WWF

L'Europa combatte il commercio di legname illegale

Ieri, 4 maggio, 49 dei 68 membri della Commissione Ambiente del Parlamento Europeo hanno votato perché in Europa venga vietato il commercio di legname raccolto illegalmente e prodotti derivati e per garantire la trasparenza dei prodotti del legno lungo tutta la filiera produttiva.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

commercio illegale legname
“Il Parlamento ha dato un segnale forte, ribadendo con fermezza che è il momento di agire e di fare scelte responsabili, in linea con le esigenze di tutela e conservazione delle risorse naturali”
“Il Parlamento ha dato un segnale forte, ribadendo con fermezza che è il momento di agire e di fare scelte responsabili, in linea con le esigenze di tutela e conservazione delle risorse naturali” – ha detto Massimiliano Rocco, responsabile TRAFFIC e Timber Trade del WWF Italia –. “Dobbiamo riuscire a rendere illegale l’importazione e il commercio in Europa di legname raccolto illegalmente. Per questo, occorre promuovere un sistema di controlli che dia a tutti i cittadini europei la certezza di acquistare prodotti legali, che non provengono da processi di deforestazione.

“Per il 93% dei cittadini europei intervistati per un sondaggio nel 2009” – continua Massimiliano Rocco del WWF Italia – “è importante che legname e prodotti derivati venduti in Europa siano prodotti e commercializzati in maniera legale. Dopo anni di ritardi è ora che le istituzioni europee rispondano in maniera adeguata a questa richiesta e si assicurino che l’Europa faccia la propria parte per combattere il commercio di legname illegale sul proprio mercato e per contribuire alla tutela delle foreste entro i propri confini o all’estero. Oggi possiamo ancora intervenire per invertire la tendenza distruttiva attuale e conservare per le generazioni future le ultime foreste naturali del nostro pianeta e contribuire ad arrestare i cambiamenti climatici.

Dopo il successo di ieri, 4 maggio, il WWF chiede al resto del Parlamento Europeo e ai Ministri dell’Agricoltura di raggiungere un accordo sulla legislazione più efficace per combattere attività illegali nel settore del legno e per proteggere le foreste, la biodiversità e le comunità locali in tutto il mondo.

5 Maggio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
La 62ma edizione della Commissione baleniera internazionale (IWC) si è conclusa, lo scorso 25 giugno, senza un accordo concreto tra i Governi sulla caccia alle balene. Questa tendenza alla mancata tutela del nostro ambiente marino deve essere invertita, o tutti, non solo i paesi che vivono di pesca e caccia alle balene, saranno in difficoltà come gli oceani che si svuotano.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità