Corporate gardens, ovvero gli orti della pausa pranzo

Negli Stati Uniti prende piede una nuova tendenza, quella dei "corporate gradens", anche detti "orti della pausa pranzo". Un numero crescente di corporation americane offre infatti ai propri impiegati la possibilità di coltivare un pezzo di terreno durante la pausa normalmente adibita al pasto. Così, al posto di un aumento, i dipendenti portano a casa ortaggi freschi.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Elisabeth Zoja

orti pausa pranzo
Molti americani nella loro giornata lavorativa non operano più solo con i computer, ma con semi, radici e terra
Molti americani nella loro giornata lavorativa non operano più solo con i computer, ma con semi, radici e terra. Centinaia di corporation quali Toyota e PepsiCo hanno infatti disposto degli orti (i corporate gardens) attorno ai loro edifici. Semina e raccolta di zucche, pomodori e insalata sono così entrate a far parte delle giornate di molti americani.

Non si tratta ovviamente di un’attività obbligatoria, ma chi vi partecipa ha la possibilità di portare a casa ortaggi freschi coltivati con le “proprie mani”. “È come se dicessero: è vero, non possiamo darvi un aumento, ed è vero che sono tempi duri, ma questo è qualcosa che possiamo fare per migliorare la qualità della vostra vita”, spiega Bruce Butterfield, direttore dell’associazione no-profit National Gardening.

Le prime a mettere in atto tale iniziativa sono state corporation gigantesche quali Google e Yahoo che, trovandosi nella Silicon Valley, avevano a disposizione un territorio adatto. Con l’avanzare della crisi economica però, gli orti “della pausa pranzo” hanno preso piede anche in aziende che non possiedono molto spazio. In mancanza di veri e propri campi, gli orti sono stati collocati nei cortili interni, nelle ex-aree fumatori o addirittura sui tetti degli edifici.

giardino toyota attorno edificio
Centinaia di corporation quali Toyota e PepsiCo hanno disposto degli orti (i corporate gardens) attorno ai loro edifici
Questa espansione del giardinaggio non è una dimostrazione del fatto che i business americani stiano diventando più “filo-agricoli”, si tratta più che altro di una moda chiamata “backyard gardening”, spiega Peter Cappelli, direttore del Center for Human Resources all’Università della Pennsylvania. Già nel 2009 gli americani alle prese con carote e zucchine erano 41 milioni, il 13% in più rispetto all’anno precedente.

Da dove viene questo pollice verde?

La coltivazione personale offre in effetti numerosi vantaggi. Da un punto di vista della salute il beneficio sta sia nel passare la pausa pranzo all’aria aperta sia nel nutrirsi con cibi più sani. Economicamente vantaggioso è invece il fatto che i partecipanti possano portarsi a casa ortaggi freschi pagando al massimo 10 dollari a stagione. È ciò che succede nel colosso cosmetico Aveda, che in cambio di un modesto pagamento mette a disposizione terra, semi e attrezzi.

Vi è anche un terzo vantaggio di natura meno “materiale”, spesso sottovalutato: “Zappare la terra insieme incoraggia a superare le gerarchie dell’ufficio; nell’orto siamo tutti allo stesso livello”, spiega Sheila Golden, senior manager di PepsiCo.

Numerosi vantaggi, ma anche altrettanti problemi, per alcune aziende, infatti, la difficoltà sta nel trovare il terreno. Anche dove lo spazio non manca, i terreni che circondano gli edifici sono spesso contaminati da additivi chimici o da materiale usato per la costruzione edile, inadatti quindi alla coltivazione.

ortaggi freschi coltivati
La coltivazione personale offre in effetti numerosi vantaggi
Vi sono però difficoltà anche laddove il terreno disponibile sia abbondante come nel caso di PepsiCo, che dispone di un’area equivalente a due campi da tennis. Se infatti l’anno scorso gli impiegati iscritti all’iniziativa erano 200 (su 1.450), quest’anno si sono ridotti a 75. Inoltre molti di loro devono ancora iniziare a lavorare gli orti. Questa primavera è stata fredda e così anche la motivazione è calata, spiegano gli improvvisati giardinieri. Vi sono poi inconvenienti di natura più ordinaria, come vestirsi, ad esempio, per una giornata che include sia il giardinaggio che un incontro col boss?

Eppure se il primo dei presupposti, la motivazione, non manca, si risolvono facilmente questi e altri problemi. E chissà se gli orti “della pausa pranzo” si espanderanno ulteriormente, oltrepassando i confini degli Stati Uniti, e magari raggiungendo un giorno anche l’Italia, il paese del buon cibo per eccellenza.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Piccoli Orti

Immaginate di gustare una fresca insalatina, una patata perfetta oppure dei fagiolini così teneri che si...
Continua...
Il Giardino dei Sensi - Introduzione all'ortoterapia

immaginate un luogo che possa anche curare, un luogo dove tutti sono accettati, dove non esiste lo stress e...
Continua...
24 Maggio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Adesso Basta

Un lavoro, una carriera manageriale invidiabile già a soli 30 anni, una casa di lusso, la possibilità di...
Continua...
La Rivoluzione del Filo di Paglia

Questo libro rappresenta un punto di svolta per riavvicinarsi con occhi fiduciosi e non distruttivi alla...
Continua...
Guida alla Casa Ecologica

Con guida alla casa ecologica paolo bevitori prosegue un percorso iniziato con la pubblicazione dei due...
Continua...
La Terra è Viva

Un testamento ambientale che annoda le radici dell'ecologia moderna con le lontane tradizioni rurali...
Continua...
Manuale Pratico di Ecologia Quotidiana

Vivere in maniera più ecologica in casa, in ufficio, a scuola, per strada: come riciclare, ridurre i rifiuti,...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Se avessero voluto venire sarebbero venuti...
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità