L'Urlo

Mondi virtuali, la realtà è "arricchita"?

La realtà mediatica si è totalmente sostituita alla realtà reale. Schiere di specialisti lavorano al fine di orientare i comportamenti delle miriadi di “signor Rossi” in direzioni prestabilite e del tutto disconnesse da qualsiasi idea di bene comune. Eppure esiste ancora una realtà che si lascia vedere in maniera diretta, con i semplici occhi. È poca cosa, quasi nessuno se ne accorge più, ma c’è, dimenticarlo è inammissibile.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Fillippo Schillaci

mondo virtuale real tv
Il signor Rossi vive in un mondo virtuale. Diciamolo meglio, vive in un mondo di fandonie. Non è un mondo improvvisato, è al contrario progettato e costruito con metodo e rigore
Il signor Rossi vive in un mondo virtuale. Diciamolo meglio, vive in un mondo di fandonie. Non è un mondo improvvisato, è al contrario progettato e costruito con metodo e rigore. Esiste una disciplina, anzi ormai un insieme di discipline, chiamate “scienze della comunicazione”, che hanno il compito – da sempre intensivamente assolto e da qualche tempo esplicitamente dichiarato – di confezionarlo e dargli struttura e coerenza. Insieme alle discipline economiche, dilagano ormai nelle università e riscuotono – c’è bisogno di dirlo? – un notevole successo fra gli studenti.

Praticamente non c’è campo che non ne sia oggetto: la “realtà” mediatica si è totalmente sostituita alla realtà reale. La Confindustria ha creato già da molto tempo una sua “Sezione Comunicazione”, molto interessata, fra l’altro, all’interazione con le università. Più esattamente, all’asservimento di esse ai propri scopi.

In un certo senso non c’è nulla di nuovo sotto il sole, ogni società umana si è costruita il proprio modello culturale, ovvero la propria visione del mondo e della propria posizione in esso. E lo scopo non è mai stato quello di dare del mondo una descrizione veritiera bensì soltanto di giustificare le azioni compiute sul mondo stesso da quella società e il modo di essere che quelle azioni presuppongono.

I modelli di cultura tuttavia sono sempre stati creazioni spontanee delle comunità, determinati dal basso mediante il linguaggio del mito. Tale era ad esempio il rito dell’orso, tipico di certe popolazioni di cacciatori paleolitici. "Quando si uccideva l’orso, gli si offrivano le proprie scuse; prima di mangiarlo, veniva celebrato un pasto sacro in cui veniva riservato all’orso il posto di 'ospite sacro' e gli venivano offerti i piatti più prelibati. Infine l’orso veniva sepolto con tutti i cerimoniali"1. Tutto ciò aveva lo scopo di riconciliare la comunità umana col più ampio contesto della comunità ecosistemica di cui l’uomo, a quel tempo ignaro dell’allucinazione antropocentrica, sapeva di essere parte.

Questa consapevolezza conduceva a percepire come atto eticamente condannabile l’uccisione di un membro di quella comunità, atto che dunque andava in qualche modo riparato ed espiato. E non potendo esserlo nel mondo reale l’azione riparatoria veniva traslata nel mondo “virtuale” del mito e del rituale che ne derivava. Un mondo che, agli occhi dei membri della comunità umana, aveva più spessore, più realtà della realtà reale.

cellulari comunicazione
Le “scienze” della comunicazione delle società industrializzate e mediatizzate contemporanee operano su un piano del tutto diverso: i miti, e i relativi rituali, vengono prefabbricati da ristretti gruppi di specialisti
Le “scienze” della comunicazione delle società industrializzate e mediatizzate contemporanee operano su un piano del tutto diverso: i miti, e i relativi rituali, vengono prefabbricati da ristretti gruppi di specialisti al fine di orientare i comportamenti delle miriadi di “signor Rossi” in direzioni prestabilite e del tutto scorrelate da qualsiasi idea di bene comune, sia dell’uomo che di ogni altra parte del mondo vivente. Non per questo agli occhi del “signor Rossi” questi modelli artificiali del mondo sono meno reali di ciò che le visioni mitiche erano per l’uomo primitivo. Anzi, la gran profusione di protesi tecnologiche che sono il supporto delle nuove visioni mitologiche fa sì che esse siano invasive e totalizzanti come nessun’altra in passato.

Il 9 marzo a Seul, in Corea del Sud, una bambina di tre mesi muore. Muore di fame. Per l’esattezza viene lasciata morire di fame dai suoi genitori, troppo occupati a trascorrere le loro giornate in un punto internet attaccati all’ultimo videogioco del momento: la figlia virtuale.

Ma agli esperti di “scienze” della comunicazione non basta ancora. Da anni si sperimentano le tecnologie che consentiranno di realizzare la “realtà virtuale”, qualcosa che farà svanire i limiti dell’attuale immagine video, bidimensionale e confinata in un rettangolo al di là del quale la realtà reale si può far dimenticare ma non cancellare. Qualcosa che renderà del tutto indistinguibile la fandonia dal mondo reale.

Intanto una ricerca inglese ci fa scoprire ciò che da tempo è sotto gli occhi di tutti: l’universo dei bambini è racchiuso nel rettangolo luminoso di uno schermo video, che nulla di ciò che ne è al di fuori li interessa, che una marmotta è loro più estranea di uno di quei macabri mostriciattoli pseudoextraterrestri che pullulano nei videogiochi.

Tuttavia, poiché non siamo ancora alla realtà virtuale, poiché basta deviare lo sguardo per un istante dal rettangolo ipnotico dello schermo video e la realtà reale insinua la sua importuna presenza, bene mostriamone la miseria, l’incompletezza, inventiamo la “realtà arricchita”.

Cos’è? È ciò che appare sull’onnipresente schermo video – quello che devi portarti ovunque o sei perduto – quando lo rivolgiamo verso uno spicchio di realtà reale. Ma l’idea, ancora una volta, non è nuova: il primo esempio di “realtà arricchita” fu la radiolina a transistor, nell’uso che ne faceva il tifoso portandosela allo stadio per farsi raccontare dal telecronista ciò che accadeva sotto i suoi occhi.

televisione realta sostituita
Poi venne la televisione la quale, più che realtà arricchita, fu – ed è – realtà sostituita
Poi venne la televisione la quale, più che realtà arricchita, fu – ed è – realtà sostituita, tanto che da decenni ormai nell’immaginario del signor Rossi un evento è accaduto se e solo se (condizione matematicamente necessaria e sufficiente) "lo ha detto la televisione". Ma le telecamere non riescono, dicevamo, a racchiudere ogni cosa, a essere ovunque. Esiste ancora una realtà che si lascia vedere in maniera diretta, con i semplici occhi. È poca cosa, quasi nessuno se ne accorge più, ma c’è, e questo è inammissibile. E allora suggeriamo l’idea che a guardarla attraverso uno schermo video è qualcosa di più, è “arricchita”.

Ad esempio, sei in un parco naturale, punti il tuo telefono cellulare e sul display ti appare tutto ciò che è importante sapere su di esso: ad esempio la ricettività degli alberghi, le pizzerie, gli orari delle visite guidate, le rivendite di souvenir, le più vicine discoteche, i fast food, le birrerie, i parcheggi, le aree attrezzate, i pub; tutto insomma, tutto ciò che può rendere interessante un “coso” chiamato parco. E, per tornare infine alla salubre civiltà, la via da seguire per raggiungere il più vicino casello autostradale. Ecco, questo è il parco “arricchito”. E l’odore dell’aria aperta? E il fruscio del vento? E il concerto di suoni del bosco? E i giochi di luce del sole fra gli alberi? No, quelli no. Sul display non ci sono. La realtà “arricchita” non li contempla. Non esistono.

1 J. Mahlinger, 1952, citato in E. Fromm, Anatomia della distruttività umana, Milano, 1975.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Modelli e Sistemi di Comunicazione

C'è una proprietà del comportamento che difficilmente potrebbe essere più fondamentale e proprio perché...
Continua...
La Comunicazione Persuasiva

Saper comunicare efficacemente oggi significa innanzitutto comprendere le caratteristiche, le specificità e...
Continua...
8 Giugno 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PERCHÉ QUESTA RUBRICA
Uno spazio conquistato a fatica. Uno spazio dove gridare sottovoce, ma senza paure, tutti i pensieri e le emozioni che la nostra quotidianità fatta di asfalto, rumore e cemento ci obbliga ad ingoiare silenziosamente.
RUBRICA A CURA DI...

Alessandro Rizzato

Vai alla pagina personale...

PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Salvare l'Ambiente Conviene

Quello di Jacopo Fo è un libro di valide e ragionevoli alternative all’insegna di un duplice...
Continua...
La decrescita felice

I segnali sulla necessità di rivedere il parametro della crescita su cui si fondano le società industriali...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il...
Continua...
Trafficologia

Ci sediamo, avviamo il motore e partiamo, convinti di avere tutto sotto controllo. Ma siamo sicuri? È proprio...
Continua...
Grandi Opere

Le Grandi Opere sono il simbolo di un mondo antiquato, corrotto e cadente: sono superate e inutili per chi...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità