La Conferenza di Cochabamba in difesa dei Diritti della Madre Terra

La Conferenza Mondiale dei Popoli sul Cambiamento Climatico e i Diritti della Madre Terra, tenutasi ad aprile in Bolivia, ha risposto al vertice di Copenaghen sul clima redigendo la Dichiarazione Universale dei Diritti della Madre Terra e chiedendo l’istituzione di un Tribunale Internazionale per la giustizia climatica e ambientale e la creazione di un nuovo sistema economico globale.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Laura Pavesi

Evo Morales Ayma presidente Bolivia
Il presidente boliviano Evo Morales Ayma (Foto: ABI)
“Oggi, la Madre Terra è ferita e il futuro dell’umanità è in pericolo” (“Hoy, nuestra Madre Tierra está herida y el futuro de la humanidad está en peligro”): con queste parole si è aperta la dichiarazione finale della Conferencia Mundial de los Pueblos sobre el Cambio Climático y los Derechos de la Madre Tierra che si è svolta a Cochabamba e a Tiquipaya, in Bolivia, dal 19 al 22 aprile 2010. Fortemente voluta dal presidente boliviano Evo Morales Ayma quale risposta dei paesi in via sviluppo alla Conferenza delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico tenutasi a Copenhagen nel dicembre 2009, la conferenza ha visto la presenza di popoli indigeni e originari provenienti da tutto il mondo, scienziati ed esperti, governi e istituzioni, attivisti e di tutti coloro che sono impegnati nella difesa del nostro pianeta - tra gli altri anche Adolfo Pérez Esquivel, Vandana Shiva, Miguel D’Escoto, Naomi Klein e François Houtard.

Il convegno internazionale boliviano, al quale hanno partecipato più di 200.000 persone, ha dichiarato “illegittimo” il documento conclusivo della Conferenza di Copenhagen (il cosiddetto Copenhagen Accord), perché permette ai paesi industrializzati - cioè a coloro che continuano ad inquinare il pianeta - di contrattare la riduzione di emissioni nocive ricorrendo ad impegni volontari e non vincolanti.

La Conferenza di Cochabamba, in maniera condivisa, ha ritenuto inaccettabile il principio che un gruppo ristretto di paesi prenda decisioni su temi come il clima e l’ambiente, che interessano tutti i popoli della terra. I partecipanti hanno risposto al summit di Copenhagen con la stesura dell’Accordo dei Popoli (Acuerdo del los Pueblos ), il documento finale che contiene tutte le proposte condivise emerse dai 17 gruppi di lavoro, e con la redazione della Dichiarazione Universale dei Diritti della Madre Terra.

L’Accordo dei Popoli parte dal presupposto che, per poter affrontare il problema del cambiamento climatico, è necessario “riconoscere la Madre Terra come fonte di vita e creare un nuovo sistema basato sui principi di : armonia ed equilibro di tutti con il tutto; complementarietà, solidarietà ed equità; benessere collettivo e soddisfazione dei bisogni fondamentali di tutti, in armonia con la Madre Terra; rispetto dei Diritti della Madre Terra e dei Diritti Umani; riconoscimento dell’essere umano per ciò che è e non per ciò che ha; abolizione di ogni forma di colonialismo, imperialismo ed interventismo; pace tra i popoli e con la Madre Terra”.

conferenza cochabamba 2010
La Conferenza di Cochabamba, in maniera condivisa, ha ritenuto inaccettabile il principio che un gruppo ristretto di paesi prenda decisioni su temi come il clima e l’ambiente, che interessano tutti i popoli della terra (Foto: ABI)
Tra le istanze contenute nell’Accordo dei Popoli, che i paesi in via di sviluppo indirizzano all’ONU e ai paesi industrializzati, spiccano :

- il riconoscimento del debito climatico dei paesi ricchi verso i paesi più poveri e il riconoscimento di tale debito climatico come parte di un debito più grande che essi hanno contratto con la Madre Terra;

- l’assunzione di responsabilità, da parte dei paesi industrializzati, delle centinaia di milioni di esseri umani che sono e saranno costretti a migrare a causa del cambiamento climatico;

- il ripensamento dell’agricoltura come produzione sostenibile ed ecologica, secondo i modelli contadini e indigeno-originari, e la tutela della sovranità alimentare, intesa come diritto dei popoli al controllo delle proprie sementi, terre, acque e produzioni alimentari in armonia con la Madre Terra;

- la creazione di un tribunale internazionale per la giustizia climatica e ambientale, al quale partecipino tutti i paesi membri dell’ONU, nessuno escluso;

- la promozione di un referendum mondiale (o plebiscito o consulta popolare) sul cambiamento climatico, nel quale tutti i popoli della terra vengano ascoltati e presi in considerazione, affinché le soluzioni al problema siano condivise.

Ora, l’Accordo dei Popoli è stato appena consegnato alle Nazioni Unite e, nelle prossime settimane, verrà trasmesso anche al governo spagnolo, in quanto presidente di turno dell’Unione Europea. Evo Morales Ayma, accompagnato da una delegazione formata da esperti dei cinque continenti che hanno partecipato alla Conferenza di Cochabamba, ha consegnato a Ban Ki-Moon anche la Dichiarazione Universale dei Diritti della Madre Terra, chiedendone l’applicazione in tutti i trattati internazionali. In essa si richiamano, tra gli altri, i seguenti diritti inviolabili della terra:

- il diritto di vivere e di esistere;

- il diritto di essere rispettata;

- il diritto di rigenerasi secondo la propria bio-capacità e di continuare a farlo secondo i propri cicli e processi vitali, libera da manipolazioni umane;

- il diritto di mantenere la propria identità ed integrità, costituita da esseri viventi tra loro differenziati, auto-regolamentati e inter-dipendenti tra loro;

- il diritto all’acqua in quanto fonte di vita;

- il diritto all’aria pulita;

- il diritto alla salute globale;

- il diritto di essere libera da avvelenamento e inquinamento, da rifiuti tossici e radioattivi.

- il diritto di non essere modificata geneticamente né alterata nella propria struttura, di non subire minacce alla propria integrità o al proprio funzionamento vitale e alla propria salute;

- il diritto ad un risarcimento totale ed immediato dei danni causati dalle attività umane in violazione dei diritti contenuti nella presente Dichiarazione.

Il summit boliviano ha ribadito, inoltre, che la priorità assoluta della prossima Conferenza delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico (UNFCCC-COP16), che si svolgerà a Cancún dal 29 novembre al 10 dicembre 2010, dovrà essere la rettifica del protocollo di Kyoto per il periodo 2013-2017, che obbliga i paesi sviluppati a ridurre le emissioni inquinanti di almeno il 50% rispetto ai livelli dell’anno-base 1990.

A conclusione dei lavori, Evo Morales Ayma ha anche dichiarato: “Siamo di fronte ad una battaglia epocale: dobbiamo persuadere i governi dei paesi industrializzati che devono farsi carico della problematica del clima. Se non saremo ascoltati, in ultima istanza, dovremo organizzarci su scala mondiale, per ottenere che le decisioni dei governi e dei popoli di tutto il mondo, nessuno escluso, siano ascoltate e rispettate”.

Per questo motivo, tutte le realtà presenti a Cochabamba si sono date appuntamento in Messico a fine anno, per monitorare da vicino i lavori del COP16 e per riaffermare le istanze contenute nell’Accordo dei Popoli, consapevoli che si tratterà di un passaggio cruciale nel cammino verso la giustizia climatica.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Cronache da una Catastrofe

Elizabeth kolbert, editorialista della rivista the new yorker, ha passato gli ultimi due anni a rincorrere...
Continua...
Clima: Istruzioni per l'Uso

C'è chi del cambiamento climatico ha una percezione molto precisa e si sta da tempo attrezzando per farvi...
Continua...
10 Maggio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Il Mondo Secondo Monsanto

Monsanto è leader mondiale nella produzione degli organismi geneticamete modificati (ogm) ed è una delle...
Continua...
Vivere i Cambiamenti Climatici

I cambiamenti climatici in atto su tutto il pianeta rimarranno ancora a lungo. da dove vengono? qual è la...
Continua...
Breve Storia Del Clima

In che modo il riscaldamento globale potrebbe influenzare la nostra vita? è questa la causa dell'alternarsi...
Continua...
Notizie da un Pianeta Rovente

L'effetto serra è un conto aperto che l'umanità ha col proprio futuro. ne vediamo le conseguenze nei forti...
Continua...
Manuale di Sopravvivenza alla Fine del Petrolio

Un'approfondita riflessione e un manuale ricco di suggerimenti e proposte concrete per modificare il nostro...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
E se succedesse alla tua casa?
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità