WWF

Scajola da l'ok alle trivellazioni nel golfo di Taranto

Lo scorso 30 aprile Claudio Scajola ha dato a Shell Italia il permesso di compiere ricerche petrolifere nel Golfo di Taranto. Una notizia preoccupante proprio a pochi giorni dal disastro nel Golfo del Messico che, oltre ad aver causato molti morti, è una forte minaccia per la biodiversità di questi luoghi.

CONDIVIDI: Condividi su Facebook Condividi su Ok Notizie Condividi su Fai Informazione Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Digg Condividi su Technorati Condividi su Google

piattaforma petrolio shell taranto
Il Ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, ha rilasciato proprio il 30 aprile a Shell Italia il permesso di ricerca petrolifera offshore nel Golfo di Taranto
Il Ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, ha rilasciato proprio il 30 aprile a Shell Italia il permesso di ricerca petrolifera offshore nel Golfo di Taranto, mentre il Presidente Obama impone il blocco delle trivellazioni petrolifere in mare a seguito del disastro nel Golfo del Messico.

Il WWF è preoccupato inoltre delle conseguenze che potrà avere il decreto, firmato il 29 aprile, che “semplifica le procedure per le attività di ricerca petrolifera svolte d'intesa con le Regioni”.

Il WWF chiede forti rassicurazioni sul fatto che la valutazione di impatto ambientale, necessaria nel caso di trivellazioni a scopo di ricerca come quella approvata nel Golfo di Taranto, sia stata fatta nel migliore dei modi e che ogni misura di prevenzione sia stata adottata per limitare e mitigare i danni che ogni trivellazione in ogni caso comporta.

Speciali precauzione vanno adottate in quei tratti di mare o nelle vicinanze di coste ad elevato valore per la biodiversità. Ricordiamo infatti che il Mediterraneo, una delle 200 ecoregioni a più alta biodiversità del mondo, è tutt'ora uno dei mari con la più alta concentrazione di idrocarburi dovuti non a disastri, ma al cronico sversamento di petrolio effettuato illegalmente dalle navi cisterna.

Quasi un quarto delle petroliere del mondo passa dal Mediterraneo.

“Ma in tutto questo sconsolante panorama, l’unico effetto positivo potrebbe trovarsi nell’aumentata consapevolezza che così non si può andare avanti e che la spinta verso energie alternativa meno pericolose e devastanti dovrà crescere sempre più rapidamente. Anche per non accelerare la corsa verso la fine del mondo che, potrebbe arrivare anche prima del 21 dicembre del 2012 , data prevista dalla profezia del calendario Maya” dice Fulco Pratesi Presidente onorario WWF Italia nel suo nuovo blog “Biodiversamente” ospitato su National geographic, a commento del disastro nel Golfo del Messico.

PER SAPERNE DI PIU' SULL'ARGOMENTO
Petrolio Shock

Andiamoci cauti con l'iran. perché la situazione è molto più complicata di come ce la dipingono i media. e su...
Continua...
Petrolio

Un noto giornalista del finacial times, esperto di problemi energetici, fornisce informazioni indispensabili...
Continua...
Petrolio e Dopo?

Per tutto il xx secolo gli allarmi sulla fine del petrolio sono stati lanciati con cadenza regolare: già...
Continua...
Che fine ha fatto il petrolio?

Nell'economia globale, le distanze sono calcolate in dollari. Se il petrolio costa poco, non importa...
Continua...
3 Maggio 2010 - Scrivi un commento
Ti è piaciuto questo articolo? Cosa aspetti, iscriviti alla nostra newsletter!

E-mail
2 lettori hanno commentato questo articolo:
20/6/10 20:11, fabio ha scritto:
è assurdo che oltre a voler costruire centrali nucleari in italia,15 x 15o miliardi di euro,vogliano creare trivellazioni nei mari del sud italia.ma sti politici non capiscono proprio niente.sono mosse altamente errate,nucleare,trivellazioni marine,ponte sullo stretto.ma cosa si credono che oltre alla crisi globale possiamo sopportare anche queste cose...sara un medioevo,altro che progresso,il futuro...
4/5/10 13:35, Giac ha scritto:
Non potevano arrestarlo prima???
Questo governo sta facendo un sacco di guai per la città di Taranto.
Arianna Editrice
Macro Credit
Mappa Mondo Nuovo
IN VETRINA
La 62ma edizione della Commissione baleniera internazionale (IWC) si è conclusa, lo scorso 25 giugno, senza un accordo concreto tra i Governi sulla caccia alle balene. Questa tendenza alla mancata tutela del nostro ambiente marino deve essere invertita, o tutti, non solo i paesi che vivono di pesca e caccia alle balene, saranno in difficoltà come gli oceani che si svuotano.
SITO UFFICIALE
PAROLE CHIAVE
LIBRI CONSIGLIATI
Mutamenti Climatici

Quante volte abbiamo ascoltato con una punta di scetticismo chi ci parlava di mutamenti di clima?Eppure negli...
Continua...
Fermiamo Mr. Burns

1987: con un referendum abrogativo gli italiani dicono NO al nucleare.2007: nonostante la decisione del...
Continua...
Risparmiare sui Consumi

Risparmiare energia, ridurre i consumi, riciclare correttamente i rifiuti: ecco una guida agile per...
Continua...
Ecologia Profonda

In questo libro vengono distinti per chiarezza due tipi di ecologia: una “ecologia di...
Continua...
Terra il Pianeta Prezioso

Inquinamento, deforestazione, mutamenti climatici, animali in via di estinzione... Proteggere la Terra non...
Continua...
ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI
ARTICOLI CORRELATI
ULTIMI COMMENTI
gian_paolo ha commentato l'articolo Nucleare e salute, un'altra ragione per dire no
carlo ha commentato l'articolo Quel che resta del Polo
linda maggiori ha commentato l'articolo Latte materno, diossine e Pcb
Simone ha commentato l'articolo Prahlad Jani, l'asceta che si autoalimenta da 74 anni
grazia ha commentato l'articolo Orti urbani: sostenibilità e socialità