Quando il canile uccide

Sequestrato negli ultimi giorni il canile del Comune di Bernalda e avviato il processo su quello di Colle Arpea. Eppure quello dei canili lager non è un fenomeno isolato ma un business sconcertante che deve e può essere frenato.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Alessandra Profilio


foto tratta dal sito della LAV
Sequestrato, dopo anni di segnalazioni e denunce, il “canile dell’orrore” del Comune di Bernalda (Matera).

La notizia, riportata dalla LAV, e quell’espressione “dell’orrore” inevitabilmente mi hanno ricordato uno dei titoli giornalistici più ricorrenti nelle ultime settimane: “la clinica degli orrori”, riferito alla clinica S. Rita di Milano di cui 18 fra primari, ex primari e medici sono ora indagati per truffa, omicidio volontario e lesioni personali gravissime.

Senza voler cercare di stabilire quale dei due orrori sia il peggiore, né quanti cani valga la vita di un uomo, le due vicende sono accomunate da un avvilente dato di fatto: quelle strutture che dovrebbero salvare, curare e tutelare chi ospitano diventano luoghi di ulteriore sofferenza e, addirittura, di morte. Sotterfugi e crudeltà derivanti da una sconcertante sottovalutazione della vita, degli animali come degli uomini.

Ma medici e veterinari non dovrebbero salvarla, la vita?

Fino a qualche mese fa nel canile di Bernalda vivevano 220 cani, alla data del sequestro soltanto 134 (gravemente malati e denutriti). Che fine hanno fatto tutti gli altri? Morti. La costrizione in spazi troppo ristretti, la malnutrizione e le pessime condizioni igienico-sanitarie li hanno uccisi.

Su disposizione del Sostituto Procuratore di Matera, circa una settimana fa il NIRDA (Nucleo Investigativo per i Reati in Danno agli Animali) del Corpo forestale ha sequestrato l’angusta struttura. Adesso il veterinario che gestiva il canile ed altri quattro indagati dovranno rispondere dei reati di maltrattamento di animali, detenzione incompatibile con la loro natura, omissione di atti d’ufficio e peculato. Intanto l’Autorità Giudiziaria sta ancora verificando responsabilità omissive o dirette fra i vertici dell’amministrazione comunale e dell’Azienda USL.

Carla Campanaro dell’Ufficio Legale della LAV ha dichiarato “I casi di canili lager sono sempre più numerosi, come anche le segnalazioni di maltrattamenti di animali, è ormai indispensabile l’ampliamento delle risorse a disposizione del NIRDA”.

Negli stessi giorni in cui il canile di Bernalda è stato sequestrato, si è aperto il processo su quello di Colle Arpea (Rieti).


foto tratta dal sito della LAV

Il gestore della struttura, un suo ex collaboratore ed uno dei veterinari sono accusati di maltrattamento ed uccisione di animali. Nel 2005, anno a cui si riferiscono gli episodi, il Corpo Forestale ha infatti trovato sepolti all’interno dell’area del canile decine di cani.

“Siamo impegnati su molteplici fronti affinché le responsabilità penali che risultano cristallizzate dagli elementi dell’accusa siano affermate e soprattutto affinché si giunga, nel più breve tempo possibile, anche al sequestro del canile e dei cani presenti, per impedire il protrarsi dei maltrattamenti”, dichiara Andrea Cristofori responsabile LAV del settore canili.

Forse i cani della prigione di Bernalda e di quella di Colle Arpea riusciranno a guarire e si salveranno. Ma tutti gli altri? Quello dei canili lager non è un fenomeno circoscritto ma un disumano business generato dall’abbandono degli animali (che durante il mesi estivi registra numeri elevatissimi) e quindi dall’incremento del randagismo. Ogni anno vengono abbandonati circa 135 mila animali: pochissimi riescono a trovare una nuova casa, moltissimi muoiono poco dopo l’abbandono (investiti sulle autostrade, per fame e sete o per avvelenamento), la maggior parte va incontro ad una morte più lenta e dolorosa tra le sofferenze dei “canili dell’orrore”.


foto tratta dal sito della LAV

Sulla base delle sovvenzioni pubbliche per il mantenimento dei cani in canili e rifugi, la LAV ha stimato che intorno a queste strutture si è sviluppato un giro d’affari di due milioni di euro all’anno ogni 1000 cani accalappiati. Questo denaro, tuttavia, non viene sempre investito in adeguate cure per gli animali: lo testimonia il fatto che nel 2007 i controlli operati dai Carabinieri del Nucleo Tutela Ambiente su 283 canili nazionali hanno rivelato una percentuale di illegalità del 13%.

Canili sovraffollati, strutture fatiscenti, carenze igienico-sanitarie, scarsità di cibo e acqua, elevata mortalità dei cani, basso numero di adozioni, maltrattamenti, decessi non denunciati, reati contro l’ambiente e la pubblica amministrazione: questi gli illeciti più frequenti emersi dai sopralluoghi effettuati dalle Forze dell’Ordine e dalla LAV.

Eppure questo “sporco affare” potrebbe essere frenato limitando il fenomeno del randagismo attraverso la promozione di campagne di adozioni ed il ricorso alla sterilizzazione che, a differenza di alcuni pregiudizi, non danneggia l’animale ma anzi gli garantisce un’ottima salute psico-fisica ed un notevole aumento dell’aspettativa di vita.

19 Giugno 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
26/6/09 11:50, Bruno MANZINI ha scritto:
Quanto avviene in alcuni canili in Italia, non è altro che la conseguenza della solo parziale applicazione della legge 281. Se la legge 281 fosse stata seguita in modo consono, probabilmente la situazione del randagismo in Italia adesso sarebbe molto migliore. I canili dovevano essere una momento di transizione per il raggiungimento di uno stato in cui il fenomeno del randagismo sarebbe stato quasi inesistente, avendo tutti i proprietari adempiuto agli obblighi dell'anagrafe canina. Invece, con un tipico modo di fare tutto italiano, si è trovato il modo di approfittare della situazione: persone senza scrupoli hanno preso in gestione dei canili al solo scopo di lucrare con i contributi messi a disposizione dei comuni. Altri canili, seppure gestiti da persone di buona volontà e munite di coscienza zoofila, si sono ritrovati presto saturi, e spesso, pur di non lasciare dei cani incustoditi in strada, hanno raggiunto livelli di saturazione completamente al di fuori della legge. Situazioni queste che sono diventate estremamente difficili da gestire, anche se inizialmente erano partite con tutta la buona volontà da parte dei gestori. In conseguenza di questo, si sono spesso viste delle faide tra diverse associazioni, con il risultato drammatico di non riuscire più a capire da quale parte sta la ragione.
Dal punto di vista dei proprietari la situazione non è per niente cambiata; è questo un punto chiave su cui occorre riflettere bene. La popolazione dei proprietari di animali, e nella fattispecie, di proprietari di cani, risulta composta da un insieme molto eterogeneo di persone. Altrettanto si può dire per le motivazioni che spingono una persona a diventare proprietario di un animale. Avremo così una parte dei proprietari che sono diventati proprietari perché amano sinceramente gli animali e quindi cercano di fare tutto quello che possono per garantire a questi animali una vita decente; sono questi proprietari che, nel momento in cui è stato fatto obbligo di iscrivere i cani all'anagrafe canina e di far tatuare o inserire il microchip al proprio animale, si sono mossi con notevole solerzia per adempiere a questo compito. A questa prima parte di proprietari fanno seguito coloro i quali dell'anagrafe canina non sanno ancora niente, perché non è stata fatta una sufficiente campagna di informazione capillare. Seguono poi coloro i quali, pur sapendo dell’anagrafe canina, omettono per vari motivi di iscrivere i loro cani, e sicuramente alcuni di questi lo fanno perché sanno che potranno trovarsi nella situazione di sbarazzarsi del loro animale.
Quindi, a mio avviso, il primo passo da fare verso la soluzione del problema del randagismo è quello di "costringere" queste ultime due categorie di proprietari ad iscrivere i loro cani all'anagrafe canina. Sebbene l'idea di attuare la sterilizzazione possa sembrare risolutiva, bisogna tenere presente che anche qui i primi a soggiacere alla sterilizzazione saranno quei proprietari che in realtà della sterilizzazione ne hanno meno bisogno, in quanto sono quelli che più difficilmente perdono il proprio cane, sono quelli che nel momento in cui il cane ha dei cuccioli, fanno di tutto per prodigarsi nel trovare dei nuovi padroni che siano idonei, e quindi nel concreto questa categoria di proprietari non andrà mai a fare incrementare il numero di randagi presenti nel territorio, anche quando il loro cane dovesse avere, incidentalmente, una cucciolata. Inoltre, questa categoria di proprietari è proprio quella che fa più attenzione alle femmine durante il periodo del calore e che quando queste femmine sono feconde cerca in tutti i modi di evitare gli accoppiamenti indesiderati. Questa categoria di proprietari è quella che risponderà prontamente all'appello nel momento in cui si dovesse rendere obbligatoria la sterilizzazione, ma nello stesso tempo sarà la categoria la cui obbedienza pronta andrà ad influire di meno sulla presenza dei randagi nel territorio.
Quelle che devono preoccupare sono le altre due categorie di proprietari, cioè quelli che non sono informati e quelli che, per vari motivi, non fanno entrare i loro animali nel sistema dell'anagrafe canina.
Per quanto riguarda la categoria dei "disinformati", sarà sufficiente fare una buona campagna di informazione attraverso la radio, la televisione, i siti internet dei comuni.
L'ultima categoria, la più ostica, andrà colpita in 2 modi:
• In modo trasversale, chiedendo quindi la collaborazione dei veterinari, dei commercianti, degli enti che rilasciano pedigree, in sostanza di tutti coloro che vengono, per ragioni professionali, in contatto con gli animali di proprietà. Se otterremo la collaborazione di queste categorie professionali, nel segnalare ai comuni tutti i nuovi proprietari, facendo così entrare nel sistema dell'anagrafe canina anche chi non volesse farlo, avremmo posto le basi per la risoluzione del problema del randagismo.
• Con la campagna di informazione. Si tratta ovviamente di una faccenda di coscienza; in questo caso coscienza cinofila. Non abbiamo bisogno di infonderla a chi già la possiede, ma in chi invece dimostra di non possederla. Questi ultimi sono più sensibili all'obbligo, alla minaccia, quindi per andare colpire coloro i quali, volontariamente si sottraggono all'anagrafe canina, bisognerà rendere evidente che le sanzioni esistenti nella omessa iscrizione e quanto segue, verranno applicate inesorabilmente. In altre parole, per quanto riguarda questi proprietari, l'unico sistema di far funzionare l'anagrafe canina è quello di far funzionare il sistema sanzionatorio e ottenere la collaborazione nella segnalazione dei proprietari alle categorie professionali di cui sopra.
Forse quanto ho scritto può sembrare eccessivo, soprattutto per quanto riguarda la collaborazione di veterinari, commercianti, e degli enti che rilasciano pedigree, ma la situazione è talmente grave che servono subito rimedi urgenti e la collaborazione da parte di tutti. Inoltre, tutto quanto suddetto si può realizzare in breve tempo, con oneri molto bassi. La costruzione di nuovi canili ed accalappiamento dei randagi presenti nel territorio non risolverà la situazione. Come ampiamente dimostrato nelle maggiori città americane, neanche l'uccisione dei cani randagi porterà ad un significativo beneficio dell'andare del tempo, basta consultare le documentazioni delle società protezioniste americane per vedere che, dove si pratica l'eutanasia in massa dei cani randagi, senza nessun'altra misura atta a diminuire randagismo, non si hanno risultati apprezzabili. L'unico sistema è intervenire sui proprietari, facendo funzionare in maniera idonea le sanzioni.
28/5/09 09:41, Angelo Troi- Segretario -Sivelp ha scritto:


Il sindacato dei veterinari liberi professionisti (SIVELP) denuncia da tempo l'esistenza dei canili-lager, ma il fenomeno deve essere risolto con assoluta decisione, responsabilizzando i proprietari e non trasformando il randagismo in un affare. Per questo il sindacato chiede contributi per la sterilizzazione sotto il controllo della veterinaria pubblica. Questo significa dividere nettamente chi controlla la gestione dei fondi (veterinaria pubblica), da chi li utilizza (liberi professionisti), perchè abbiamo il legittimo sospetto che la creazioni di strutture "stabili" attorno al problema randagismo, preluda alla cronicizzazione del business; non importa se da parte di associazioni criminali, di associazioni per la "tutela" degli animali o di chi altro. Ne è un esempio la discutibile creazione dell'Ospedale Veterinario di Napoli di cui riporto l'articolo-denuncia pubblicato a suo tempo sul sito del sindacato: www.sivelp.it:

Ospedale o Randagismo?
L'operazione "Ospedale per randagi di Napoli" ha immediatamente suscitato l'interesse del Sindacato dei Liberi Professionisti che, con un comunicato stampa del 19 marzo - il giorno stesso dell'inaugurazione della struttura - ravvisava una gestione per lo meno sui generis del danaro pubblico. La creazione di una struttura ospedaliera veterinaria, complessa ed articolata, che andasse a sovvenire alle necessità dei randagi, lasciava emergere più di una perplessità (www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/varie/53525.html). Perplessità per la grandissima disponibilità in loco di liberi professionisti con strutture non a carico della collettività e senza vincoli di assunzione; perché la creazione di una servizio con TAC e risonanza magnetica lascia intravvedere un investimento il cui orizzonte temporale non può essere di breve termine, ma implica un ragionamento di lungo periodo,inadeguato (lo auspichiamo), al randagismo; per l'impiego di ben 40 medici destinati ad un nobilissimo scopo...ma che dovrebbe durare poco, specie dopo un così massiccio utilizzo di risorse.

Nel frattempo molte altre voci hanno sollevato proposte e osservazioni. Noi rimaniamo dell'idea che si debba promuovere una adeguata campagna di iscrizione all'anagrafe e di sterilizzazione, ricorrendo pro-tempore ai liberi professionisti perchè non costituiscono una spesa strutturata per la Pubblica Amministrazione. Gli stessi liberi professionisti che a costi infinitamente minori, potranno prestare le cure del caso a quei randagi che una seria campagna di prevenzione potrebbe ridurre sensibilmente di numero, in un ragionevole lasso di tempo.
SIVeLP
Noi proponiamo trasparenza e controlli,non assunzioni e posti pubblici, ma il randagismo è prima di tutto un fenomeno di inciviltà. Riteniamo che la creazione di flussi di fondi, consolidati nel tempo, sia il miglior modo per evitare di risolvere lo squallido fenomeno.
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Tao della Biologia

«È l’uomo che deriva dalla scimmia o la scimmia che deriva dall’uomo?» Il...
Continua...
La Biologia delle Credenze - Nuova Edizione 2007

Vincitore del Premio Best Science Book, Best Books 2006, Awards Bruce Lipton dimostra che ciò in cui...
Continua...
Diventa Vegan in 10 Mosse

Vegan è chi sceglie di escludere completamente dalla propria alimentazione, dall'abbigliamento e dalla cura...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?Come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
Senza Latte e Senza Uova

Uova, latte e derivati: un gruppo di alimenti che compaiono, a volte in abbondanza e troppo spesso, in...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Tiziano Terzani: hai mai sentito gli urli di un macello?
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità