Riprendiamoci l’acqua

Riprendiamoci l’acqua. Come? Una risposta arriva da Venezia dove il comune distribuirà un kit antiminerale per ridare alla collettività un bene vitale che non può essere negoziato. Un’importante iniziativa che sembra non restare isolata.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Giancarlo Simone Destrero


Quanto è stato organizzato a Venezia per domani 5 Giugno, potrebbe essere un primo importantissimo passo verso quel cambio radicale di generalizzate abitudini consumistiche, necessario per la sostenibilità del nostro moderno sistema di vita.

Sicuramente è una notizia che fa ben sperare, perché vede finalmente il coinvolgimento delle istituzioni. In occasione della Giornata Mondiale per l’Ambiente, infatti, il comune di Venezia lancia l’iniziativa “100 x 100 pubblica”. A Campo Santa Margherita, durante una performance artistico-ambientale, turisti e cittadini, saranno sensibilizzati sull’utilizzo dell’acqua pubblica. Da appositi gazebo verrà consegnata a tutti i passanti la mappa con contrassegnata la dislocazione delle 122 fontanelle cittadine ed una bottiglietta di plastica vuota, che nell’etichetta riporterà le analisi chimiche dell’acqua di rubinetto.

Sul contenitore si potrà poi leggere l’invito: “Non buttarmi, riutilizzami”, uno slogan che accompagnerà la distribuzione del kit e che si propone di contribuire al cambio di mentalità del consumatore medio nei confronti delle bottigliette di plastica –da contenitori usa e getta a delle borracce riutilizzabili.

Il progetto, dunque, prova ad utilizzare una strategia pubblicitaria – come fanno le aziende produttrici di acqua imbottigliata- per sponsorizzare però l’acqua pubblica come bene comune. Se l’iniziativa è lodevole anche e soltanto di per sé, la cosa ancor più positiva è che sembrerebbe non rimanere isolata.

Infatti, alcuni esponenti politici, l’hanno già voluta prendere ad esempio come locomotiva nella lotta contro gli sprechi d’acqua. “Anche in Umbria è possibile mettere in atto misure concrete per valorizzare l'utilizzo pubblico dell'acqua e per contribuire alla riduzione nella produzione di rifiuti”. Così il capogruppo dei Verdi e Civici, Oliviero Dottorini, commenta la campagna “100 x 100 pubblica”.

“E’ un’iniziativa lodevole – osserva Dottorini - un provvedimento semplice, a basso costo, ma in grado di avere un impatto significativo nell'evitare lo spreco di una risorsa preziosa come l'acqua e nel diminuire la quantità di rifiuti causata da un eccessivo consumo di acqua minerale in bottiglie di plastica”.

Per l’esponente del Sole che Ride “è assolutamente necessario che, anche in Umbria, siano attivate iniziative del genere, per dare una risposta seria al problema della gestione della risorsa idrica e per iniziare un serio programma di riduzione dei rifiuti che, nel caso delle bottiglie di plastica, hanno una forte incidenza ambientale ed economica sulla collettività. Gli italiani sono i principali consumatori al mondo di acqua in bottiglia e recuperare e smaltire le bottigliette ha un costo elevato”.

Speriamo che, come sta succedendo nella regione Umbria, l’iniziativa raccolga sempre maggiori consensi e le giunte comunali abbiano il coraggio di prendere una posizione precisa in proposito. Oltre al consumo di circa 665 mila tonnellate di petrolio –con relativa emissione di gas serra di circa 910 mila tonnellate di CO2- necessarie per imbottigliare e trasportare i circa 12 miliardi di litri di acque minerali consumati in un anno nel nostro paese, ed il relativo scempio per lo smaltimento di questa plastica, c’è da considerare il risparmio economico.

Basti pensare che da una semplice rilevazione del pagamento delle utenze domestiche eseguito dall’”Associazione italiana direttori commerciali e marketing” emerge che l’acqua del rubinetto costa 0,09 centesimi al litro contro i 26 di un prodotto industriale. Perché continuare a farsi del male in tanti a beneficio di quei pochi che speculano sul più importante dei beni comuni?

3 Giugno 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità