Vivere Ecologico

Le olimpiadi di Pechino e l’ambiente. Un’occasione per riflettere

Le olimpiadi si avvicinano e gli atleti pensano a come affrontare il rischio inquinamento. Il governo cinese elenca tutti i provvedimenti anti-smog e i buoni propositi per il futuro. Intanto però, per scongiurare l’eventualità della pioggia, ha predisposto una vera e propria guerra chimica contro le nuvole...

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Laura Bonaventura


Pechino ricoperta di smog
Mai un’olimpiade è stata al centro di polemiche legate all’ambiente come quella che prenderà il via a Pechino il prossimo 8 agosto.

La Cina infatti, secondo uno studio dell’Università della California, ha appena superato gli Stati Uniti piazzandosi al primo posto nella classifica dei paesi inquinatori e a Pechino il livello di inquinamento dell’aria è cinque volte superiore al massimo definito tollerabile dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Questi dati hanno creato il panico in buona parte degli atleti, dal momento che respirare aria inquinata per lungo tempo e in situazioni di affanno può provocare gravi problemi cardiovascolari, senza contare che le polveri sottili possono depositarsi nei polmoni o venire assorbite dal sangue e che l’allenamento in simili condizioni ambientali può causare l’insorgenza dell’asma anche in chi non ne sia affetto.


Haile Gebrselassie
Molti atleti hanno deciso di arrivare nella capitale cinese solo all’ultimo momento, per ridurre al minimo l’esposizione ai veleni aerei; la maratoneta Paula Radcliffe, vincitrice nel 2005 sia della maratona di Londra (2h17'42") che dei campionati del mondo di Helsinki (ha stabilito il record dei mondiali nella maratona con 2h20'57") e ora desiderosa di raggiungere l’oro olimpico, ha chiesto alla Brunel University di studiare una maschera capace di filtrare l’aria e depurarla per l’85% durante la gara.

Ancora più drastico è stato Haile Gebrselassie, recordman mondiale per la maratona (2h04'26" a Berlino nel 2007), vincitore di due ori olimpici (Atlanta 1996 e Sidney 2000) e di quattro ori mondiali (Stoccarda 1993, Goteborg 1995, Atene 1997, Siviglia 1999): ha dichiarato che correre 42 chilometri nell’inquinamento di Pechino potrebbe compromettere la sua salute e la sua carriera, e che quindi gareggerà solo sui 10.000 metri. L’atleta etiope, che ha 35 anni e soffre d’asma, preferisce puntare sui giochi olimpici di Londra del 2012, dove conta di battere il suo stesso record restando sotto il tetto di 2h e 3'.

Il rifiuto di “Gebre” è stato una pessima pubblicità per gli organizzatori cinesi, i quali stanno lavorando da anni per dimostrare al mondo intero di saper dare vita all’” olimpiade perfetta”, dimostrazione del potere e della prosperità nazionale. Proprio a seguito dello smacco ricevuto, il portavoce del ministero degli esteri ha dichiarato che il governo cinese sta lavorando da dieci anni per ridurre l’inquinamento dell’aria e che Pechino ha adottato “200 misure” efficaci a tale scopo. Ha inoltre affermato che nel 2007 la Capitale ha avuto 246 giorni di cielo azzurro – definizione che indica un basso livello di inquinamento -, segnando un netto miglioramento rispetto al 2006. Questo dato è stato però contestato dal Wall Street Journal, che ha citato esperti secondo i quali il miglioramento è stato ottenuto semplicemente spostando due rilevatori ambientali dalle zone industriali ad aree più verdi.


Quali sono gli altri provvedimenti adottati per ridurre lo smog al momento delle olimpiadi? Eccone alcuni: nel periodo dei giochi decine di fabbriche molto inquinanti e due impianti di raffinazione del petrolio della zona saranno chiuse; i cantieri – pare siano circa ottomila – saranno bloccati due mesi prima dell’inizio dei giochi per ridurre la quantità di sabbia presente nell’aria; sarà fermata la produzione del cemento e chiusa una parte dei distributori di carburante; si adotterà la circolazione a targhe alterne. Ma non dimentichiamo che a Pechino circolano oggi circa tre milioni di automobili, che aumentano al ritmo di 1200 a settimana, e che la maggior parte delle polveri proviene dalle fabbriche delle province confinanti...

C’è qualcosa di più significativo di questi rimedi temporanei? Forse possiamo riporre maggiori speranze nell’annuncio del governo cinese di voler creare un ministero dell’ambiente. Tuttavia i timori restano. Pensiamo che, per risolvere il problema delle piogge durante le olimpiadi, la Cina ha predisposto una vera e propria guerra chimica.


Haile Gebrselassie
Dato che i giochi si terranno durante la locale stagione delle piogge, il rischio di precipitazioni sarà ogni giorno del 50%: saranno dunque schierati intorno alla Capitale venti cannoni antiaerei, pronti a sparare contro le nuvole ioduro d’argento e ghiaccio secco, cioè l’anidride carbonica, il gas dell’effetto serra. Se la pioggia riuscirà a superare queste barriere, un aereo andrà a spruzzare nelle nuvole azoto liquido, che dovrebbe aumentare il numero delle goccioline d’acqua all’interno delle nuvole e al tempo stesso diminuirne le dimensioni, evitando che precipitino sulla terra. Il capo dell’”Ufficio Modificazione del Tempo” ha dichiarato che fino ad oggi “i risultati con pioggia leggera sono stati soddisfacenti”. Fantastico, ma non ci ha spiegato che fine faranno tutte le sostanze chimiche sparate contro le nubi...

D’altra parte bisogna capirli, dal 2001 hanno investito 40 miliardi di dollari in opere connesse alle olimpiadi e il bellissimo stadio olimpico da 91.000 posti, chiamato “Nido d’uccello”, è completamente scoperto!

Tutta la vicenda delle “olimpiadi inquinate” ci fa comunque riflettere: una manciata di atleti deve recarsi in Cina per breve tempo ed ecco un’infinità di iniziative per evitare che i loro preziosi polmoni vengano danneggiati dalle polveri presenti nell’aria. Ma i polmoni del miliardo e trecentoventi milioni di cinesi che in Cina abitano stabilmente non sono altrettanto preziosi? Perchè loro possono inalare anidride carbonica ogni giorno della vita senza che si alzi un dito per salvaguardare la loro salute?

Così, inevitabilmente, penso al mio appartamento al primo piano su un’incrocio trafficatissimo; penso agli ultimi cento metri che faccio trattenendo il respiro perchè lì, con fiumi di auto in coda ai quattro semafori, sembra non esserci più ossigeno; penso all’aria che dalle finestre filtra nel mio appartamento e al mio bambino la respira; penso che la sera, al ritorno dal lavoro, mi piacerebbe fare una passeggiata nel quartiere, ma lo smog e il rumore lo rendono impossibile. Penso che anche questo non è giusto, che non si dovrebbe vivere in città come camere a gas, e mi chiedo ancora una volta perchè nessuno alzi un dito per cambiare tutto questo.

25 Maggio 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Come farà il cittadino medio, stressato e oberato dagli impegni quotidiani, ad assumersi anche la responsabilità di salvare il pianeta dal riscaldamento globale? La rubrica “Vivere ecologico” ve lo dirà!
RUBRICA A CURA DI...

Alessandra Profilio

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Bebè a Costo Zero

Questa guida al consumo critico si addentra nell'affollato mondo dei prodotti per l'infanzia, per scoprire...
Continua...
Il consumo critico

La strategia vincente per una spesa "giusta" e lo stile di vita del consumatore consapevole, selettivo,...
Continua...
Manuale di Autoproduzione delle Sementi

Il manuale è il risultato di un lavoro di 15 anni finalizzato alla ricerca e al recupero di vecchie varietà...
Continua...
La Fatica e l'Ingegno

Le tecniche per la costruzione di buone ruote per i carri si tramandavano di padre in figlio ed erano...
Continua...
Ecologia al gabinetto

Dopo il fallimento dei depuratori per riconsiderare radicalmente il nostro atteggiamento verso lo smaltimento...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità