Marciana Marina, un comune a misura di rondine

Il numero di esemplari di rondini e rondoni è in calo già da diversi anni in tutta Europa. La ragione sembra risiedere nella trasformazione anatomica dei nostri centri abitati: la ristrutturazione di vecchi edifici e la costruzione di nuovi secondo regole e tecnologie moderne hanno eliminato gran parte dei buchi nei muri e degli accessi "sottotegola". A Marciana Marina, nell’isola d’Elba, una recente normativa ripristina le vecchie tegole curve e aperte sul davanti, per facilitare la nidificazione delle rondini.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Virginia Greco

marciana marina elba nidi rondini edilizia
A Marciana Marina, piccolo centro abitato dell’isola d’Elba, l’amministrazione ha apportato una modifica al regolamento edilizio per facilitare la nidificazione di rondini e rondoni
Nell’immaginario collettivo e tra i disegni dei bambini è il simbolo della primavera: ali scure e sottili, coda biforcuta, pancia chiara. È la rondine. Vola da un tetto ad un altro, si nasconde tra le tegole e nei buchi dei vecchi muri.

La vita di rondini e rondoni negli ultimi vent’anni è purtroppo diventata molto più complicata. Il più domestico tra i volatili liberi, mai cacciato dall’uomo e anzi da esso spesso amato, si scontra con un’involontaria ostilità. Tetti e grondaie sotto i quali essi hanno da sempre nidificato non sono più confortevoli e soprattutto accessibili come un tempo. Le moderne strutture, resistenti, impermeabili, efficienti, non lasciano fisicamente lo spazio alle rondini per la nidificazione: non sono presenti cavità e fessure in cui gli uccelli possano trovare riparo, oppure esse sono inaccessibili.

Nessuno, nel progettare una tegola moderna, si è evidentemente soffermato a considerare questo problema. Eppure, alcuni studi zoologici hanno dimostrato che rondini e rondoni sono in calo in tutta Europa e la ragione è stata individuata nel cambiamento dell’ambiente in cui essi si trovano a vivere. Nello specifico, si è compreso che in seguito alla ristrutturazione dei vecchi edifici dei centri storici – e alla costruzione di nuovi palazzi tramite l’impiego di materiali e tecniche moderni – sono decisamente diminuiti le intercapedini e i fori nei quali tradizionalmente questi volatili costruiscono l’alcova per la deposizione delle uova e l’allevamento dei piccoli.

In alcune città, ad esempio a Milano, per ovviare a questo problema sono stati posti in parchi e centri storici dei nidi artificiali. L’iniziativa non è però molto diffusa.

nido rondini
La vita di rondini e rondoni negli ultimi vent’anni è purtroppo diventata molto più complicata
La risposta più singolare e significativa viene invece in questi giorni da Marciana Marina, piccolo centro abitato dell’isola d’Elba: qui, l’amministrazione ha apportato una modifica al regolamento edilizio per facilitare la nidificazione di rondini e rondoni. Secondo la nuova normativa, infatti, d’ora in avanti si potranno porre solo tegole tradizionali, vale a dire quelle con i coppi (ossia le tegole curve) aperti nelle prime file. In tal modo i volatili possono entrare nella cavità sottostante e ricavarsi una nicchia in cui costruire il nido.

Naturalmente questa regola dovrà essere presa in considerazione non solo nella costruzione di nuovi edifici, bensì anche nel caso di ristrutturazione di quelli già esistenti.

Si tratta di un’iniziativa che dimostra grande sensibilità e attenzione nei confronti dell’ambiente e della natura che ci circonda. "Le trasformazioni edilizie sono la causa principale di diminuzione delle specie che da secoli nidificano in città sugli edifici dell'uomo - ha spiegato Anna Bulgaresi, Sindaco di Marciana - con questa delibera il nostro Comune, primo in Italia, vuole dare un segnale positivo".

La normativa prevede ulteriori misure volte al medesimo scopo. Ad esempio si invita ad utilizzare intonaco rugoso, in quanto esso faciliterebbe la costruzione di nidi sotto le grondaie.

La delibera è stata accolta con soddisfazione anche dall’amministrazione del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano: "Siamo orgogliosi che il comune di Marciana abbia operato una scelta concreta a favore dell'ambiente - ha affermato Franca Zanichelli, direttrice del Parco, non poteva esserci un segnale migliore da parte di un ente locale compreso nel perimetro del Parco nazionale".

biodiversita rondini rondoni
La sopravvivenza di queste specie, oltre ad essere fondamentale per la salvaguardia della biodiversità, rappresenta un vantaggio concreto anche per gli esseri umani
La sopravvivenza di queste specie, oltre ad essere fondamentale per la salvaguardia della biodiversità, rappresenta un vantaggio concreto anche per gli esseri umani. Rondini e rondoni, infatti, per il proprio nutrimento e soprattutto per lo svezzamento dei piccoli, catturano quantità enormi di insetti aerei (si è calcolato che una coppia di rondoni con i nidiacei possa catturarne anche fino a 20.000 in un giorno!). Ciò è in primo luogo importante per l’agricoltura, in quanto molti fra tali insetti se non fossero eliminati provocherebbero gravi danni ai raccolti o renderebbero necessario un uso ancora più massiccio di pesticidi. Inoltre, questi volatili uccidono parte degli insetti che disturbano le nostre giornate (e soprattutto le notti).

Si vedrà nei prossimi anni se questa iniziativa condurrà ad un effettivo ripopolamento della zona di Marciana da parte di rondini e rondoni. Se la cosa avrà successo, magari qualche altro comune attento alle esigenze della natura adotterà una normativa analoga e si convertirà in un centro abitato "a misura di rondine".

3 Giugno 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Un lettore ha commentato questo articolo:
7/6/10 18:31, Juan Carlos ha scritto:
Buon esempio di attenzione amministrativa che si tradurrebbe anche in un minor costo per l'acquisto di dannosi pesticidi chimici.

Analogo tema lo si trova nel ripopolamento dei pipistrelli.

Bontà loro.
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Tao della Biologia

«È l’uomo che deriva dalla scimmia o la scimmia che deriva dall’uomo?» Il...
Continua...
La Biologia delle Credenze - Nuova Edizione 2007

Vincitore del Premio Best Science Book, Best Books 2006, Awards Bruce Lipton dimostra che ciò in cui...
Continua...
Diventa Vegan in 10 Mosse

Vegan è chi sceglie di escludere completamente dalla propria alimentazione, dall'abbigliamento e dalla cura...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?Come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
Senza Latte e Senza Uova

Uova, latte e derivati: un gruppo di alimenti che compaiono, a volte in abbondanza e troppo spesso, in...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Tiziano Terzani: hai mai sentito gli urli di un macello?
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità