Delta del Niger, il programma di disarmo fallisce sul nascere

Le autorità di Abuja hanno messo a punto un programma per il disarmo e la riabilitazione dei guerriglieri del Delta del Niger. Un progetto votato al fallimento e troppo sbilanciato verso le attività di disarmo a scapito di una progettualità che permetta il reinserimento degli irregolari nella società.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

di Romina Arena

nigeria sabotaggi guerriglieri
E' stato messo a punto un programma per il disarmo e la riabilitazione dei guerriglieri del Delta del Niger
Nel quadro del programma di amnistia per il disarmo e la riabilitazione dei ribelli del Delta del Niger, il Governo ha promesso a questi ultimi una pensione, l’accesso al microcredito e corsi di formazione professionale. Pur riconoscendo il netto calo degli episodi di violenza e dei sabotaggi alle condutture di greggio; pur essendo diminuito il volume delle armi in circolazione, tuttavia si registra un sostanziale mantenimento della statistica per quanto riguarda i fenomeni di criminalità legati al furto di petrolio.

Il programma di amnistia prevedrebbe che i miliziani dei gruppi ribelli depongano armi nei centri di raccolta appositamente costituiti, che si iscrivano ad un corso di formazione professionale, ricevendo così 439 dollari a testa, prima di poter essere reintegrati nella vita civile. Il programma, tuttavia, presenta alcune difficoltà non irrilevanti.

Secondo l’agenzia stampa umanitaria dell’Onu, IRIN, l’errore del Governo è stato quello di generare un programma sbilanciato troppo verso il disarmo e la smobilitazione dei ribelli a scapito di una programmazione organica e razionale che permettesse a questi ultimi di essere riabilitati e reinseriti nel contesto sociale e civile del loro Paese.

L'amnistia per i guerriglieri del Mend e di altri gruppi autonomisti del Delta del Niger è stata voluta del presidente della Nigeria Umaru Yar'Adua nel luglio 2009, a seguito di una rapida e cruenta escalation di violenze innescatasi tra il 2006 e il 2009 per quella che avrebbe dovuto essere una guerra lampo lanciata dall'esercito nigeriano e che invece si è trasformata in una guerra di trincea impantanatasi nelle paludi del Delta.

Una guerra che guarda poco agli interessi della gente e molto di più a preservare e tutelare le grandi multinazionali che traggono grandi profitti dall’estrazione del petrolio.

mend guerriglieri
Facendo un pò di analisi storica si appura che la rivolta del Delta ha ragioni soprattutto economiche
Facendo un pò di analisi storica, infatti, si appura che la rivolta del Delta ha ragioni soprattutto economiche. Le comunità che vivono in quei territori non hanno benefici dalla presenza delle multinazionali petrolifere anzi subiscono le conseguenze provenienti, in termini di impatto ambientale e sulle loro stesse condizioni fisiche, tanto dalle attività estrattive del petrolio quanto dalle esalazioni del gas bruciato all'aria aperta.

Pare che il governo centrale di Abuja abbia approntato delle misure per assicurare che una parte maggiore dei profitti del petrolio sia investita nello sviluppo economico degli Stati del Delta. Il 21 aprile il presidente ad interim della Nigeria, Goodluck Jonathan, ha adottato una proposta di legge secondo la quale le imprese nazionali hanno priorità assoluta nell’ottenere la concessione delle aree petrolifere. La stessa proposta esige poi che le società straniere assumano più lavoratori locali.

A proposito, nell’aprile di quest’anno le autorità dello Stato del Delta hanno adottato un budget di 2,2 miliardi di dollari, il 63% del quale sarà assegnato alla costruzione di infrastrutture negli Stati colpiti dalla guerra. Stessa cosa è stata affermata dal governatore dello Stato di Bayelsa, il cui bilancio di 1,28 miliardi di dollari comprende la ricostruzione delle strade di accesso alla costa, il sostegno ai centri per i giovani e la ricostruzione dei centri sanitari.

Come si nota, nel quadro dell’ampio programma previsto dal governo centrale di Abuja molto spazio è dedicato alla ricostruzione del Paese ed al processo di disarmo dei ribelli mentre scarsa attenzione è stata posta, come si è detto, ai programmi di riabilitazione e reintegrazione.

petrolio sabotaggi delta niger
Il Governo aveva previsto l’iscrizione al programma di 10000 ex guerriglieri, ma a presentarsi sono stati circa 17500
Lo prova il fatto che il Governo aveva previsto l’iscrizione al programma di 10000 ex guerriglieri, ma a presentarsi sono stati circa 17500, poiché visto che ai veri ribelli si sono aggiunti giovani disoccupati, criminali e militanti di gruppi armati specializzati in rapimenti e razzie.

Di più, nonostante un numero così alto di iscritti rispetto alle previsioni, le armi depositate sono state soltanto 2700: un numero infinitamente inferiore rispetto al volume stimato dell’arsenale in possesso ai guerriglieri.

Dall’altro lato ci sono però anche le lamentele di coloro che hanno preso sul serio il programma di amnistia. Si denuncia infatti il ritardo nei pagamenti mensili e l’inadeguatezza dei centri preposti ai corsi di formazione professionale. Una denuncia a cui da più parti hanno visto legate le due bombe rivendicate dai rivoluzionari del Mend e piazzate nella città di Warri, fuori dall’edificio in cui le autorità vorrebbero mettere a punto il programma di amnistia.

Alle bombe potrebbe però essere data un’interpretazione diversa, ovvero dissuadere le autorità nigeriane dall’applicare il programma di amnistia che per le guerriglie significherebbe un indesiderato sfoltimento della propria manovalanza.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Petrolio Shock

Andiamoci cauti con l'iran. perché la situazione è molto più complicata di come ce la dipingono i media. e su...
Continua...
Petrolio

Un noto giornalista del finacial times, esperto di problemi energetici, fornisce informazioni indispensabili...
Continua...
Petrolio e Dopo?

Per tutto il xx secolo gli allarmi sulla fine del petrolio sono stati lanciati con cadenza regolare: già...
Continua...
Petrolio e Politica

Inverno 1973-74: dopo la guerra del kippur e la chiusura del canale di suez, il mondo trema di fronte al...
Continua...
5 Maggio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Il Mondo Secondo Monsanto - DVD

Un film-indagine che ci porta a riflettere sulle basi etiche della nostra società dei consumi: trasparente,...
Continua...
Guida alla Sopravvivenza

Secondo la prospettiva olistica la terra costituisce un grande organismo di cui fa parte anche l'uomo, il...
Continua...
La Prossima era Glaciale

65 milioni di anni fa, i dinosauri vennero spazzati via dalla faccia della terra da qualcosa di terrificante...
Continua...
Geopolitica dell'Acqua

L'acqua è alla base della vita del pianeta. è, dunque, un bene comune o un bene economico? l'acqua è la...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una "ecologia di superficie" che...
Continua...
Cosa Mangia il Pollo che Mangi

Che cosa ha mangiato il pollo che stiamoper gustare in punta di forchetta?come sono stati coltivati i fagioli...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
TERRANAUTA TV
Alex Zanotelli e la privatizzazione dell'acqua
Altri video su TERRANAUTA TV...
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità