Guarigione come Crescita

Estinzioni di massa o evoluzione?

Quando ci preoccupiamo di proteggere l’ambiente o gli animali compiamo un grande atto di arroganza e di cecità. La realtà è che noi siamo parte della natura e che la nostra preoccupazione dovrebbe essere rivolta in primis verso i danni che stiamo facendo a noi stessi all’ecosistema che ci è fondamentale per vivere.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Giancarlo Tarozzi


Aprile 2008 è stato proclamato il mese della Terra, e lo scorso 22 aprile, in particolare, è stato scelto per celebrare il pianeta.

Celebrare il pianeta, Madre Terra, è una cosa che le popolazioni matriarcali fanno da millenni. Ma quale significato assume a livello globale, per molte persone, questo tipo di celebrazione?

Spesso, troppo spesso, queste occasioni per molti sono solo un pretesto per mettere a posto la coscienza, per sentirsi più "buoni" un giorno ogni tanto, per poi continuare allegramente a dilapidare e sprecare risorse.

Voglio approfittare dell'occasione per proporre un tema che ho già accennato in passato, ma che a parer mio diventa sempre più pressante: la situazione che in questo momento l'umanità sta vivendo, con il surriscaldamento globale, e con le varie forme di inquinamento, in realtà, non è un problema del pianeta o delle forme di vita che lo abitano nella sua totalità! È un qualcosa che riguarda tutto sommato solo gli esseri umani ed alcune specie che vivono in simbiosi con essi.

Questo non vuol dire, naturalmente, che non sia essenziale un drastico mutamento di rotta a livello sia individuale che collettivo per evitare che, presto, questo pianeta risulti inabitabile per la razza umana.

Anzi, semmai è esattamente il contrario: rendersi conto che la vita su questo pianeta preesiste agli esseri umani, comprende gli esseri umani, e sopravviverà comunque agli esseri umani stessi sposta l'attenzione da una forma di "buonismo", quasi ci si sentisse evoluti per il fatto di prendersi cura del pianeta, ad un qualcosa che è legato alla sopravvivenza di quella fetta di esseri viventi che costituisce appunto la razza umana.

Più volte ho avuto occasione di citare quel maestro sciamano che molto tempo fa mi disse:"Voi bianchi vi chiedete troppo spesso cosa potete fare per il pianeta, invece di chiedere che cosa conviene fare prima che la vita del pianeta decida che liberarsi della razza umana sia un bene per molte altre forme viventi...”

Molto spesso, i movimenti ecologisti si propongono come forme evolute, aperte nel considerare gli altri esseri che abitano insieme a noi questo pianeta. Ma... il vecchio retaggio delle culture patriarcali che stacca l'uomo dall'ambiente, considerando le altre forme viventi come un qualcosa di cui può disporre a proprio piacimento è duro a morire...

Per esempio, ogni volta che sento definire "innaturale" l'utilizzo delle risorse del pianeta, lo stesso inquinamento, il transgenico e così via, mi viene da riflettere proprio su questo termine, innaturale...

Non esiste nulla di innaturale per il semplice fatto che l'essere umano è (ovviamente, anche se troppo spesso la cosa viene dimenticata) parte della natura. Parlare di disarmonia, parlare di dilapidazione, parlare di "segare il tronco su cui siamo seduti" illustra molto meglio la situazione.

E non si tratta di una questione semantica, ma di un profondo rispetto per quella pellicola organica costituita da infinite specie vegetali, animali, e cristalline, per quella serie di fratelli e sorelle che si manifestano sotto le forme più diverse.

Significa, quindi, rendersi conto che la Terra ha già vissuto e attraverserà indubbiamente ancora estinzioni di massa, come un fatto perfettamente "naturale"; è ovvio che per i grandi rettili non era piacevole rimanere estinti, né lo é stato per altre forme viventi che non abitano più il pianeta, ma quando definiamo innaturale il proliferare dei topi o degli scarafaggi rispetto al rischio di estinzione dei panda o delle balene siamo sicuri di non scegliere tutto sommato quelle forme vitali che ci sembrano più vicine, che ci piacciono di più esteticamente o psicologicamente?

Quando si legge che gli antibiotici hanno dato di vita al proliferare di nuove forme di microbi, ebbene, per questi microbi l'essere umano ha avuto una funzione di demiurgo, e creatore.

L'equilibrio dinamico di un processo evolutivo in continua trasformazione ricorda continuamente che qualunque attaccamento ad uno status quo è sinonimo di morte. Nel diciannovesimo secolo, con il trionfo della cultura delle macchine, l'uomo si é illuso di poter rimodellare il pianeta a suo piacimento, ma per fortuna non é così...

Allora, propongo un punto di vista diverso, e cioè: vogliamo tutti quanti, a partire da chi sta dettando queste parole, per arrivare a chi le sta leggendo, e così via, iniziare nel proprio privato, e poi allargare la cosa intorno a sé, ad agire per far sì che il pianeta rimanga in una condizione più piacevole ed armoniosa per noi in quanto esseri umani, senza pretendere arrogantemente di essere padroni ed artefici dell'evoluzione del pianeta stesso?

E se questo concetto in qualche modo è chiaro, potete provare a iniziare a riferirlo anche alla vostra crescita individuale: crescere, vivere felici ed in armonia, è una cosa che riguarda e conviene profondamente ad ognuno: il processo evolutivo procede lo stesso. Non si tratta di "essere buoni" nel lavorare per abbattere il proprio egocentrismo, i propri attaccamenti, la propria paura. Si tratta di una conseguenza inevitabile, se non si vuole essere lasciati dietro dall'onda lunga dell'evoluzione.

Negli “appunti malesi” (una serie di articoli pubblicati sulle pagine di Terranauta negli scorsi mesi) ho avuto occasione di riferirmi al processo instancabile delle maree, costituito da continui avanzamenti e continui ritorni: cavalcare l'onda di un processo evolutivo, sia come individui che come razza, è la sfida reale che si pone davanti a chi vuole non rimanere indietro e condannarsi ad una sterile sopravvivenza.

Per informazioni sui seminari tenuti da Giancarlo Tarozzi e sulle altre attività dell'Associazione Pachamama consultare il sito www.sciamanesimo.eu, scrivere a segreteria@sciamanesimo.eu o telefonare al 069032785 o al 3387255800.

27 Ottobre 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
In questa rubrica troverete esperienze di crescita, riflessioni scaturite dal contatto con Luoghi di Potere e personaggi che propongono e trasmettono tecniche antichissime, ma la bussola che ci guiderà sarà sempre il recupero dell'equilibrio interiore e dell'armonia con l'ambiente di cui facciamo parte.
RUBRICA A CURA DI...
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Reiki - Dal primo al terzo Millennio + CD

Dopo circa quindici anni di pratica ed insegnamento di reiki, l'autore fa il punto della situazione su questa...
Continua...
Caccia all'Anima

Una tecnica diffusa nelle tradizioni più antiche che aiuta il ricercatore a riportare a galla frammenti di...
Continua...
La Malattia non Esiste - Una sfida quantistica per la guarigione

Dopo anni di ricerche e pratica clinica l'autrice ha elaborato un metodo terapeutico che integra l'approccio...
Continua...
Il Calice e la Spada

«è realisticamente possibile il passaggio da un sistema di guerre incessanti, di ingiustizia sociale e di...
Continua...
Il libro nero del cristianesimo

Papa woytila ha compiuto un gesto storico: chiedere perdono per i crimini compiuti dalla chiesa cattolica...
Continua...
Ma che... Bip... Sappiamo Veramente? What the Bleep do We Know?

Centinaia di anni fa, la scienza e la religione si sono separate, diventando antagoniste nel grande gioco...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità