Tra le montagne, una frugalità senza sprechi


CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

sprechi decrescita felice
La frugalità non è più una virtù, è stata sostituita dallo spreco che, oltre ad esser comodo, crea profitto. Mangiare e bere diventano un buon affare, che resiste alla crisi
La frugalità non è più una virtù, è stata sostituita dallo spreco che, oltre ad esser comodo, crea profitto. Mangiare e bere diventano un buon affare, resiste alla crisi. Tutti vogliono mangiare, bere e dormire in un letto. Poco importa se il prezzo è alto. Se si vuol vivere con il trekking a cavallo si devono procurare queste cose: pochi possono permettersi l'estremo lusso di non farlo. E parlare di frugalità diventa, per questo, signorilità assoluta. Ovviamente frugalità per scelta, non per dannazione.

Ecco che spuntano fuori le padelle di ferro, quelle buttate negli anni passati perché non antiaderenti; quelle che si lavano solo con acqua calda asciugandole poi con uno straccio pulito. Il culto del cibo e del bere derivava nel passato dalla fame sincera che si aveva; ora prova la decadenza dell’impero. Sedersi e mangiare cibi deliziosi a tavola è facile, basta pagare. Ma quando si è a piedi o a cavallo sulle montagne e si vuol star lontano dal profitto per poter gustare appieno i magnifici comfort che la Natura sempre offre, dobbiamo portare sulla sella tutti i viveri. E cucinarli diventa arte parallela e ingegnosa: per gustarla, lo spirito deve saper essere sereno e semplice.

Ecco che si torna al concetto del non-spreco, della frugalità dello spazio aperto. Possiamo mettere una squisita fetta di lardo nella padella di ferro, accendere un bel fuoco, o il fornellino se siamo troppo in alto per poter trovare legna, buttar dentro i fagioli per farli rosolare. Prima però si prende il pane per farlo scaldare e renderlo morbido, un pizzico di sale, un cucchiaio per sbattere tutto in gola. Lasciando liberi gli occhi di guardare il mondo che, piano, si srotola sotto.

(Mauro Ferraris, “Cucina da campo”, da “I Quaderni dell’Alpitrek”, www.alpitrek.com)

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Un Programma Politico per la Decrescita

Il movimento per la decrescita felice si propone di mettere in rete le esperienze di persone e gruppi che...
Continua...
Discorso sulla Decrescita + CD Audio

Considerare la decrescita come una condizione felice può sembrare una contraddizione, ma in realtà essa...
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
La Felicità Sostenibile

Ii modello economico, sociale e politico dominante sta crollando sotto i colpi della crisi finanziaria...
Continua...
Il Mondo alla Rovescia

Michele buono e piero riccardi ci accompagnano in un viaggio paradossale sul nostro pianeta attraverso due...
Continua...
 
16 Giugno 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail