Mondiali Sudafrica 2010: tutti in campo contro il traffico di bambini

“Mondiali Sudafrica 2010: tutti in campo contro il traffico di bambini”. Con questo slogan ha preso il via la campagna di sensibilizzazione per ostacolare il fenomeno dello sfruttamento e del turismo sessuale a discapito di minori in occasione dei Mondiali di calcio in Sudafrica.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Lucia Cuffaro

mondiali sudafrica
Mondiali di calcio 2010 in Sudafrica: per milioni di individui sarà un’occasione festosa, ma per migliaia di bambini africani sarà un incubo
Mondiali di calcio 2010 in Sudafrica: per milioni di individui sarà un’occasione festosa e aggregativa, per gioire e a volte soffrire per la propria nazione, ma per migliaia di bambini africani, che sono vittime del traffico di minori e dello sfruttamento sessuale, sarà solamente un incubo.

Per questo, due organizzazioni internazionali che si occupano della difesa dei diritti dei più piccoli, Terre des Hommes ed ECPAT, hanno lanciato la campagna nazionale “Sudafrica 2010: tutti in campo contro il traffico di bambini” allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e in particolare tutti i tifosi, che assisteranno alle partite dei Mondiali, sul tema della vulnerabilità dei bambini rispetto alle diverse forme di sfruttamento e di abuso all’infanzia.

In occasione dei Mondiali di calcio 2010 che si terranno in nove città sudafricane dall’11 giugno all’11 luglio, è previsto, infatti, l’arrivo di circa 2,7 milioni di spettatori, di cui tra i 350.000 ai 500.000 di supporters stranieri.

Terre des Hommes, ONG che opera in 72 paesi con 1.164 progetti per la difesa dei diritti dell'infanzia nei Paesi in via di sviluppo e contro il fenomeno della tratta dei bambini, segnala che già da alcuni mesi il trasferimento di minori e adolescenti senza accompagnatori da Stati limitrofi come Zambia, Zimbawe e il Mozambico verso il Sudafrica, è notevolmente aumentato, con ogni probabilità in previsione delle “opportunità” offerte dai futuri Mondiali. Ogni anno le vittime della tratta globale di persone, terzo mercato al mondo più redditizio dopo quello delle armi e della droga, sono circa 2.700.000, dei quali 80% sono bambini, trafficati per essere ridotti in schiavitù per eseguire lavori pesanti o nella maggior parte dei casi (il 79%) per sfruttamento sessuale.

Il Sudafrica è una tra le mete più richieste per il turismo del sesso, assieme a Gambia, Kenya, e Marocco. Sono 15.857 le violenze documentate in un anno sui bambini in Sudafrica, circa cioè 40 al giorno.

Secondo ECPAT, la rete internazionale di organizzazioni impegnate nella lotta al fenomeno della prostituzione infantile, della violenza sessuale su minori, con status consultivo presso il Consiglio Economico e Sociale dell’ONU, esiste un fondato pericolo che la richiesta di sesso con minori aumenti in concomitanza con lo svolgimento della competizione calcistica, preoccupazione condivisa anche da funzionari di alto livello sudafricani e organizzazioni locali, che nei mesi scorsi, hanno lanciato l’allarme.

campagna turismo sessuale
In Italia, la campagna nazionale “Sudafrica 2010: tutti in campo contro il traffico di bambini” ha un forte approccio partecipativo
In Italia, la campagna nazionale “Sudafrica 2010: tutti in campo contro il traffico di bambini” ha un forte approccio partecipativo perché coinvolge società civile, istituzioni e mondo dello sport attraverso tre differenti mezzi di comunicazione: televisione, stampa, web. Uno spot tv, presentato lo scorso 22 aprile, verrà trasmesso fino alla fine dei Mondiali da molte trasmissioni Rai dedicate allo sport e all’attualità, grazie al patrocinio del Segretariato Sociale Rai e del Ministero del Turismo.

Saranno poi periodicamente pubblicate inserzioni e annunci della campagna su quotidiani e periodici, grazie all’assegnazione gratuita degli spazi da parte di alcune concessionarie pubblicitarie. Su internet tantissimi portali e blog stanno contribuendo alla diffusione dell’iniziativa grazie a banner fissi e animazioni flash per web che rimandano al sito www.tuttincampoperibambini.it.

Per coinvolgere anche il popolo Facebook, l’organizzazione ha lanciato in una pagina dedicata invitando tutti i tifosi di calcio e ad aderire con creatività inviando una foto in cui si è ritratti con la maglietta, la sciarpa, il gagliardetto o il cappellino della squadra del cuore e con almeno una di queste due frasi: “Io tifo per i bambini” e “Tutti in campo per i bambini” . Un’iniziativa sostenuta anche da tifoserie e squadre italiane come l’Associazione Udinese Club, la Salernitana, il Torino, il Cesena e la Fiorentina che durante i match hanno esposto striscioni legati alla campagna. Basta un semplice scatto e un click del mouse per manifestare la propria passione per il calcio, dicendo no al turismo sessuale!

5 Maggio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
LINK ESTERNI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità