Vivere Ecologico

Piccola favola metropolitana. "Zio San Francesco" a Milano

Chi di noi non ha un aneddoto gustoso che veda protagonista qualcuno dei propri parenti? Nel bene e nel male, quasi tutti hanno un clan familiare variegato e spesso viene da sorridere pensando a qualche caratteristica particolarmente marcata di zii e zie, nonni, nipoti, cugini, ecc. Il chiacchierone, l’apprensiva, l’eccentrico, l’artista, il tuttofare e molti altri personaggi fanno parte della propria mitologia familiare e la tradizione orale trasmette rapidamente a tutta la cerchia di sangue comune gli episodi più esilaranti o avvincenti di ciascuno.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Laura Bonaventura


Mio zio Francesco è una calamita per gli animali. Con gli animali chiacchiera, gioca e passa il tempo come fossero persone, anzi amici di vecchia data, mentre loro ricambiano cercandolo e standogli vicino senza il minimo timore. Chissà se al momento di scegliere il suo nome i miei nonni non siano stati ispirati dal Santo al quale tutti vogliono bene - perfino quelli che non ci credono -, quello che di incontri e chiacchierate con gli animali, anche con i lupi più spaventosi, se ne intendeva. Comunque sia, fin da bambino zio Francesco giocava con cani enormi come fossero cuccioli e si dedicava agli animali della campagna prodigandosi in mille attenzioni. Crescendo, cani e gatti abbandonati, perduti, affamati, pesci rossi del Luna Park, pappagalli e ogni sorta di bestiola più o meno domestica ha trovato vitto e alloggio in casa di mio zio.

Oggi zio Francesco vive a Milano, è in pensione e la mattina va a passeggiare al parco. Qualche giorno fa, durante la solita camminata, la sua attenzione è stata richiamata da un cinguettio insistente, quasi lamentoso. Cercando da dove provenisse, si è accorto che un uccellino un po’ malandato era a terra, a fianco del sentiero. Mio zio l’ha raccolto, l’ha carezzato e l’ha portato a casa con sé. Così l’uccellino ha mangiato, bevuto, è stato coccolato un po’ e ha fatto amicizia con mio zio. Poi però, vedendo che era sano e non avrebbe dovuto avere problemi a cavarsela da solo, zio Francesco l’ha riportato al parco. L’ha salutato ed è tornato a casa.

Quel pomeriggio per mio zio era interminabile. Passavano i minuti, le ore, ma lui continuava a pensare a quel passerotto. “Che starà facendo? Ce la farà, con tutti i gatti in circolazione? Penserà che l’ho abbandonato?” si chiedeva. Zia Anna, abituata a certe crisi di coscienza e agli slanci di generosità del marito, cercava di tranquillizzarlo: “Stai tranquillo, Francesco, era sano come un pesce. Dovrà farsi le penne, come tutti. Era solo molto giovane”. Ma le sue parole non arrivavano a destinazione.

Era ormai il tramonto quando zio Francesco ha preso la giacca e si è avviato verso la porta. “Vado al parco” ha detto, salutando mia zia. Ormai era deciso. I cancelli erano ancora aperti e lui si è incamminato nella stessa direzione della mattina, percorrendo i sentieri fino al punto dove aveva lasciato il paserotto. “Cip cip cip” si è sentito chiamare. Si è voltato e l’uccellino era ancora lì. “Andiamo a casa”, gli ha detto zio Francesco, e quello gli è volato sulla spalla. Amici.

Insieme si sono avviati così, chiacchierando, per le grigie strade di Milano, mentre il sole calava dietro i palazzi, offuscato dallo smog delle auto.

Voi forse non ci crederete, ma vi assicuro che è andata proprio così.

15 Aprile 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Come farà il cittadino medio, stressato e oberato dagli impegni quotidiani, ad assumersi anche la responsabilità di salvare il pianeta dal riscaldamento globale? La rubrica “Vivere ecologico” ve lo dirà!
RUBRICA A CURA DI...

Alessandra Profilio

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Bebè a Costo Zero

Questa guida al consumo critico si addentra nell'affollato mondo dei prodotti per l'infanzia, per scoprire...
Continua...
Il consumo critico

La strategia vincente per una spesa "giusta" e lo stile di vita del consumatore consapevole, selettivo,...
Continua...
Manuale di Autoproduzione delle Sementi

Il manuale è il risultato di un lavoro di 15 anni finalizzato alla ricerca e al recupero di vecchie varietà...
Continua...
La Fatica e l'Ingegno

Le tecniche per la costruzione di buone ruote per i carri si tramandavano di padre in figlio ed erano...
Continua...
Ecologia al gabinetto

Dopo il fallimento dei depuratori per riconsiderare radicalmente il nostro atteggiamento verso lo smaltimento...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità