L'Urlo

La guerra dell'acqua nel cuore di Trastevere

Una piccola battaglia personale, nel centro di Roma, per una sana causa da difendere, quella della salvaguardia della migliore delle bevande possibili: l’acqua di fonte. Arruolatevi!

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Giancarlo Simone Destrero


Ho preso molto a cuore l’operazione “imbrocchiamola”, la campagna nazionale, lanciata da Legambiente e Altraeconomia nata per promuovere nei ristoranti e nelle pizzerie la somministrazione di acqua naturale del rubinetto.

Per una serie di vicissitudini personali, questo è un periodo in cui mi trovo di sovente a trascorrere le serate fuori dalla mia abitazione; avendo la possibilità di cenare altrove e, fortunatamente, in compagnia di piacevoli interlocutori, capita, spesso, di frequentare diversi locali pubblici adibiti ad uso ristorazione e di avere la possibilità in prima persona di verificare se la richiesta di acqua corrente del rubinetto possa suscitare problemi.

Ho preso molto a cuore l’operazione “imbrocchiamola” perché mi è sembrata subito un modo concreto per poter fare qualcosa di grande nel proprio piccolo. Ho il difetto –credo sia tale a livello sociale- di perdermi nel delirio da massimi sistemi e di infervorarmi di frequente su come dovrebbero andare le cose e sull’analisi dei perché non vadano in quel modo.

Analisi che spesso rimane pretestuosa e fonte di consequenziali discussioni pseudofilosofeggianti. Ma fattivamente, non voglio nasconderlo, sono uno dei tanti che fa poco per migliorare le cose. Più per pigrizia che per ipocrisia. Voglio dire l’ipocrita pensiero “tanto io da solo non posso cambiar nulla, che lo faccio a fare?” non rientra nelle mie sinapsi. Ma stavolta quell’articolo che lessi sul nostro prestigioso portale in data 21/03/2008, vigilia della giornata mondiale dell’acqua, non mi lasciò indifferente.

La città in cui vivo possiede la più grande disponibilità di acqua pro-capite, a livello nazionale e non solo. Roma, infatti, offre la possibilità ad ogni cittadino di gestire 500 litri di vita al dì. Tutto questo, o meglio la possibilità che tutto questo non solo non venga sfruttato, ma venga addirittura negato a beneficio delle bottiglie di plastica e delle mere speculazioni economiche legate ai loro trasporti ed alla loro vendita, m’ha smosso delle corde di profondo sdegno interiore. E allora via, cominciai ad unire l’utile al dilettevole.

Non apprezzando tralaltro l’acqua minerale, è stato giocoforza naturale cominciare a monitorare chi la dava e chi non la dava. Il computo generale, finora, è sinceramente positivo. Infatti, la stragrande maggioranza dei posti ha servito tranquillamente la caraffa “d’acqua del sindaco” sul tavolo.

Quindi, mi sembrava non avesse più molto senso questa piccola, pacifica battaglia. Almeno non a Trastevere e zone limitrofe. Ma ecco che, proprio mentre stavo per spostare il raggio d’azione, dovetti constatare che nell’epicentro delle mie peregrinazioni si annidava il nemico. Mai avrei immaginato che in uno degli snodi cruciali della vita notturna trasteverina, Piazza San Cosimato, un noto ristorante che ha alle spalle Viale Trastevere e che ti accoglie calorosamente, con foto di calciatori ed attori sulle pareti e buona musica che suona dalle casse appese ai muri, dovesse tradire questo mio piccolo neonato ideale.

Due volte ho chiesto e non ottenuto ciò che volevo, due volte ho cercato di dialogare con la cameriera che adduceva motivazioni assurde ed inesistenti, tipo il presunto obbligo di servire bottiglie di plastica per legge. Ora è questo il mio imminente obiettivo, e nell’attesa di tornarci in una delle mie serate fuori casa, spesso ci giro intorno cercando di valutare il modo più civile per vincere la piccola guerra in corso. Ci devo riuscire.

A proposito, chiunque frequentasse Piazza San Cosimato e volesse darmi una mano, intanto, è il benvenuto. Magari, augurandomi di aver sollecitato la sua curiosità, cominci con lo scoprire di quale ristorante sto parlando…

29 Aprile 2008 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Uno spazio conquistato a fatica. Uno spazio dove gridare sottovoce, ma senza paure, tutti i pensieri e le emozioni che la nostra quotidianità fatta di asfalto, rumore e cemento ci obbliga ad ingoiare silenziosamente.
RUBRICA A CURA DI...

Alessandro Rizzato

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. Ma siamo sicuri? È proprio...
Continua...
Grandi Opere

Le Grandi Opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità