasformati, provengano da attività lecite e sostenibili.

13 Luglio 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
La 62ma edizione della Commissione baleniera internazionale (IWC) si è conclusa, lo scorso 25 giugno, senza un accordo concreto tra i Governi sulla caccia alle balene. Questa tendenza alla mancata tutela del nostro ambiente marino deve essere invertita, o tutti, non solo i paesi che vivono di pesca e caccia alle balene, saranno in difficoltà come gli oceani che si svuotano.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità