Il futuro delle balene: tra caccia e inquinamento

Per la Commissione baleniera internazionale, la caccia commerciale alle balene dovrebbe divenire legale per Giappone, Norvegia e Islanda. Intanto una chiazza tossica ha fatto una strage di 300 cuccioli di balena australe a largo dell’Argentina. Le minacce per il più grande mammifero della Terra si fanno più consistenti.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Elisabeth Zoja

balene morte commercio inquinamento
L'intossicazione delle acque e la caccia commerciale sono le due maggiori cause di morte per le balene
Il più grande mammifero della Terra è ormai minacciato su due fronti: dall’intossicazione delle acque del Golfo Nuevo (lungo la costa argentina), che ha causato la morte di 300 piccoli negli ultimi tre anni, e dalla caccia commerciale alle balene che potrebbe venire presto legalizzata per Giappone, Norvegia e Islanda.

Il progetto di legalizzazione è stato proposto dalla Commissione baleniera internazionale (Iwc) e riguarda i prossimi dieci anni. Il motivo sarebbe tenere sotto controllo le quote di pesca stabilendo un limite annuale per ciascuno dei tre paesi.

Per il Giappone, ad esempio, che ogni anno pesca 760-930 balene tra Antartico e Pacifico, è prevista una quota di 530 balene annuali per i prossimi cinque anni (cifra che dovrebbe venire dimezzata nel quinquennio successivo). Grazie alle proteste ambientaliste però, le ultime cacciate giapponesi si sono fermate a 507 balene, un numero dunque inferiore a quello previsto dall’Iwc.

La proposta di legalizzazione non è ancora stata approvata, verrà messa al voto a fine giugno ad Agadir (in Marocco), in occasione della riunione annuale degli 88 Stati membri della Commissione.

chubut argentina balena australe
Le coste della provincia del Chubut sono abitate da una delle ultime colonie di balena australe del mondo
Australia e Nuova Zelanda si sono già opposte a qualsiasi forma di legalizzazione. “Il governo australiano resta decisamente contrario alla pesca commerciale e alla pesca ‘pseudo-scientifica”, ha dichiarato il ministro dell’Ambiente Peter Garrett. Mentre Islanda e Norvegia dichiarano apertamente gli scopi commerciali della caccia, il Giappone assicura di pescare centinaia di balene l’anno esclusivamente a fini scientifici.

Se da un lato la sola caccia giapponese sottrae al mare centinaia di balene, recentemente anche l’intossicazione delle acque ha fatto la sua parte. Negli ultimi tre anni 300 “cuccioli” di balena (raggiungono gli otto metri) sono stati trovati morti lungo le coste argentine. Sempre la Commissione baleniera internazionale ha recentemente lanciato un’indagine per scoprire la causa di questo massacro.

Già nel 2007 la balena australe (una specie quasi estinta nell’emisfero settentrionale e dunque protetta dal 1935) aveva registrato la maggiore mortalità da oltre trent’anni. Nell’autunno scorso è stato poi trovato nel Golfo Nuevo un numero particolarmente alto di cuccioli morti probabilmente a causa di un’intossicazione.

“A ottobre e novembre vi fu una marea rossa molto intensa nel Golfo Nuevo”, spiega il biologo Mariano Sironi, direttore scientifico dell’Istituto di Conservazione delle Balene, una delle organizzazioni che integrano il Programma di Monitoraggio Sanitario della balena australe.

Questo programma è stato realizzato da tre ong nella provincia di Chubut, che si affaccia sul Golfo Nuevo, dove si trova una delle più grandi colonie di balena australe del mondo.

giappone pesca fini scientifici
Il Giappone assicura di pescare centinaia di balene l'anno esclusivamente per fini scientifici
Le cinque mila balene che la compongono sono dunque a rischio di intossicazione? Cos’è tale “marea rossa” che le minaccia?

Secondo Sironi le tossine che danno origine a questa marea possono essere letali per uccelli e mammiferi che si alimentano di molluschi intossicati.

Inoltre “il Golfo Nuevo si trova davanti alla città di Puerto Madryn [nella provincia di Chubut], il cui sobborgo, El Doradillo, possiede una stazione di trattamento di affluenti che sboccano nel mare”, scrive il giornale brasiliano Terramérica. Che questi affluenti abbiano qualcosa a che fare con l’intossicazione delle balene? “Non ci risulta che i cuccioli si siano alimentati in questa area.

Ma può essere che le madri dei cuccioli abbiano trasmesso le tossine attraverso il latte” ha spiegato la veterinaria Marcela Uhart, co-direttrice del Programma di Monitoraggio, che compie le necropsie.

Al contrario dei cuccioli, le madri sono costrette ad avvicinarsi alle coste durante il periodo di riproduzione, che va da maggio a dicembre (attirando così migliaia di turisti all’anno).

Sono dunque due i pericoli che minacciano il più grande mammifero della Terra. Mentre le balene australi sono colpite dall’intossicazione, tante altre specie dovranno probabilmente affrontare la caccia legalizzata. Due fenomeni ben diversi, ma entrambi di origine umana che, dal Pacifico all’Atlantico fino ad arrivare all’Antartico, compromettono il futuro delle balene.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Balene del Pacifico - CD

Dolci balene danzano intorno alla barca ed il vento stuzzica le vele, un viaggio mistico attraverso...
Continua...
Balene e Delfini - CD

La balena, enorme creatura vivente allungata come un promontorio negli abissi dorme e nuota e sembra un'isola...
Continua...
11 Maggio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Tao della Biologia

«È l’uomo che deriva dalla scimmia o la scimmia che deriva dall’uomo?» Il...
Continua...
La Biologia delle Credenze - Nuova Edizione 2007

Vincitore del Premio Best Science Book, Best Books 2006, Awards Bruce Lipton dimostra che ciò in cui...
Continua...
Diventa Vegan in 10 Mosse

Vegan è chi sceglie di escludere completamente dalla propria alimentazione, dall'abbigliamento e dalla cura...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?Come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
Senza Latte e Senza Uova

Uova, latte e derivati: un gruppo di alimenti che compaiono, a volte in abbondanza e troppo spesso, in...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Tiziano Terzani: hai mai sentito gli urli di un macello?
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità