Eco in Arte, quando l'ecologia incontra l'arte

Cosa succede se l'arte e la creatività incontrano la natura? Ce lo racconta Claudia Bousquet, ideatrice del progetto "Eco In Arte. I 4 elementi+1: l’Albero", ed esperta di "ecologia del corpo e della parola". Attraverso iniziative sempre diverse Claudia invita donne e bambini a creare opere individuali e collettive, prediligendo come luogo di ispirazione il bosco. L'abbiamo intervistata.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Salvina Elisa Cutuli

albero sacro vita klimt
Il simbolo comune è l’albero, che non è altro se non l’antichissimo albero sacro della vita
Tra le numerose mail che, quotidianamente, inondano la redazione del giornale, me ne ritrovo sotto gli occhi alcune che fanno riferimento ad un evento artistico e culturale dal nome Eco In Arte: I 4 elementi+1: l’Albero!. Incuriosita, approfondisco subito l'argomento. Prendo contatto con Claudia Bousquet, ideatrice di questa manifestazione che, oltre ad essere insegnante di lingua e letteratura spagnola, si occupa di “ecologia del corpo e della parola”, nonché di sensibilizzazione ambientale, intesa come salvaguardia degli alberi, della “terra” e dell’essere umano. Gioca e fa giocare i bambini con musica, fiabe e colori, propone attività di riciclaggio creativo di materiali naturali e di scarto, invita donne e bambini a creare poesie e fiabe individuali e collettive, prediligendo come luogo di ispirazione e creazione il bosco. L'abbiamo incontrata per farci spiegare meglio di cosa si tratta.

Claudia Bousquet, come nasce questo progetto in cui l'arte si incontra con la natura e l'ambiente in genere?

Rispondo a nome di tutte le altre donne/artiste che collaborano con me, ma che non sono qui vicino a me...

Questo progetto nasce, dopo anni di gestazione, dal mio profondo amore e rispetto per la natura e soprattutto per gli alberi e dal desiderio di dar vita a reti lavorative e a collaborazioni di vario tipo. Gli scopi sono molteplici e mirano inazitutto al benessere dell’individuo e della terra, ponendo particolare attenzione ai diritti dei bambini e (anche) degli adulti, vivere in un ambiente più sano e più rispettato risacralizzando gli elementi naturali (aria, acqua, fuoco e terra) e l’albero. Offrire a donne sconosciute la possibilità di portare a compimento i propri piccoli sogni, nutrendo il tessuto sociale con la propria saggezza e conoscenza e con il proprio modo di creare bellezza, attraverso l’arte, la cultura, la poesia, la cucina, la coltivazione della terra, e attraverso quelle piccole cose che caratterizzano la vita di semplici donne che, giornalmente, fanno la differenza.

Il simbolo comune è l’albero che altro non è se non l’antichissimo albero sacro della vita, citato da parecchi antropologi, studiosi ed esperti del sacro, interessati alle credenze religiose presenti nei diversi “angoli” del mondo. In tal senso, fonte di ispirazione sono stati i testi di autori come Mario Bolognese, Mircea Eliade, Jacques Brosse ed altri ancora.

A chi vi rivolgete?

Ci rivolgiamo ad un pubblico molto vasto, interessato a rispettare e condividere bellezza: adulti, anziani, bambini e persone diversamente abili. Alcuni laboratori che offriamo parallelamente ad una mostra permanente di pittura, fotografia e poesia, ceramiche Raku, arazzi cuciti a mano o al telaio ed altro, sono rivolti ad un pubblico di bambini, altri a tutta la famiglia (soprattutto quelli di danza e di racconti), altri ancora alle donne non vedenti o a quelle in dolce attesa, affinché si riavvicinino al mondo poetico della natura e si preparino ad accogliere una nuova vita mettendola in collegamento con il “piccolo creato” intorno (come scriverebbe M.Bolognese e come scrivono gli indigeni americani che, come altre popolazioni, hanno esaltato il rapporto sacro con madre terra, accogliendone i doni senza usurparne le bellezze).

laboratori creativi
Ci rivolgiamo ad un pubblico molto vasto, interessato a rispettare e condividere bellezza: adulti, anziani, bambini e persone diversamente abili
Quali sono le attività da voi proposte?

Come dicevo, offriamo una mostra permanente insieme a laboratori creativi spesso basati sul riciclaggio di materiali naturali e di scarto, e a laboratori “curativi”, per donare armonia e quindi salute. Poi ancora conferenze su ecologia, medicina olistica, diritti delle donne e bambini, nonché presentazioni di libri inerenti la nostra comune ricerca.

In questi giorni si sta svolgendo la manifestazione “Eco In Arte: I 4 elementi+1: l’Albero!” presso l'orto botanico di Catania, in cui si propongono performance e spettacoli che spesso si associano ai laboratori offerti, e ad ognuno dei quali abbiamo simbolicamente attribuito uno dei 4 elementi. Cosicché l’aria è stata rappresentata dal canto di Matilde Politi, dalla lettura di poesie (di vari autori e anche mie) e di racconti e dalla melodia di un flauto traverso suonato da Alessandra Lombardo, Cetty Previtera e Raffaela Fusar Bassini; la terra dalle musiche popolari del mondo di Rosaria Torcitto e della sua allieva Giusy Riggio, nonché dal lavoro al telaio di Carmela Capace; il fuoco dalle danze popolari del sud Italia con Deborah Rizzuto e l’associazione danza-emozione; l’acqua da una performance di danza contemporanea di Elena Rosa e Dara Siligato; ed infine i 4 elementi dalle danze celtiche e da quelle sacre in cerchio di Floriana Cataldo, nonché dai giochi per bambini dell’Associazione iocudiventu e di altre artiste di ecoinarte .

Tutte le artiste partecipanti sono siciliane e sono residenti in diverse zone della Sicilia, ma tutte sono accomunate dall’amore per il “viaggio” e per la ricerca.

Cosa significa per voi la parola “ecologia” e come cercate di metterla in pratica?

Per Ecologia intendiamo creare benessere tutelando il paesaggio interno ed esterno dell’individuo, ascoltare e rispettare i segreti della natura narrati dall’albero e dalla piccola vita intorno, cantati da molti poeti, tra cui il persiano Rumi:“Questi alberi sono come gli abitanti del seno della terra: dal seno della terra levano invocatrici le mani! Cento segni essi fanno agli uomini, molte cose fanno capire ai dotati d’orecchi: con la loro verde lingua e le lunghe braccia invocanti narrano i segreti del seno della terra”. Imparare a “conoscere con empatia” l’insieme della natura e la sua bellezza, come scrive la ricercatrice Luigina Mortari (Università degli Studi di Verona) nel suo articolo “Alla ricerca di un orientamento ecologico per abitare la terra”.

quattro elementi
Per Ecologia intendiamo creare benessere tutelando il paesaggio interno ed esterno dell’individuo
Che ruolo ha l'arte nella vostra visione del mondo?

A questa domanda rispondo in maniera più individuale, giacché questo è un messaggio che mi preme trasmettere. Personalmente ritengo che ad “arte” corrisponda qualsiasi espressione: pittorica, musicale, fotografica, poetica, culinaria etc., che riesca a riprodurre e trasmettere armonia e bellezza. Credo possa avere la funzione di “risacralizzare” il mondo dell’artista e quello del suo pubblico, se l’artista riesce ad attingere a quel silenzio parlante presente nell’anima, racchiuso nel semplice soffio vitale che a tutto può dar vita, anche all’arte.

Per definire meglio la mia idea di artista riporto un canto di origine azteca:

“L'artista è umile, copioso, vario, irrequieto.

L'artista è sincero, pronto, studia, è abile

parla col suo cuore, pensa, ricorda.

L'artista lavora allegramente,

calmo, con cura, secondo la verità,

compone le cose, crea,

dispone con ordine il mondo,

lo fa armonioso, lo accorda”

In quale territorio vi muovete?

Momentaneamente ci muoviamo in Sicilia, ma ci auguriamo di essere accolte anche nel resto del territorio nazionale, ovunque interessi la promozione della tutela degli spazi verdi e il nostro modo poeticamente femminile ed “olistico” di proporlo.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Miti, Sogni, Misteri

Il mito dell'albero sacro posto al centro dell'eden risale ai primordi dell'umanità: è la suggestiva ipotesi...
Continua...
Mircea Eliade

"io non sono un uomo con esperienze religiose normali, non sono agnostico e neanche antireligioso. per me,...
Continua...
La Magia delle Piante

Questo libro, come molti altri pubblicati da jacque brosse, enciclopedista e poligrafo, nasce da un profondo...
Continua...
Divagazioni sul Corpo, il Sesso e la Lingua

Il libro contiene "cinque meditazioni sul corpo". il loro scopo è riconciliare il corpo e la mente, la...
Continua...
30 Giugno 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Adesso Basta

Un lavoro, una carriera manageriale invidiabile già a soli 30 anni, una casa di lusso, la possibilità di...
Continua...
La Rivoluzione del Filo di Paglia

Questo libro rappresenta un punto di svolta per riavvicinarsi con occhi fiduciosi e non distruttivi alla...
Continua...
Guida alla Casa Ecologica

Con guida alla casa ecologica paolo bevitori prosegue un percorso iniziato con la pubblicazione dei due...
Continua...
La Terra è Viva

Un testamento ambientale che annoda le radici dell'ecologia moderna con le lontane tradizioni rurali...
Continua...
Manuale Pratico di Ecologia Quotidiana

Vivere in maniera più ecologica in casa, in ufficio, a scuola, per strada: come riciclare, ridurre i rifiuti,...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Se avessero voluto venire sarebbero venuti...
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità