Louisiana, la Marea Nera che non si arresta

Quello della Louisiana, rischia di diventare il più grande disastro ambientale causato dall’uomo nella storia. La marea nera avanza a ritmo incessante nel Golfo del Messico e le idee sui rimedi per fermare la mole di petrolio che sta continuando a fuoriuscire dalla petroliera esplosa il 22 aprile scarseggiano. La situazione è critica. Obama dichiara lo stato di emergenza, la British Petroleum invita i cittadini a proporre soluzioni.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Virginia Greco

esplosione petrolio piattaforma
La piattaforma petrolifera BP Deepwater Horizon è sprofondata nel Golfo del Messico lo scorso 22 aprile a seguito di un’esplosione
“Chiunque ritenga di avere una buona idea per risolvere il problema, per favore ci scriva”: a corto di proposte brillanti - e sentendo sul collo il fiato del mondo intero angosciato dall’incubo marea nera -, la British Petroleum (BP) cala il velo di riservatezza riguardo agli studi di possibili soluzioni e, di fatto, chiede aiuto. Casella di posta elettronica e numero verde sono a disposizione di tutti gli uomini di buona volontà e soprattutto ingegno fine. “Accettiamo qualsiasi tipo di aiuto”, ha detto il direttore Doug Suttles, evidentemente deluso dall’insuccesso dell’ultima soluzione tentata: la calotta di contenimento.

La piattaforma petrolifera BP Deepwater Horizon è sprofondata nel Golfo del Messico lo scorso 22 aprile a seguito di un’esplosione che ha provocato ben tre fratture nelle tubature, cosicché da ormai quasi un mese ben 5 mila barili di petrolio (pari a 800 mila litri) si riversano in acqua ogni giorno e l’immensa macchia nera si allarga e si appropinqua sempre di più alle coste degli Stati Uniti.

A parte l’immenso spreco di petrolio - il prezioso oro nero che è causa e origine di guerre devastanti e complessi rapporti di potere a livello mondiale - questo incidente (non il primo nel suo genere, come noto) rischia di trasformarsi nella più grande catastrofe ecologica causata dall’uomo nella storia. L’ecosistema del Golfo del Messico sarà gravemente compromesso per moltissimo tempo: “Fra gli effetti sulle coste e quelli sui fondali ci vorranno almeno 50 anni per riprendersi dalla catastrofe”, afferma Silvio Greco, dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra).

Gli Stati Uniti hanno da giorni dichiarato lo stato di emergenza e hanno messo in campo tutte le forze a disposizione, incluso l’esercito. Inoltre, il Presidente Barack Obama ha commissionato un’inchiesta per determinare le cause dell’incidente e pretende di avere i risultati entro trenta giorni. Ma il vero problema è arrestare l’avanzata della marea nera verso le coste nonché bloccare la fuoriuscita di greggio, entrambe faccende a tutt’oggi per nulla risolte.

Vari i tentativi fatti, ma i risultati sono stati scarsi, di conseguenza adesso si ipotizzano le soluzioni più varie e bizzarre. Per difendere le coste sono state poste barriere artificiali, fatte per lo più con sacchi di terra e sabbia, ma ora si parla di utilizzare anche balle di fieno. Addirittura qualcuno propone di raccogliere capelli presso i saloni dei parrucchieri, in quanto essi sarebbero in grado di assorbire il petrolio ma non l’acqua.

piattaforma petrolifera
Gli Stati Uniti hanno da giorni dichiarato lo stato di emergenza e hanno messo in campo tutte le forze a disposizione, incluso l’esercito
Il governatore della Louisiana, Bobby Jindal, dal canto suo ha proposto un progetto ben più ambizioso, ossia quello di realizzare una barriera di isole artificiali a largo della costa. Varrebbe a dire collegare le strisce di terre emerse già esistenti tramite terreno prelevato dal fondale del Mississipi, che dovrebbe essere appositamente dragato. L’idea non appare malvagia, ma per essere realizzata necessita di un tempo e di costi non indifferenti, senza contare che occorrerebbe valutare opportunamente l’impatto idrogeologico e ambientale sul fiume (che non è trascurabile!).

Altri rimedi, come la consumazione del petrolio tramite uso di solventi e di incendi controllati, si sono dimostrati piuttosto efficaci, ma molto lenti. In particolare, per appiccare fuoco è necessario che le acque siano calme e che non ci sia vento, circostanze che dal giorno dell’incidente ad oggi si sono verificate di rado. Il quantitativo di greggio così eliminato ammonta a quello che viene immesso in acqua mediamente in meno di due giorni: ben poca roba, dunque.

Per contenere e circoscrivere il petrolio all’area dell’incidente, la British Petroleum ha deciso di calare una cupola di acciaio (del peso di 78 tonnellate) nell’Oceano intorno alla piattaforma precipitata, per poi aspirare il greggio. Ma, poco dopo la deposizione dell’immenso scudo, petrolio e gas si sono cristallizzati per la bassa temperatura, ostruendo il condotto dal quale sarebbero stati poi aspirati.

La sfida principale ad ogni modo è l’arresto della fuoriuscita, ossia la chiusura delle falle nelle tubature. Anche su questo piano oramai le idee scarseggiano. Al momento si sta pensando alla possibilità di pompare spazzatura plastica (come pezzi di pneumatici e palle da golf) nella condotta rotta al fine di intasarla e bloccare la perdita. L’idea appare piuttosto peregrina, eppure a proporla è stato Thad Allen, comandante della Guardia Costiera Americana, al quale Obama ha affidato la responsabilità del coordinamento dei lavori per il contenimento del disastro in atto.

Ovviamente questa terribile vicenda riaccende il dibattito riguardo alla recente decisione del Presidente degli Stati Uniti di dare il via a nuove trivellazioni nei fondali dell’Atlantico alla ricerca di petrolio “nazionale”, al fine di liberarsi sempre più dalla dipendenza estera. Gli ambientalisti avevano già protestato, invitando il Governo ad investire quel denaro piuttosto nello sviluppo delle fonti energetiche alternative. Ma in attesa che solare, eolico e – ahi noi! – nucleare siano in condizioni di offrire il sostentamento a tutti gli USA, Obama ha ritenuto indispensabile procedere con gli scavi.

barack obama
Dopo l'incidente Obama ha deciso di arrestare momentaneamente le riceche di aree da poter trivellare
Dopo un’iniziale fermezza su questo punto, con il passare dei giorni dopo l’incidente e il crescere dell’inquietudine dei cittadini, il Presidente ha deciso di arrestare momentaneamente le procedure e di stabilire che si svolgano delle indagini dettagliate: ciò al fine di verificare in quali aree si possa trivellare senza troppi rischi e, soprattutto, di comprendere quali siano state le vere cause dell’incidente alla Deepwater Horizon. La comprensione delle ragioni che hanno determinato il malfunzionamento e l’esplosione, infatti, potrebbero consentire di porre precauzioni preventive nelle altre strutture off-shore ed evitare, quindi, che qualcosa del genere possa mai riaccadere.

Che questa vicenda faccia prendere ancora più coscienza di come la via del petrolio debba essere abbandonata, a favore di approvvigionamento da fonti energetiche pulite e rinnovabili? Questo resta da vedere, ad ogni modo nel frattempo occorre continuare a far fronte al disastro ambientale in corso, il cui arresto appare ancora lontano dall’essere determinato. Il ricco ecosistema dei fondali del Golfo del Messico vede ogni giorno ridursi le possibilità di sopravvivere.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Petrolio Shock

Andiamoci cauti con l'iran. perché la situazione è molto più complicata di come ce la dipingono i media. e su...
Continua...
Petrolio

Un noto giornalista del finacial times, esperto di problemi energetici, fornisce informazioni indispensabili...
Continua...
Petrolio e Dopo?

Per tutto il xx secolo gli allarmi sulla fine del petrolio sono stati lanciati con cadenza regolare: già...
Continua...
Che fine ha fatto il petrolio?

Nell'economia globale, le distanze sono calcolate in dollari. Se il petrolio costa poco, non importa...
Continua...
18 Maggio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità