Biodiversità, allarme Onu: "Risultati scoraggianti"

Il Global Biodiversity Outlook avverte che gli obiettivi di salvaguardia della biodiversità fissati per il 2010 saranno ampiamente disattesi. Tra il 1970 e il 2006 si è ridotta di un terzo la varietà dei vertebrati (mammiferi, uccelli, anfibi, rettili e pesci). A rischio anche un quarto delle specie vegetali, colpa dell'inquinamento, dei cambiamenti climatici, delle modifiche degli habitat, dell’eccessivo sfruttamento delle colture e dell'introduzione di specie non autoctone.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Lucia Cuffaro

biodiversita terzo rapporto
Nell’Anno Internazionale della Biodiversità (2010) i risultati della Global biodiversity outlook 3 (Gbo), il terzo rapporto della Convention on Biological Diversity, sono a dir poco scoraggianti
Nell’Anno Internazionale della Biodiversità (2010) i risultati della Global biodiversity outlook 3 (Gbo), il terzo rapporto della Convention on Biological Diversity, sono a dir poco scoraggianti.

Adottata a Nairobi in Kenya, il 22 maggio 1992, e aperta alla firma dei paesi durante l’Earth Summit di Rio de Janeiro nel giugno 1992, la Convenzione rappresenta un protocollo d’intesa, con il quale i leader mondiali si sono accordati per promuovere una strategia globale per la conservazione della diversità biologica, l'uso sostenibile delle sue componenti e la giusta ed equa ripartizione dei vantaggi derivanti dall'utilizzo delle risorse genetiche. A oggi è stata ratificata da 192 paesi, in Italia nel 1994 con la legge 124.

La biodiversità, o diversità biologica, è definita dalla Convenzione sulla Diversità Biologica come “la variabilità fra organismi viventi di qualunque origine, inclusi, tra l'altro, quelli terrestri, marini e gli altri ecosistemi acquatici e i complessi ecologici dei quali questi sono parte; questo comprende la diversità all'interno di una specie, tra le varie specie e degli ecosistemi”. Una varietà biologica frutto di bilioni di anni di evoluzione dovuta a naturali processi e, in modo crescente, all'influenza dell’attività umana.

Gli scienziati calcolano che ci possano essere approssimativamente 13 milioni di specie sulla terra. Il rischio di estinzione di molte di queste ha portato, nell'aprile 2002, all’accettazione entro il 2010 da parte di tutti gli stati firmatari, di un piano strategico per la significativa riduzione del tasso attuale di perdita di biodiversità, a vantaggio di tutta la vita sulla terra. Questo obiettivo è stato poi approvato dal Vertice mondiale sullo Sviluppo sostenibile (il Summit "Rio+10") a Johannesburg, sempre nel 2002 e dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite. È stato anche incorporato tra gli obiettivi delineati nel Millennium Development Goals–Ensure Environmental Sustainability.

Ma anche se la difesa della biodiversità rappresenta quindi una preoccupazione globale, la terza edizione del Gbo conferma che i governi in tal senso hanno fallito. Nessuna delle misure definite dal piano d'azione per il raggiungimento dell'Obiettivo biodiversità 2010 è stata raggiunta in maniera definitiva, sebbene in alcuni stati lo sia stato parzialmente.

biodiversita uomo natura
“Le conseguenze di questo fallimento collettivo, se non sarà rapidamente corretto, saranno gravi per tutti noi"
“Le conseguenze di questo fallimento collettivo, se non sarà rapidamente corretto, saranno gravi per tutti noi. La biodiversità è alla base del funzionamento degli ecosistemi dai quali noi dipendiamo per cibo e acqua fresca, salute e ricreazione, e protezione dalle calamità naturali. La sua perdita ci colpisce anche culturalmente e spiritualmente. Questa può essere più difficile da quantificare, ma è nondimeno fondamentale per il nostro benessere” scrive Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni Unite nel documento prodotto dalla Convenzione.

Il rapporto della Cbd, che si basa sulle valutazioni della letteratura scientifica e sulle analisi degli indicatori della biodiversità condotta da un team di scienziati ed esperti nominati da governi degli Stati firmatari, organismi internazionali e Ong, mostra tendenze sfavorevoli per la biodiversità:

- Le specie già in pericolo sono mediamente più a rischio di estinzione. Gli anfibi affrontano il rischio maggiore, mentre lo stato delle specie di coralli è quello che si deteriora più rapidamente. Quasi un quarto delle specie vegetali censite va verso la scomparsa.

- L'abbondanza di specie di vertebrati (mammiferi, uccelli, anfibi, rettili e pesci), sulla base delle popolazioni valutate, è sceso quasi di un terzo tra il 1970 e il 2006 e continua a diminuire a livello mondiale, con perdite particolarmente forti soprattutto nelle zone tropicali e tra le specie di acqua dolce.

- Gli habitat naturali in molte parti del mondo continuano a diminuire, anche se vi sono stati progressi significativi nel rallentamento del tasso di perdita per le foreste tropicali e le mangrovie, in alcune regioni. Le zone umide d'acqua dolce, gli habitat dei ghiacciai marini, le paludi salate, le barriere coralline, la vegetazione sottomarina e le popolazioni di molluschi e di crostacei sono tutti minacciati dall’estinzione.

- Anche l’ampia frammentazione e il degrado delle foreste, dei fiumi e degli altri ecosistemi hanno portato alla perdita di biodiversità e dei servizi ecosistemici.

- La diversità genetica delle specie coltivate e allevate continua a declinare nei sistemi agricoli.

- Le cinque principali pressioni che conducano direttamente alla perdita di biodiversità (cambiamento di habitat, eccessivo sfruttamento, inquinamento, introduzione di specie non autoctone e cambiamenti climatici) sono costanti o stanno accrescendo la loro intensità.

- L'impronta ecologica dell'umanità è superiore alla capacità biologica della terra da un più ampio margine rispetto al momento in cui è stato fissato l'obiettivo del 2010.

“Stiamo perdendo biodiversità a un ritmo mai visto nella storia, il tasso di estinzione delle specie è mille volte più alto del normale” spiega Ahmed Djoghlaf, segretario esecutivo della Convenzione sulla diversità biologica. “Se i mercati azionari mondiali avessero avuto le stesse perdite che sta subendo la natura, ci sarebbe il panico e sarebbe già stato deciso un piano d'intervento” prosegue Djoglaf.

mare specie biodiversita estinzione
“Stiamo perdendo biodiversità a un ritmo mai visto nella storia, il tasso di estinzione delle specie è mille volte più alto del normale”
Le uniche note positive sono la mobilitazione internazionale di risorse per il monitoraggio delle specie, le politiche per la protezione della biodiversità, come la creazione di ulteriori aree protette (sia a terra sia in acque costiere), e le iniziative per affrontare alcune delle cause dirette dei danni all’ecosistema.

I risultati del rapporto saranno la base di discussione del Summit Internazionale Convenzione sulla Biodiversità (CBD) in programma a Nagoya, in Giappone, nel mese di ottobre, che dovrà riprogrammare il nuovo piano d’azione, con una visione globale a lungo termine affiancata da una missione a breve/medio termine, con obiettivi misurabili, realizzabili e limitati nel tempo e basati su valutazioni scientifiche.

Concludiamo con un estratto del discorso di accettazione pronunciato da Wangari Maathai, durante la consegna del Nobel per la pace, vinto nel 2004 grazie al suo lavoro per l'ambiente e i diritti della donna.

“Le attività che devastano l'ambiente e le società continuano a non diminuire. Oggi ci troviamo di fronte a una sfida che richiede un cambiamento nel nostro modo di pensare, così che l'umanità smetta di minacciare il suo sistema di supporto alla sopravvivenza. Siamo chiamati ad assistere la terra per guarire le sue ferite {…} e ad abbracciare la creazione intera in tutta la sua diversità, bellezza e meraviglia. Ciò accadrà se noi vedremo la necessità di rianimare il nostro senso di appartenenza a una più grande famiglia, con la quale abbiamo condiviso il nostro processo evolutivo”.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
La Diversità della Vita

Uscito all'inizio degli anni novanta con il titolo "la diversità della vita" e ormai considerato un classico,...
Continua...
Tutti per La Terra

la terra su cui viviamo ci offre tutto quello di cui abbiamo bisogno. ma sappiamo davvero come funziona?...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... proteggere la terra non...
Continua...
Il Professor Varietà

Senza diversità? non c'è varietà! in collaborazione con il wwf italia, nell'ambito dei progetti educativi del...
Continua...
14 Maggio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità