Legambiente

Legambiente: Il taglio dell’ICI finanziato coi soldi destinati alle infrastrutture di Sicilia e Calabria

Secondo Legambiente, i soldi destinati alle infrastrutture per la mobilità nelle due Regioni meridionali sono stati incamerati dal Governo per coprire la soppressione dell’imposta comunale sulla prima casa.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google


Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti
Saranno siciliani e calabresi a coprire le spese relative al taglio dell’Ici. Saltano così opere che la Sicilia e la Calabria aspettano da tempo (metropolitane leggere, tangenziali, completamento e adeguamento di alcune statali) e, in questo contesto, appare ancor più paradossale la foga con cui l’esecutivo continua a sbandierare l’ipotesi Ponte sullo Stretto di Messina. Commenta così Legambiente la decisione del ministero dell’Economia di dirottare ai Comuni, in cambio della soppressione dell’Ici, i 1.300 milioni di euro destinati a interventi urgenti per la mobilità in Calabria e Sicilia.

Quel miliardo e tre – ricorda Legambiente – è il “tesoretto” accantonato da Fintecna per la realizzazione del Ponte sullo Stretto. Il precedente Governo aveva stabilito che quei soldi, una volta messa da parte l’ipotesi Ponte, sarebbero serviti a realizzare o completare una serie di opere (alcune di dubbia utilità) da anni in lista di attesa. Ora, con un nuovo giro di valzer, il denaro prende una nuova destinazione e va a coprire i mancati introiti comunali dell’Ici. In buona sostanza – aggiunge Legambiente – il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, ha messo la prima pietra sopra il Ponte sullo Stretto: già non c’erano i 5 miliardi per realizzarlo, ora non ci sono nemmeno 1.300 milioni per costruire opere che sia la Calabria che la Sicilia considerano prioritarie rispetto al Ponte stesso.

27 Maggio 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
A partire da quest'estate, molte località italiane diventano balneabili "per decreto". In altre parole interi tratti di costa vengono dichiarati balneabili, non perché meno inquinati, ma solo perché è cambiata la legge. Legambiente denuncia la questione come un passo indietro in tema di depurazione, che lascia un deficit imbarazzante ad uno dei Paesi più industrializzati al mondo.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità