Biodiversità: la Carovana di Legambiente parte dagli Appennini

Dalla Liguria alla Sicilia, la dorsale appenninica è una grande strada verde che connette buona parte delle aree protette del Paese: 13 Parchi nazionali, 43 Parchi regionali, 52 Riserve e decine di altre aree protette. Nell’anno internazionale della biodiversità, Legambiente riparte proprio dalla riscoperta e valorizzazione degli Appennini, importante patrimonio che coinvolge gran parte della penisola.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Daniela Sciarra

appennini biodiversità progetti legambiente
Nell’anno internazionale della biodiversità, Legambiente intraprende nuove azioni a favore della Biodiversità
La difesa della biodiversità richiede la diffusione di competenze e conoscenze, come anche di valori e sensibilità, che non possono prescindere da un impegno forte da parte di altri attori sociali come la scuola, l’università e tutte le sedi della formazione e della cultura. Questo è il messaggio contenuto nella Dichiarazione "Per una cultura della biodiversità", che in occasione della Giornata della Biodiversità (sabato 22 maggio) è promossa dalla Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO con la collaborazione delle principali organizzazioni che aderiscono al Decennio ONU per l’Educazione allo Sviluppo Sostenibile: FAO/ERP (Education for Rural People Partnership), Federparchi, Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale (ISPRA), Legambiente, WWF, Società Geografica Italiana e altri.

La biodiversità gode di pessima salute. Secondo Legambiente ammonta a circa 50 miliardi di euro l’anno il costo derivante dal degrado degli ecosistemi, mentre secondo l’ultimo aggiornamento della Lista Rossa della IUCN (l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) un terzo delle forme viventi nei vari ecosistemi del nostro pianeta è a rischio di estinzione, e circa i due terzi degli ecosistemi nel mondo sono in declino.

“La crescita delle attività umane sta impoverendo la diversità delle specie a un tasso mille volte superiore a quello naturale” ha avvertito Ban Ki-Moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Legambiente, che ieri ha compiuto 30 anni, ha sottolineato che “per tutelare la biodiversità è fondamentale il contributo che le diverse politiche, locali e nazionali, possono dare nell’implementare processi di sviluppo finalizzati non solo alla conservazione e alla salvaguardia della biodiversità ma anche alla promozione di un uso sostenibile delle risorse dal punto di vista ambientale, economico e sociale”.

Nell’anno internazionale della biodiversità, Legambiente intraprende nuove azioni a favore della Biodiversità traducibili in progetti (Appennino Parco d’Europa) e campagne e iniziative specifiche per la conservazione della natura, molte delle quali hanno già contribuito a salvare dall’estinzione alcune specie - dall’orso bruno marsicano al lupo - la cui presenza nel territorio appenninico è di assoluta rilevanza nazionale e comunitaria.

Ed è proprio dall’Appennino che è partita l’ultima iniziativa di Legambiente: la Carovana degli Appennini, la campagna itinerante che fino al 20 giugno attraverserà queste coste rocciose con l’obiettivo di far conoscere e riscoprire queste montagne e le sue aree protette, custodi di biodiversità, di arte, cultura e tradizioni, contribuendo, per quanto possibile, a riattivare l’economia di territori spesso deboli e marginali, come quelli interni o montani, ma straordinariamente ricchi di risorse a volte ancora inutilizzate.

lupo biodiversità parchi
Dalla Liguria alla Sicilia, la dorsale appenninica è una grande strada verde che connette buona parte delle aree protette del Paese: 13 Parchi nazionali, 43 Parchi regionali, 52 Riserve e decine di altre aree protette
Dalla Liguria alla Sicilia, la dorsale appenninica è una grande strada verde che connette buona parte delle aree protette del Paese: 13 Parchi nazionali, 43 Parchi regionali, 52 Riserve e decine di altre aree protette. Nei suoi territori vivono, tra gli altri, il lupo, l’orso bruno marsicano, il camoscio appenninico, l’aquila reale, il capovaccaio e la lontra ma si trovano anche importanti insediamenti umani presenti fin dalla preistoria. In epoca medievale gli Appennini sono stati una delle zone economicamente e culturalmente più ricche d’Italia. Le opere d’arte come le aree archeologiche, le vie storiche e i borghi antichi, qui sono moltissimi, per non parlare di feste e tradizioni, gastronomia e artigianato, paesaggi agrari, miti, leggende, musiche, costumi, minoranze etniche e linguistiche, e piccoli comuni. Questo spazio di grande diversità culturale e sociale però, non è sempre valorizzato al meglio e spesso soffre di problematiche gravi come lo spopolamento, la carenza di servizi territoriali e il rischio di frane e alluvioni.

L’Appennino è coinvolto in una nuova geografia territoriale e istituzionale, definita dal numero e dall’estensione delle aree naturali protette che lo interessano e che ne fanno una realtà europea senza eguali, con un grande sistema ambientale e territoriale. Con il progetto APE – Appennino Parco d’Europa, Legambiente vuole comunicare la straordinaria relazione venutasi a creare tra l’Appennino e i parchi che sono intesi come strumento non solo di conservazione della natura, ma anche di riscatto culturale, economico e sociale per aree segnate da secoli di marginalità.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... proteggere la terra non...
Continua...
La Diversità della Vita

Uscito all'inizio degli anni novanta con il titolo "la diversità della vita" e ormai considerato un classico,...
Continua...
Tutti per La Terra

la terra su cui viviamo ci offre tutto quello di cui abbiamo bisogno. ma sappiamo davvero come funziona?...
Continua...
 
21 Maggio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità